Sessualità

Salve, sono una ragazza di 27 anni vergine, che non ha mai avuto una relazione e ha avuto solo un primo bacio.
Niente di più, niente di meno (anche se non posso capire cosa possa esserci di meno).
Il mio problema con la sessualità è legato ad una bassa autostima di me, su cui sto lavorando.
Da un paio di settimane mi sento con un ragazzo, ma mi rendo conto che la mia pochissima esperienza mi sta portando a cercare di sabotare questa relazione che potrebbe nascere.
Ho paura al pensiero che mi possa baciare e che ci potrebbe essere altro, ed io assolutamente non voglio dirgli che sono inesperta perche ho paura che questo possa portarlo a scappare.
Vorrei vivere questa cosa naturalmente, invece provo un forte senso di vergogna, imbarazzo, anche solo a pensare ad un bacio.

Dico anche che in tutti questi anni, sicuro dall’età di 15 anni mi provoco piacere da sola tramite la masturbazione esterna, quindi non ho paura del senso nel senso di come qualcosa di sbagliato, ma provo come una forte vergogna a pensare a fare delle cose del tutto naturali come toccarsi/baciarsi.
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Gentile utente,

dalla Sua lettera francamente ad oggi non è possibile sapere se si tratta di una problematica sessuologica oppure psicologica.
In altre parole, è un problema della mente/cuore oppure anche del corpo, che ad es. non manifesta eccitazione?
Solo Lei possiede (forse) la risposta.

Esplicitata questa domanda, passiamo ad esplorare altro.

Di sè dice che "..mi rendo conto che la mia pochissima esperienza mi sta portando a cercare di sabotare questa relazione che potrebbe nascere...". Evidentemente non ha ancora incontrato la persona adatta, oppure non è scattato qual qualcosa che porta a muovere il corpo. Non scatta a comando. E più lo si rincorre, più sfugge.

L'ansia di non aver ancora fatto l'amore/fatto sesso corre il rischio di innescare un pensiero ossessivo con tale contenuto, accompagnato dal senso di colpa per la masturbazione Rispetto a quest'ultima, il fatto che precisi essere clitoridea
implica forse il timore della penetrazione, anche durante l'autoerotismo? Se sì, si confronti con questo articolo: https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/7907-terapie-efficaci-per-il-vaginismo-dall-esperienza-clinica.html
Oppure no?
Cosa ci dice al riguardo?

Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la celere e chiara risposta. Io penso sia un problema di mente, legata ad insicurezza. Perchè provo una forte eccitazione sessuale, ci sono dei giorni in cui provo la voglia spasmatica di avere un uomo per fare del sesso, e mi rifugo invece all'autostimolazione, però ho da sempre vissuto il momento di un futuro rapporto con un uomo con estrema ansia, legata alla mia inesperienza e più passava il tempo e più vedendola come una vergogna, mi sono chiusa in me con sempre l'ansia di trovare qualcuno e mettermi faccia a faccia con la mia inesperienza che mi ha causato non poco dolore. Ora che frequento questo ragazzo, vorrei potermi comportare come un 27enne, avere una intimità con questo uomo, fare del petting, baciarsi e quando mi sento pronta fare anche altro, ma appunto, la mia inesperienza mi porta a vergognarmi, e ad ansiarmi a tal punto da volermi autosabotare. Per la masturbazione clirotidea, ho sempre praticato quella per paura del dolore da penetrazione, cosa che ho paura anche ora
[#3]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Ha letto l'articolo linkato? Vi si è ritrovata?

Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio