Chiedo aiuto

Gentili Dottori Buonasera vorrei chiedervi un parere sulla mia storia.
La mia famiglia è composta da me mia madre mio padre e mia sorella , nel nostro stesso palazzo abitano i nonni e qualche zio , abbiamo un legame forte che no riusciamo ad esprimere.
Settembre 2012_
Mia sorella parte fondamentale della mia famiglia si sposa e ovviamente cambia casa e va a vivere un pò lontano da noi quindi nn c'è la sua presenza quotidiana , rimaniamo soli io mamma e papà in casa.

Ottobre 2012_
Mio padre ha un impresa edile con un suo amico , quest'amico da un momento all'altro si trasfomra in un animale lo vuole buttare fuori dalla società nonostante mio padre sia una persona adorabile e capacissimo nel suo lavoro , inizia un periodo di follia dietro alle bizze di questo animale.
Aprile 2013_
Arriva una telefonata dopo pranzo da casa di mia nonna "Nonno nn si è sentito bene" arrivo a casa di mia nonna e trovo nella stanza da letto a mio zio e mia nonna vicino a mio nonno steso sul letto nonno è cosciente parla gli do un bacio per rassicurarlo ma non si sente bene chiamiamo l'am,bulanza e il cardiologo proviamo a mettergli l'ossigeno ma all'improvviso manda gli occhi dietro e nn parla più(nonno era cardiopatico ed aveva 83 anni ma era senza ombra di dubbio la persona più attiva giovanile e energica che abbia mai conosciuto) io parlo a telefono con il cardiologo che dice: "che posso fare che posso fare" e nel frattempo corro per il palazzo a chiamare tutti gli zii e le ziee o chiunque mi possa dare una mano ma nonno ci saluta.

Luglio 2013_
Dopo aver letto un articolo su un deputato 5 stelle malato di sclerosi multipla inizio a temere di esserne affetto , il tutto a pochi giorni di partenza per la Grecia , il terrore nn capisco più nulla fascicolazioni debolezza, parto per la Grecia ed ho un contatto prolungato con mamma e papà per descrivergli i miei sintomi(mi sono sentito molto in colpa per questo io odio essere di peso mi piace essere la roccia della situazione anche se sono molto emotivo caratterialmente) la paura per la sclerosi diventa paura per la SLA , dopo le vacanze passate tra Grecia e Ischia con i miei genitori e i miei migliori amici a fine Ottobre 2013 vado dal neurologo che esclude qualsiasi patologia (fortunatamente) ma io resto in uno stato di tensione fortissima.
Rallento molto la palestra che faccio assieme al mio migliore amico ed inizio ad essere arrabbiato perchè non riesco più a stare al suo passo
Ottobre 2013_
Inizio a frequentare una psicologa per la mia ipocondria ma mi sembra di nn giungere a nulla , anzi a fine Ottobre nella notte ho un attaco di panico che temevo fosse un attacco di cuore, da questo momento in poi io mi focalizzo interamente sul cuore corse al pronto soccorso sempre negative e visita cardiologica negativa.
Il cardiologo e il medico generico mi dicono di stare tranquillo ma io prp nn ci riesco so per detta dei medici che può capitare anche a chi è sano e io non riesco più a vivere bene ho paura di morire
[#1]
Dr.ssa Sabrina Camplone Psicologo, Psicoterapeuta 4.9k 86 75
Gent.le ragazzo,
se non si trova bene con la Psicologa ne parli direttamente con lei e se conclude di non sentirsi aiutato si senta libero di rivolgersi ad un altro professionista, non ha senso portare avanti un percorso che non si sta rivelando terapeuticamente efficace.

Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara
www.psicologaapescara.it

[#2]
Utente
Utente
DOTT.ssa

Ho interrotto stesso a novembre con la psicologa e nn ho provato con nessun'altro , odio questa figura.
[#3]
Utente
Utente
Dott. Io da stamattina ho la sensazione che mi verrà qualcosa a l cuore io non so che fare , ripeto la psicologa nn ha sortito effetto , nn mi controllo
[#4]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.9k 583 67
Gentile Utente,
non sempre la prima esperienza con uno psicologo "riesce bene". "Non mi controllo". Le sono stati prescritti farmaci per l'ansia? Li assume? Glielo chiedo avendo dato un'occhiata ai numerosi consulti giunti finora, da due anni a questa parte.
Se veramente "odia questa figura" di psicologa/o, come mai si rivolge a noi? Riprovi con convinzione presso un/a psicoterapeuta con esperienza, La aiuterà.

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/

[#5]
Utente
Utente
Dottoressa io sono leggermente ipocondriaco e dico leggermente perchè prima di Luglio dello scorso anno sono stato bene , sinceramente non credo che qualcuno possa capire quello che ho in testa , odio pensare di prendere psicofarmaci , la mia paura diciamo che è una paura reale ed è quindi difficile da sconfiggere , bisognerebbe rassegnarsi
[#6]
Dr.ssa Angela Sarracino Psicologo, Psicoterapeuta 178 5
Gentile ragazzo,
odia gli psicologi, odia gli psicofarmaci, si fa diagnosi e cura da solo, allora per che cosa ci contatta? A mio avviso, lei dovrebbe rivolgersi ad uno psicologo per migliorare la sua situazione. Nessuno mette in dubbio che le sue paure siano reali, ma vuole tenersele per tutta la vita? Vive bene con le sue paure? E' questo che deve chiedersi. E poi chi ha detto che deve assumere farmaci? Sa che gli psicologi non possono prescriverne? Si dia una seconda possibilità e provi ad affrontare un percorso psicologico con maggiore volontà e motivazione, senza svalutare il collega che la seguirà.
Buon lavoro

Dott.ssa Angela Sarracino
Psicologa - Psicoterapeuta - Sessuologa clinica
www.sipsec.it

[#7]
Utente
Utente
Dott. io nn svaluto e odio è una parola che ho usato male , ora ho dolori al lato sinistro del corpo giramenti di testa battiti accellerati e sensazione di svenimento , io nn voglio vivere con questa paure ma non voglio neanche abbassare la gaurdia , nn so se mi sono spiegato
Sclerosi multipla

Cos'è la sclerosi multipla (SM)? Quali sono le cause della demielinizzazione e i fattori di rischio della malattia? Si possono individuare i sintomi precoci?

Leggi tutto