Utente
Da ottobre mi sento spesso nervosa e rabbiosa.
Sono senza lavoro e a 27 anni mi sento fallita.
A causa del Covid ho paura di andare anche dal parrucchiere con tutto questo bombardamento che ci stanno facendo.
In estate non era così ma ora invece si.
Ho paura di vivere.
Ho paura di toccare le cose.
Ho paura di tutto.
Nel mio cervello immagino la scena di quello che voglio fare e mi incoraggio che è fattibile ma la paura del Covid è più forte di me e mi blocco rimandando tutto ció che desidero fare.
Non ce la faccio più.
Non so che fare.
La rabbia è la paura mi stanno divorando e me la prendo con mia madre.
Non posso uscire e di casa perché non ho un lavoro, non possiamo frequentare altri luoghi chiusi tranne i supermercati che ormai sono diventati la mia seconda casa perché quando esco vado sempre là.
Non ho amici e non ho un fidanzato.
Praticamente da ottobre 2020 ho chiuso i rapporti con tutti soprattutto per paura.
Ho paura anche di uscire con un ragazzo che non conosco.
Cosa posso fare?

[#1]  
Dr.ssa Valeria Mazzilli

24% attività
20% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Gentile Utente,
ho prestato molta attenzione ai suoi consulti precedenti e ho avuto modo di raccogliere qualche informazione in più su di lei, a partire dai suoi racconti.

In un consulto di Aprile 2019 scriveva "Io ho i miei svaghi, gli amici, l'associazione, sto facendo un corso, cerco di tenermi impegnata". Cosa è cambiato da allora? Cos'è successo con i suoi amici che adesso dice di non avere?

Penso che oltre a fronteggiare la minaccia di una pandemia mondiale, lei negli ultimi mesi ha avuto a che fare con altro. I suoi genitori erano già separati in casa e da qualche mese leggo che suo padre è andato via. Come ha affrontato questa separazione fisica? Pensa che sia cambiato qualcosa a casa sua dopo questo evento?
Se pensa che gestire i rapporti con sua madre e sua sorella porti ad conflitti estremamente accesi (dice che sua madre arriva a metterle le mani addosso e, per contro, dice anche che la rabbia la divora e arriva a prendersela con sua madre), perché non valuta la possibilità di trasferirsi da suo padre? Ci ha mai pensato?

Inoltre, attualmente è ancora in cura dalla psicologa?

Ci faccia sapere
Cordialmente
Dr.ssa Valeria Mazzilli
Psicologa Clinica
Corso Umberto I, 23 Napoli
cel. 3895404108