x

x

Ansia e cattivo umore - cosa fare?

Salve,
Scrivo perché sto avendo un problema da questa mattina che non so come risolvere.
Un paio di giorni fa ho chiamato il mio medico di base perché ho iniziato ad avvertire un cattivo umore (stress, ansia, rabbia mista a tristezza... ) che sta compromettendo la mia vita.
Premetto che in passato ho assunto degli ansiolitici, ma poiché l'ansia e il cattivo umore erano spariti, sotto indicazione del medico, ho cessato di prenderli.
Come dicevo i sintomi si sono ripresentati è così ho deciso di prenotare un appuntamento (è mercoledì).
Il problema è che da questa mattina la situazione è peggiorata e temo davvero di non riuscire ad aspettare fino a mercoledì.
Non mi aspettavo che la situazione potesse aggravarsi così in fretta e soprattutto che potesse diventare così invalidante.
La mia domanda è cosa si fa in questi casi?

Ci tengo a sottolineare che la mia non è semplice impazienza.
Come dicevo mi sembra quasi una situazione invalidante.
Può darsi che la situazione migliori prima di mercoledì, ma è da questa mattina che mi sento così.
[#1]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 3,7k 184 26
Un cambiamento così repentino dell'umore richiede un esame approfondito presso uno specialista, l'ansiolitico non è una terapia, può eliminare i sintomi per poco tempo, ma non risolve il problema. Se il disagio è molto accentuato può rivolgersi al pronto soccorso, dove il medico giudicherà se richiedere una consulenza urgente.
Magari non è il suo caso, lo scrivo per le persone che ci seguono, ma a molti giovani succede di avvertire disturbi psichici anche gravi dopo l'uso di sostanze, una volta smaltito l'effetto ricercato.

Franca Scapellato

[#2]
dopo
Attivo dal 2019 al 2021
Ex utente
La ringrazio per la risposta.
Effettivamente avrei dovuto specificare che sono già in psicoterapia.
Nel frattempo la situazione posso dire che sembra migliorata.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio