Utente 541XXX
Sto col mio partner (24 anni lui, 23 io ) da più di un anno e mezzo.
Lui è sempre attento, cerca di accontentarmi ogni volta, se sa che sono di cattivo umore cerca di farmi ridere, mi guarda innamorato e so che mi ama tanto. Sessualmente non mi ha mai fatto mancare nulla sin dalla prima volta (ero vergine). Ci vediamo due volte a settimana durante le quali facciamo sempre l'amore (la media è di due/tre volte a settimana a meno che non ci siano impedimenti e comunque se non si fa l'amore io sono ben propensa a soddisfarlo in altro modo) I rapporti sono passionali, a volte posizioni nuove, altre usando quelle che ci piacciono. Mi ero un po' distaccata per un litigio, ero meno affettuosa e lo cercavo meno sessualmente; lui l'ha notato mostrandomi il suo dispiacere. Lui mi cerca, è eccitato quando ci tocchiamo e spesso non si fa problemi a chiedermi determinate cose dimostrandomi che gli piace. È capitato che, qualche volta, durante i rapporti, soprattutto dopo aver calzato il preservativo, avesse una leggera defaillance (dalla quale subito si riprendeva), che io ho sempre imputato a stanchezza (dormiamo poco) o a rapporti duraturi e frenetici. Ho scoperto che fa uso di video porno più masturbazione, cosa che in reputo normalissima, nonostante mi avesse detto che non ne faceva più uso da quando stiamo insieme(invece semplicemente cancellava la cronologia). Ne ho parlato con lui, che dopo aver inizialmente negato, l'ha poi ammesso.
Di tutto ciò a me dava fastidio ovviamente la bugia iniziale e il continuare a negare dopo essere stato "scoperto", visto che ho sempre detto che non ci vedevo nulla di male nel porno.Superata la "delusione" per la bugia mi è sorta una preoccupazione: ho notato che visita questi siti almeno una/due volte al giorno, cosa che mi lascia perplessa; mi son voluta dare una giustificazione alla cosa dicendomi che quando ci vediamo bene o male facciamo cose anche noi almeno una/due volte al giorno e magari quando non siamo insieme ne continua giustamente ad avere la necessità.
Superata anche questa cosa ho però appresso che lui ha visitato uno di questi siti anche mentre ero ospite a pranzo a casa sua mentre io ero a parlare con i suoi genitori e lui era al bagno. Premesso che mi sento in colpa ad averlo "spiato" e non ho più intenzione di farlo, mi sento comunque stranita da questo comportamento.
Certo, in quel momento non aveva la possibilità di fare qualcosa con me visto che c'erano i suoi in casa, ma se con me nell'altra stanza visita uno di questi siti mentre è al bagno (con ultimo rapporto più che passionale la sera prima)è tutto normale?
Pensate che debba preoccuparmi che sia porno dipendente (considerato che la cosa per ora, non condiziona apparentemente in nessun modo il suo essere passioanle, il suo cercarmi ed eccitarsi anche solo vedendomi nuda e che la durata delle visioni è breve) o lasciar perderere e vedere il tutto come una normale necessità del mio partner?

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

è complesso entrare nell'intimità sessuale personale di un'altra persona,
- sia per noi che pur ne siamo Specialisti, ma online non è come in presenza,
- sia per Lei che è la sua ragazza.

Solo lui (forse) può sapere se è porno-dipendente,
essendo (forse) consapevole del posto che il porno occupa nella sua via e nelle giornate.
Gli indicatori li trova qui:
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/7732-il-sesso-compulsivo-e-un-disordine-mentale-o-m-s.html .

La invito a parlarne nuovamente con lui,
ma per capire innanzitutto;
prendendola "alla larga" eventualmente.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 541XXX

Gentile dottoressa, la ringrazio per la celere risposta. Purtroppo io non posso tirare in ballo l'argomento poiché già fatto una volta, durante la quale ha ammesso di vedere questi video ( specificando che ci sono volte che ne fa un uso una/due volte al giorno e volte che l'uso è ridotto ) dopo aver inizialmente negato ( dicendo che è una cosa sua intima e che magari poteva vergognarsi di ammetterlo e soprattutto che essendo io molto complessata esteticamente -cosa vera - avrei potuto farmi paranoie inutili ) e rigirando la conversazione sul fatto che io avessi però violato - non volontariamente aggiungo - la sua privacy.
Io mi sento male a continuare - stavolta volontariamente - a violarla, ma lo faccio col solo intento di capire se ci sia un reale problema o se si tratta di un qualcosa di "normale". Non posso quindi riparlare apertamente con lui perché significherebbe ammettere che io sono nuovamente entrata nella sua intimità a sua insaputa e non voglio che lui pensi che lo faccia per controllarlo o mancargli di rispetto, quando poi sono semplicemente preoccupata.
Io capisco l'esigenza magari di farlo una/due volte ogni giorno, ognuno ha i propri bisogni, quando è con me la media dei nostri rapporti giornalieri è quella e chi siamo noi per definire la normalità?!
Ma mi lascia interdetta il fatto che per pochi minuti vi abbia fatto accesso anche con me nell'altra stanza con la sua famiglia. Mi sono informata e so che finché il tutto non compromette la normale vita quotidiana di una persona e la sua sessualità col partner non si può parlare di porno dipendenza, ma i miei dubbi ci sono comunque, alimentarti ora un po' anche dal suo messaggio.
Certo è che se non avessi "scoperto" la cosa mai avrei pensato a una dipendenza, perché nella nostra vita non vi sono, per ora, ripercussioni.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Non è proprio esatto quanto ha raccolto:
"..finché il tutto non compromette la normale vita quotidiana di una persona e la sua sessualità col partner non si può parlare di porno dipendenza."

Si parla di porno dipendenza quando la vita "gira" attorno a "quello", individuale + di coppia spesso;
come potrà leggere nel linkato.

Ma più di questo, che dire?
Se attualmente non ci sono problema tra Voi,
perchè interrogarsi?

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#4] dopo  
Utente 541XXX

Gentile dottoressa sì ho letto, ma quel che mi è parso di capire, mi corregga se sbaglio, è che per
- " quando la vita gira attorno a quello più la quello di coppia " -
si intenda che la persona interessata lo rende il fulcro del proprio essere, disinteressandosi del resto ( lavoro, svago, uscite e altro ) al punto, alla lunga, di compromettere poi anche la sessualità della coppia, preferendo quelle immagini crude e "volente" al sano e reale rapporto col partner.
Più di un anno e mezzo insieme so che non è tanto, ma immagino che sia abbastanza per l'instaurarsi e il manifestarsi almeno di iniziali comportamenti anomali tra noi due, che ad oggi io non noto.
Comunque il mio punto di domanda riguardava la "normalità" dell'andarsi a cercare un video mentre io ero in casa sua con la sua famiglia ( seppur la cosa sia durata veramente pochi minuti ) piuttosto che il fatto di farne uso una/due volte al giorno quando è da solo ( cosa che invece, dopo qualche preoccupazione iniziale, non mi allarma particolarmente visto che ognuno ha esigente e desideri diversi e anche situazioni di stress e modi di rilassarsi differenti ).
Grazie mille per la sua disponibilità.
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

non c'è normalità - se non statistica - fuori da una diagnosi,
che nel caso del Suo fidanzato non è stata fatta.

Si potrebbe osservare eventualmente che egli non sempre vive nel "qui e ora", almeno nella situazione "bagno" a cui Lei accenna.
Ma se questa sia una "coazione a ripetere" ogni volta che va in bagno, oppure dell'altro.. noi online non siamo in grado di saperlo.

In ogni caso Lei sembra essere piuttosto attenta e vigile,
quindi non dubiti di non riuscire a cogliere eventuali segnali.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia