Difficoltà costante nel respirare causa ansia

salve,ho 20 anni è circa un mese fa all'improvviso ho avuto un attacco con forti difficoltà nel respirare formicolio a mani labbro superiore e naso sensazione di morte e svenimento dopo quell'attacco sono andato dal mio medico curante che mi ha visitato non trovando niente di anomalo nel respiro e al cuore ma ogni giorno ho sensazioni di disagio e non riesco a respirare mi sento il fiato bloccato in gola ma dopo il primo attacco ho avuto solo tre quattro volte forti attacchi ma non come il primo solo con difficoltà respiratorie e sensazione di nausea. Sono un fumatore ma da quando ho avuto l'attacco fumo molto di meno e per una settimana sono stato benissimo poi sabato ho avuto un nuovo attacco e ora sto come prima difficoltà costante nel respirare e sensazione di disagio . è ansia? come potrei curarla? sono molto preoccupato non so più che fare non riesco a uscire ho paura di guidare sto cercando uno specialista e per ora cerco consiglio qua grazie.
[#1]
Dr. Fabio Mastroianni Psicologo 19
Salve,

l'ansia è un disturbo che potrebbe essere somatoforme ossia legato ad altri aspetti che possono essere importanti nella sua vita.
Generalmente esistono molti farmaci per attenuare le crisi ma le consiglio innanzitutto di parlare con uno psicologo/psicoterapeuta e nel caso dovesse avere degli attacchi più intensi, di rivolgersi ad uno psichiatra per un trattamento adeguato.
Per qualunque necessità sono a disposizione.

Un cordiale saluto

Dr. Fabio Mastroianni

[#2]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Gentile Utente,
normalmente prima di decidere se si tratti o meno di ansia è bene escludere con certezza la presenza di patologie di tipo organico, Ad es. sono molto frequenti i sintomi che Lei descrive nei problemi tiroidei. Bisogna quindi vedere se il Medico le ha prescritto esami del sangue, visite specialistiche, ecc.

Quindi, io tornerei dal Suo curante (che se ho capito bene non le ha fatto fare approfondimenti, giusto?) dicendo che i sintomi sono tornati.

Una volta escluse con certezza le cause mediche, allora possiamo trattare questi sintomi come legati ad un disturbo d'ansia.

In questo caso, è possibile trattare l'ansia con psicoterapie specifiche (ad es cognitivo-comportamentale) eventualmente in associazione al supporto farmacologico.

Nel frattempo si porti avanti: riduca il fumo, inizi a fare attività fisica regolarmente, controlli l'alimentazione, insomma provi a darsi una regolata generale.

Per approfondire le allego questi due articoli su ansia e panico

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/205-caro-psicologo-mi-sento-ansioso-i-disturbi-d-ansia-e-la-terapia-cognitivo-comportamentale.html

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/315-il-panico-e-l-agorafobia.html

Comunque, per quanto possibile, cerchi di stare sereno. Come vede ci sono tante cose concrete da fare. Coraggio!

Cordialmente

Daniel Bulla

[#3]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Utente,
Anche io, come suggerito dal dr Bulla, le suggerisco di effettuare una diagnosi differenziale del suo corteo sintomatologico.

La prima tappa è sicuramente l' esclusione di un etiologia organica,mediante una visita dal suo curante, poi escluse cause organiche si effettuerà una scrupolosa diagnosi psicologica.

L' esclusione di cause organiche, non esclude automaticamente quelle psichiche, che necessitano di ascolti specialistici.

La cura eventuale si stabilirà soltanto dopo la diagnosi, come un abito su misura

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
grazie per le vostre risposte, sono stato al pronto soccorso dove mi hanno controllato solo la pressione battito cardiaco e respiro e hanno detto che cuore e polmoni sono normali e mi hanno prescritto una visita psichiatrica il mio medico curante mi ha prescritto analisi del sangue e dell'urina martedi saprò i risultati ora però si è presentata una tosse secca con senso di asfissia che dipende sempre dall'ansia? comunque anche mia madre ha avuto problemi di tiroide può essere anche quello?
[#5]
Dr. Fabio Mastroianni Psicologo 19
Come hanno affermato precedentemente i colleghi seguire l'iter per escludere altre cause oltre quella psicologica è molto importante in questo caso.
Segua il consiglio dei suoi medici controllando le analisi.
Faccia dei controlli per la tiroide e in caso negativo si consulti anche con uno psichiatra ed uno psicoterapeuta. In questo modo ha la possibilità di ricevere il maggior numero di informazioni per comprendere la causa del problema.

Un cordiale saluto
[#6]
dopo
Utente
Utente
in attesa di andare a ritirare le analisi come consigliatomi ho cercato di fare attività fisica, premetto che non faccio attività fisica da settembre e in media fumavo venti sigarette al giorno, comunque sono andato a fare una corsetta durante la quale avvertivo piccole fitte nella parte destra del petto e quando mi fermavo e facevo grandi inspirazioni a volte avvertivo fitte nella parte del cuore comunque e anche un pò di tosse comunque dopo la corsa tornato a casa ho incominciato ad avere gravi difficoltà respiratorie e formicolio al naso e al braccio sinistro ora chiedo vista la mia situazione e tutto normale' e dovuto sempre all'ansia? negli ultimi giorni sono stato piuttosto bene ora sto incominciando a spaventarmi di nuovo
[#7]
dopo
Utente
Utente
Sono stato di nuovo al pronto soccorso dopo un forte attacco stavolta mi hanno fatto analisi del sangue elettrocardiogramma radiografia toracica e un controllo con un cardiologo e non hanno trovato nulla è tutto perfettamente normale e mi hanno prescritto visita psichiatrica ora credo si può dire che si tratta di ansia? prima di prendere un appuntamento da uno specialista volevo chiedere devo andare da uno psichiatra o uno psicologo? mi è stato detto psichiatra ma vorrei un parere più esperto ...e vorrei sapere se vista l'ultima volta posso fare tranquillamente sport..grazie in anticipo per le vostre risposte
[#8]
Dr. Fabio Mastroianni Psicologo 19
Salve,

provi intanto a recarsi da uno psichiatra facendo presente queste difficoltà e il referto del pronto soccorso.

Cordialmente,

[#9]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Gentile Utente,
inizi pure con la visita psichiatrica.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio