Mi ha Lasciata perché vuole stare solo

Buonasera, sono una ragazza di 30 anni. Scrivo per avere un consulto in merito alla mio compagno di 38 anni.
Ci siamo conosciuti poco dopo la fine della sua precedente storia durata 8 anni. Da quello che mi ha raccontato in realtà le cose tra loro andavano male da tempo ma hanno trascinato il rapporto fino a diventare degli estranei in casa.Quando ci siamo conosciuti non stavano piu insieme da 6 mesi.
Da subito tra noi é scattata un'alchimia particolare. Riuscivamo a capirci con uno sguardo, passavamo le ore a ridere di tutto e ci siamo mostrati all'altro realmente per quelli che siamo, raccontandoci le nostre fragilità. Ci siamo innamorati dopo pochissimo. Tutte le persone intorno a noi vedevano il bene che ci facevamo. Forse correndo troppo, abbiamo inziato a pensare ad 1 eventuale convivenza dopo l'estate. Lui, dopo l'estate avrebbe dovuto trovare una casa per sè, e data l'età di entrambi e la stabilità lavorativa, la convivenza ci era sembrata un'ottima opportunità per conoscerci ancora meglio. Tutto andava alla perfezione.Mille dimostrazioni. A pasqua addirittura ha fatto una videochiamata mentre era a tavola con la sua famiglia per presentarmi la mamma. Dopo soli 3 giorni mi ha lasciata senza nessun avvisaglia. Addirittura quella stessa giornata mi ha fatto una sorpresa perché aveva voglia di vedermi. Nel pomeriggio scoppia una discussione banale. Lui prima cerca di rassicurarmi che é me che vuole, che le sue dimostrazioni sono evidenti, che come sta bene con me con nessun'altra. Nel giro di 1 ora entra in confusione. Mi dice che lui ora sente la necessità di stare solo. Di ritrovare se stesso. Perchè da dopo la sua precedente storia non si é mai veramente dedicato a se.Premetto che nei giorni precedenti era particolarmente in panico perché ora era arrivato il momento di "crescere",data l'età. Ma vi assicuro che non é un tipo che non ama gli impegni o assumersi responsabilità.Ci rivediamo dopo 3 giorni e decidiamo di tornare insieme perche l'amore c'é e anche la voglia di condividere altri momenti importanti, con l'accordo che gli avrei lasciato tutti i suoi spazi quando avrebbe sentito la necessità di stare solo. Passano due giorni e mi rilascia.
In questi giorni lui ha continuato a cercarmi senza però cambiare la sua posizione. Lui stesso non capisce il motivo di questo suo cambiamento. Mi dice che stava come non stava da tempo, che prova sentimenti, che gli manco, che senza di me sta male, che sa che sta perdendo la persona "giusta", che non proverà forse mai le stesse emozioni, che tra noi tutto andava benissimo e che tutto quello che ha fatto per me lo ha sempre fatto con il cuore . Ma ora sente che deve ritrovare se stesso. La sua priorità ora non sarei piu io e teme di farmi stare male. Ma non riesce a darsi una spiegazione.
A me sembra assurdo buttare all'aria una storia che entrambi sappiamo quanto sia importante.
Cosa gli sta passando in quella testa e cosa potrei fare io per farlo tornare?
Grazie mille
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 506 41
Gentile Utente,

questo ragazzo dice di aver bisogno di riprendere in mano la propria vita, non sappiamo che cosa gli passa per la testa, nè quali siano i suoi sentimenti, le sue intenzioni, ecc...

Non credo che un sentimento autentico possa svanire da un momento all'altro, quindi è probabile che questo ragazzo fosse in crisi da tempo e che non lo mostrasse.

Lei chiede: "Cosa gli sta passando in quella testa e cosa potrei fare io per farlo tornare?"

Direi di non fare nulla; non saranno le parole o i gesti a farlo tornare, se lui è confuso e vuole la sua libertà, non crede?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica