Utente
Gentile dottore,

mia nonna di 77 anni vive attualmente una situazione di disagio psicologico che va avanti da circa 6 mesi.

Tutto è iniziato, secondo noi, con l'esordio del coronavirus.
Lei viveva con mio nonno e sono rimasti isolati dai figli in quanto avevano paura di aprire la porta a chiunque nel periodo del virus.
Negli ultimi tempi siccome la salute di mio nonno è peggiorata, lei lo accudiva sempre in questa situazione di isolamento.
Contemporaneamente lei ha manifestato sintomi come: paura di toccare oggetti, lavaggio compulsivo delle mani, ansia e attacchi di panico.
Tutt'oggi la situazione è degenerata perché ha alcune convinzioni che nessuno riesce a toglierle dalla mente, ovvero la paura da un momento all'altro che qualcuno arrivi nella sua per portarla in un centro di cura o farle del male.
Ancora ha paura che qualcuno entri in casa sua per derubarla.
Spesso non crede a quello che le dicono i figli e pensa che possano nasconderle le decisioni che possono prendere su di lei.
Ha molta paura degli estranei.
Il suo sguardo è cambiato, gli occhi sono vitrei e sembra guardare nel vuoto anche quando parla con noi, ma non ha problemi di dimenticanze, o problemi a leggere l'orario.
Ricorda perfettamente il passato e il presente.
Stiamo cercando di capire se tutto questo possa essere dovuto ad una forte depressione o se sia l'esordio di una patologia neurodegenerativa.
Come dovremmo comportarci?


Grazie

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Buongiorno,

nei limiti del consulto a distanza che come tale non può sostituire una visita medica specialistica effettuata di persona

il quadro clinico descritto potrebbe essere quello di un Deterioramento Cognitivo associato ad un Disturbo Psichiatrico.

E' assolutamente indicata una Valutazione Neurologica/Neuropsichiatrica per formulare una ipotesi diagnostica dopo una vera visita medica ed eventuali accertamenti strumentali...

cui far seguire la impostazione di un trattamento "mirato".

Cordialmente
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La sintomatologia non è strana in una paziente anziana che può trovarsi in una situazione stressante.

Teoricamente la situazione va valutata e trattata con una visita specialistica che possa stabilire un percorso di cura appropriato.

Non sempre le manifestazioni delle patologie senili possono presentarsi con disturbi cognitivi per cui il fatto che la memoria sia conservata in modo pressochè completo non è indice di assenza di patologia.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72