Eccitazione nei confronti del materiale etero

Sono un ragazzo di 24 anni e penso di soffrire di doc omosex, tutto è iniziato 6 anni fa in cui in classe avevo un ragazzo omosessuale che istigava noi ragazzi a divenire come lui ( premettendo che in infanzia ho sofferto di discriminazioni per essere definito gay solo per il motivo di avere ancora una voce docile e una buona educazione) il che mi ha fatto stare male, piangevo e avevo parecchi ansia perché avevo paura di ciò, il tutto alimentato dal fatto che sono sempre stato una persona molto curiosa e dato che in me non vedevo molte dotazioni a livello di dimensioni sessuali, trovavo curiosità nel confrontarmi con gli altri ma ovviamente senza eccitazioni, ahimè dopo ho fatto uso di materiale pornografico in tutte le sue categorie ( ormoni a mille) facendomi comunque diventare molto flessibile su tutti i fronti della sessualità. Il che dopo ho conosciuto la mia attuale ragazza, innamoratissimo, stupenda che mi ha fatto dimenticare tutto il mio passato quindi anche le ossessioni, in cui proprio con quest’ultima avendo vari rapporti durante una sola notte, le mie prestazioni sessuali si sono diminuite di molto, arrivando in quella notta a non provare più eccitazione nel vederla. Da lì l’inferno, ricado nel baratro del dubbio, cercando in internet e arrivando a testarmi nel confronto tra materiali porno omo e etero. Avendo sempre e solo difronte alle immagini, eccitazione nei confronti del materiale etero. Non contento testo e ritesto, comincio a testarmi sulle sensazioni che si possono avere facendo determinate posizioni del porno omo ma nulla di nulla, erezioni pari a zero. Ma ultimamente ho notato cambiamenti, se vedo video omo sembra come se stia avendo delle erezioni, ma mai come quando vedo la mia donna nuda. Il che mi alimenta l’ansia. Il mio psicologo dice che è normale perché quando si parla di sessualità è sempre una cosa che c’è dell’intinmita, è che ci sono persone che si eccitano anche negli spogliatoi, non è detto che si è per forza gay. In più mi ha fatto capire che L omosessualità è sempre amore, quindi se fin da piccolo non hai mai provato amore nello stesso sesso non mi dovrei preoccupare perché ora rimurgino dato che c’è il doc di mezzo.
Voi cosa ne pensate su ciò?
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
“Sono un ragazzo di 24 anni e penso di soffrire di doc omosex, “

Buongiorno,
Il DOC omosessuale non esiste, esiste il DOC e l’omosessualità.

Il primo si cura - non online - con la terapia combinata:
Farmacoterapia e psicoterapia.

Il,scindo non si cura, perché non è una malattia.

Ci ha già scritto altre volte per lo stesso motivo, mi chiedo se è in cura, e da quanto tempo?

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, si sono in cura da 3 mesi circa e mi ha aiutato molto, il che è un bene.
So benissimo che esiste il doc e L omosessualità, e con qui ci siamo, ma vorrei capire cosa vuole intendere con il fatto che non esiste il doc omosessuale, dato che seguendo diversi studi in psicologia, ci si fa molto riferimento a ciò.
In più è ovvio che L omosessualità non si può guarire, è normalissimo ciò, è comunque, oltre un orientamento sessuale anche un orientamento emotivo e sentimentale, ciò che io non ho mai avuto, il che lo lega ad una paura strettamente sessuale. Ora mi può spiegare la sua teoria. Grazie e arrivederci
[#3]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Non è una mia teoria.

Il doc, significa disturbo ossessivo compulsivo, e non esiste il doc omosessuale

La cura é sempre la stessa, calibrata al paziente dopo una scrupolosa diagnosi clinica. Anche di personalità
[#4]
dopo
Utente
Utente
Quindi lei sta enfatizzando che le persone affette di Doc omosex sono semplicemente, persone che non accettano la loro omosessualità?
A mio parere penso che in parte abbia ragione il doc e un disturbo ossessivo compulsivo che si cura sempre nello stesso modo e sarebbe la TCC ovvero la terapia cognitiva comportamentale, ma secondo vari studi il doc ha diverse diramazioni in cui c’è sia quello omosessuale, religioso, da malattia ecc..ecc...
Ma in se per se si cura sempre con la stessa terapia.
Il che però mi risulta strano il tutto. Perché sinceramente non sono mai stato omofobo, è se scoprirei una mia bisessualità latente non sarei dispiaciuto perché amo il sesso in tutte le sue forme, ma effettivamente pensare di esser “dominato” da un altro uomo mi crea disagio sinceramente, non mi sentirei me stesso, anche nei miei test che faccio il fatto di poter fare queste passività non mi crea nessuna eccitazione o erezione, forse curiosità ma nessuna erezione, la cosa che dà fastidio e la cessante paura di divenire omosessuale, è non paura di fare outing o cose del genere.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Scusa se sto riprendendo qui il discorso ma ho avuto problemi con L altro messaggio.
Anche perché anche il semplice vedere un altro uomo nudo non mi crea eccitazione, certo arrivano pensieri e pensieri, ma anche lasciandomi andare ai pensieri non mi crea erezione, mentre quando penso alla mia donna anche il sol pensiero e vederla nuda mi crea erezione. In più vorrei finire con dirle che io sono soddisfattissimo della mia relazione e non ho mai forzato nulla ne nel sesso e ne nelle erezioni. Sempre veritiero ultimamente ho fatto un test che sarebbe che mentre avevo dei rapporti con la mia donna ho voluto pensare di proposito che innanzi a me c’era un uomo, e ho perso tutta L erezione. (Ovviamente la mia ragazza sa di ciò e non ho mai fatto questo test oltre questa volta) però il dubbio è sempre persistito.
La volevo ringraziare comunque perché mi sta facendo parlare e mi sta facendo capire delle cose che a volte dimentico.
[#6]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
“Quindi lei sta enfatizzando che le persone affette di Doc omosex sono semplicemente, persone che non accettano la loro omosessualità?”

Questo lo sta dicendo lei, non io.


Ne discuta con chi avrà il piacere di occuparsi di lei, online non si possono fare doagnosvne terapie.
E così, secondo me, non fa altro che nutrire la sua ansia.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio