Utente 583XXX
Da poco più di due anni sto seguendo un percorso di psicotera a causa di un disturbo di ansia, precisamente disturbo post traumatico da stress.
Da quando ho iniziato non ho notato particolari progressi anzi noto che il mio umore peggiora di giorno in giorno.
Non riesco a far nulla senza andare in ansia (palpitazioni, panico), tendo a procrastinare i miei impegni, ho difficoltà nei rapporti sociali, qualsiasi cosa apparentemente negativa, anche irrilevante, mi causa un calo di umore esagerato.
La mia visione del mondo e della realtà e generalmente negativa, cerco conforto negli altri ma contemporaneamente mi sembra che nessuno se me importi di me.
I miei pensieri sono per lo più: "la mia vita è senza senso; perché non muoio?; nessuno mi vuole bene; sono sfortunato; non ce la faccio più".
Dalle sedute con lo psicologo è emerso che lo stato d'animo attuale mi è stato causato da diversi traumi in diversi contesti della mia vita, sia recenti che lontani, però non mi spiego il perché della mancanza di progressi nonostante la psicoterapia.
Vorrei dei consigli in merito... Cosa fare?
Devo passare a una terapia farmacologica?
Grazie!

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Può essere opportuna una valutazione psichiatrica per un trattamento conseguente eventuale.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139