Fobie da rumori

Buongiorno soffro di un disturbo legato ai rumori fa circa 6 anni che si è progressivamente aggravato con il passare degli anni. Non so se si può descrivere come fobia ma in breve avverto sensazioni di estremo fastidio e sofferenza fisica quando sono in presenza di persone che masticano (anche non troppo rumorosamente) o emettono piccoli rumori fisiologici come di chi si mangia le unghie o "gracchia" con la gola per schiarirsi la voce (comunque legati sempre alla bocca). Mi danno molto fastidio anche tutti i piccoli rumori fatti dlle persone come il ticchettio sulla tastiera del pc o addirittura del telefonino. Sentire questi rumori dopo pochi minuti mi provoca un dusagio tale che vorrei fare qualsiasi cosa per interrompere quel rumore o anche scappare via per non subire quei determinati suoni. Mi rendo conto che può sembrare paradossale ma questi sintomi hanno raggiunto una connotazione tale che i miei rapporti interpersonali a tutti i livelli (dai familiari ai rapporti di lavoro) sono spesso compromessi proprio per lo stress che mi porta tale disturbo. Ho anche dei sintomi più "fisici" derivanti dall'ascolto di tali rumori e che io ritengo maggiormente pericolosi come perdita dell'orientamento e sensi di svenimento. Basta che io sto in un ambiente con suoni naturali e di quiete che tali sintomi o disturbi scompaiono completamente. Chiaramente dopo tanti anni a volte ciò non basta perchè oramai la mia mente è accompagnata dalla paura che questi rumori dovrò necessariamente subirli e quindi solo una completa evasione di molte ore mi porta a stare realmante meglio. e' difficile descrivere un sintomo così complesso. Perchè per chi non ne è consapevole può sembrare frutto dell'immaginazione è può essere sbrigativamente archiviato come pazzia. Ma anche se fosse "pazzia" io so benissimo che i sintomi che provo sono così crudelmente reali. Il cosidetto "fastidio" è una iniziale intollerabilità a livello uditivo del rumore (e specifico intollerabilità a suoni molto flebili, perchè suoni anche molto forti non mi danno alcun fastidio anzi mi piacciono...) che se si protrae per più di qualche minuto intacca la mia sfera emotiva e fisica portando il mio corpo a reagire con accelerazione della velocità e dell'intensità del battito cardiaco, perdita dell'orintamento, sensazione di debolezza generalizzata, sensazione di stress molto intenso fino ad arrivare alla perdita della concentrazione, le ho provate tutte, otorino, agopuntura, neurologi, reiky,psicologi, e ora lo pschiatra che mi sta curando per disturbi dell'umore, ma nn ha capito che sono i rumori a danneggiarmelo, in quanto nonostante la cura, li sento lo stesso!sro' andando da una settimana anche da un sessuologo in quanto intacca anche quella parte........aiuto nn so piu' dove rivolgermi!
[#1]
Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia Psicologo, Psicoterapeuta 740 20 3
Gentile Signora,
Vedo dai precedenti consulti che il suo problema non è stato risolto. Si è' sottoposta agli accertamenti che i Colleghi le hanno consigliato?
Cordiali saluti
Dott.ssa Elisabetta Scolamacchia

Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia
Psicologa. Psicoterapeuta. Analista Transazionale

[#2]
dopo
Utente
Utente
mi sono affidata completamente ai consigli dei suoi colleghi con tutto quello che potevo fare....potrebbe essere ansia?
[#3]
Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia Psicologo, Psicoterapeuta 740 20 3
Gentile Signora,
Se lei ha fatto tutti gli accertamenti che il dott..Brunori nel precedente consulto le aveva consigliato, ovvero una visita audiologica, che cosa e' venuto fuori?
Comprendo quanto possa essere limitante e anche invalidante il problema che lei porta e frustrante per il fatto che, a tutt'oggi, non abbia trovato un rimedio. Il suo psichiatra, che cosa le ha prescritto? Da quanto tempo prende farmaci per i disturbi dell'umore? Mi rendo conto che il fastidio per il rumore può generare una serie di reazioni emotive sgradevoli che, a loro volta, possono persino amplificare il rumore e, di seguito, provocare altre emozioni e pensieri negativi. È' una specie di catena che si ripropone ogni volta che lei è' esposta al rumore. Relativamente alla consulenza psicologica, che orientamento aveva lo specialista? Era anche psicoterapeuta e, se si, di quale indirizzo? Come si svolgevano le sedute? In attesa di una sua risposta, le invio cordiali saluti.
Dott.ssa Elisabetta Scolamacchia
Psicologa ad ind. Clin.
[#4]
dopo
Utente
Utente
ho appena fatto una visita da un otorino all'osp.piacenza. dove senza esami approfonditi mi ha escluso l'iperacusia.il prossimo audiologo l'ho il 6 giugno con l'intento si fare tutti gli esami!l'umore lo sto' curando da un anno e mezzo ma ho dovuto sosp da qualche settimana con la cura, in quanto mi dava effetti collaterali insopportabili, e alla fine lo spicologo si e' anche arreso dicendomi che nn sapeva piu' cosa fare, cosi' martedi 16 vado in un cps e lo sostituisco, sperando di fare colloqui anche con uno spicologo.quello visto in precedenza nn so' di quale indirizzo era, so' solo che era molto giovane e inesperta e nn mi dava molto fiducia
Le garantisco che si sta' malissimo, e' come avere un male che logora di gg in gg,
quando sento i rumori, nn lo auguro a nessuno, e purtroppo nn ho mai trovato nessuno competente, si sono sempre arresi sia dai neurologi che otorini e psichiatri, che mi curavano tutti per depressione, nn capendo che il mio pianto era ed e'solo per sfinimento
grazie per le risposte
[#5]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Signora,
quale diagnosi è stata fatta?

Depressione, ansia...?

Quale ambito della sfera della sessualità, se si sente di dirlo, viene intaccato da questa sua problematica?

Da quanto leggo, sembra che il rumore esterno, le impedisca di sintonizzarsi con quello interno........c'è qualcosa che la disturba, come un "rumore di fondo psichico" che vorrebbe attenzionare e che non riesce a fare?

Ci sono state modifiche ambientali, familiari, emotive, sessuali, nella sua vita negli ultimi tempi?

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
le sembrera' starno, ma in 6 anni di visite, nessun medico mi ha fatto una diagnosi, nn hanno mai capito cosa avessi.negli ultimi anni ho avuto una separazione dopo 13 anni di matrimonio che nn era neanche da fare, e ad ogni rapporto con mio marito era una forzatura contro la mia volonta', e nn ero felice!ora da 6 anni convivo con una persona che amo che purtroppo nn riesco a soddisfare sessualmente perche da qualche anno nn ho piu' desiderio sessuale, e infatti sto' andando da una sessuologa(ho fatto solo una seduta per ora)!quel maledetto rumore intacca tutta la vita lavorativa, rapporti con gli altri e familiare!desideravo avere un figlio, ma nonostante sani, nn ne ho avuti........
[#7]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Da quanto leggo, sembra che "rumori di fondo" da ascoltare e decodificare, ce ne siano tanti.....ed importanti, otre che ingombranti per la sua psiche

Il desiderio sessuale, nasce, cresce e soprattutto si mantiene all'interno di una relazione, proprio in virtù della relazione, non è avulso da tutto il resto, va "innaffiato", concimato e nutrito, proprio come una piantina che deve crescere.

Forse non ha ancora elaborato la fine del suo matrimonio
forse questa nuova relazione non ha le caratteristiche che la soddisfano mentalmente, emozionalmente e fisicamente,
forse il desiderio di maternità travalica la sfera ludica della sessualità, diventando ingombrante e compromettendo il desiderio sessuale stesso..
forse....
ci sarebbero tanti "forse" ed ipotesi diagnostiche da poter analizzare, per andare a fondo.

Spesso non è trattando il sintomo, cioè il suo fastidio per i rumori, ma quello che c'è dietro il sintomo, cioè cosa ha fatto si che il sintomo si impossessasse della sua serenità, che si inizia a capire come poterla aiutare...


le allego qualche lettura sulla complessa sfera del desiderio sessuale della sua "assenza" o latitanza in camera da letto.

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1268-i-disturbi-del-desiderio-sessuale-parte-seconda.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1268-i-disturbi-del-desiderio-sessuale-parte-seconda.html

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio