Gelosia nei cofronti del partner

Salve,
Sono un ragazzo di 28 anni. Vorrei capire realmente se soffro di paranoia e trovare una Soluzione al problema.
Vi racconto la mia storia. Da pochi mesi ho iniziato una nuova relazione con una ragazza Dopo quasi 3 anni dall ultima. Non conosco bene questa persona, ma sento che mi vuole
Bene e che vuole stare con me, anche io vorrei vivere questa relazione serenamente. Normalmente io non mi fido delle persone, ma quando inizio ad affezzionarmi ad una persona
Le cose peggiorano, metto subito in chiaro che voglio un rapporto sincero e fedele per amare Ed essere amato profondamente ( il che e una bella cosa ) ma poi inizio ad essere geloso per Qualsiasi cosa, anche se guarda un altra persone. Ultimo esempio che mi ha portato a Controllare sul web e chiedere un consigno e successo questa notte: stavo dormendo quando Ricevo un messaggio di buona notte dal attuale partner, inizio a leggere I messaggi della Giornata, quando mi accorgo che per circa 3 ore non ci siamo messaggiati, inizio ha pensare Che lei era con un altro uomo ed inizio ad incazzarmi molto e soffrire, pensando negativo, Perche non mi ha scritto ? Cosa stava facendo ? (premettendo che lei lavora in quel lasso di Tempo) sono riusciuto a calmarmi soltanto distraendomi.
Nella mia vita ho avuto tante relazioni e convivenze con donne di diverse nazionalita, Essendo sempre in viaggio da un paese al altro. Quasi tutte sono terminate per la mia gelosia O probabilmente paranoia, avvolte molto forte, da far allontanare le persone che mi amano.

Spero che queste poche righe rendano l idea del problema, per altri informazioni rimango a disposizione.


[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Utente,
dal suo racconto sembra emergere una buona dose di consapevolezza del suo disagio: la sospettosità e la gelosia.
Una relazione d'amore, non è piu' sana, tanto più si sta vicini o tanto più ci si scrive, ma tanto più si trova "la giusta distanza" per far funzionare un rapporto.
("Normalmente io non mi fido delle persone, ma quando inizio ad affezzionarmi ad una persona
Le cose peggiorano").
La simbiosi, il monitoraggio dell'altro, accentua ed amplifica la gelosia ed il bisogno compulsivo di controllare l'altro, di queste dinamiche, sarebbe utile conoscerne le cause e lavorarci su.
Le allego, un mio articolo, come spunto di riflessione.
V.Randone
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1894-gelosia-sana-o-patologica.html

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr.ssa,
Intanto la ringranzio per la sua disponibilita e pronta risposta.
Vorrei aggiungere alcuni dettagli che Le potrebbero far capire meglio la mia situazione.
Non capisco perche questa gelosia si scatena soltanto quando siamo vicini, per esempio, Ultimo mese sono stato a casa mia lontano ore di aereo dalla mia amata senza provare Nessun sentimento di gelosia. (premettendo di nn avere o cercere altre donne ) ma sicuramente circondato da persone che mi vogliono bene.
Nel momento che sono tornato nel posto in qui viviamo insieme, ritorna il sintomo di gelosia.
Forse tutto questo e dovuto dalla mia prima storia d amore.
Alla tenera eta di 14 anni ho iniziato il mio primo rapporto, ( relazione a distanza ) lei non Era Italiana. Questo amore e durato per 2 anni, ma ci vedevamo solo ad Agosto , nel resto Dell anno ci scrivevavo lettere (bei tempi ). Cmq il secondo anno venni avertito da amici Che lei era stata vista con un altro, lo seguita la mattina presto ed era con un altra persona.
Puoi questo episodio aver portato inconsciamente problemi negli altri rapporti.
Inoltre ho subito all eta di 18 anni un forte trauma familiare (perdita mamma). Puo questo episodio aver influito sui miei rapporti con i partner ?

La ringrazio e buona giornata
[#3]
Dr.ssa Laura Mirona Psicologo, Psicoterapeuta 627 6 1
Caro utente,

solo lei può capire se questo racconto della sua ex che lei ci ha descritto in qualche modo potrebbe centrare con la sua attuale situazione di gelosia. Non è tanto il fatto in sè, ma bisognerebbe capire come lei abbia vissuto emotivamente quell'episodio. Dice che era in tenerissima età, bè è un'età importantissima, in cui si formano gli ideali delle relazioni (dell'amore, dell'amicizia e purtroppo anche della gelosia). Sente che quell'episodio abbia in qualche modo infranto i suoi, per così dire, "sogni di ragazzino"?

Dr.ssa Laura Mirona

dottoressa@lauramirona.it
www.lauramirona.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve Dr.ssa,

Per quell episodio ho sofferto, ma non penso che sia la causa del mio problema.
La relazione successiva di quasi 3 anni e stata ottima per I primi due, ultimo e stata un
Continuo soffrire per entrambi.
Comunque, ho avuto anche qualche relazione tranquilla senza timori e paure con donne fantastiche.
Parlandone con voi attraverso questo ottimo servizio, sto focalizzando il problema.
Si tratta di scatti di ira dovuti a pensieri negativi che avvolte mi passano per la menta.
Per esempio, ritornado alla relazione attuale, io non conosco bene questa persona e non ne Ho sentito parlare benissimo da alcune persona. Ma conoscendola sembra una brava Ragazza, ma faccio fatica a fidarmi. Visto che non mi importa di quello che dice la gente e Vorrei vivere questa relazione tranquillamente senza soffrire e farla soffrire inutilmente.
Soprattutto vorrei eliminare questo problema di paranoie che e comunque inutile e distruttivo per me in primis.
Secondo lei uso di alcol ed altre sostanze stupefacenti di cui ho fatto uso in passato, potrbbero essera la causa di questi cambiamenti di pensiero? Essondo comunque una persona positiva che vive la vita al massimo con tutte le sue sfaccettature belle e brutte.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio