Utente 245XXX
Buonasera, sono una donna di 52 anni, da due anni sono in cura per la FIBROMIALGIA.
Il prossimo controllo reumatologico lo farò fra 5-6 mesi ma da un mese soffro di un dolore persistente in zona sacrale, sono stata visitata ma non è presente una cisti, questo problema può essere riconducibile alla fibromialgia?
E' presente un ulteriore problema, gli anti infiammatori non mi fanno più effetto e ho sentito parlare di una nuova cura farmacologica ma che non conosco il nome, è possibile avere qualche informazione?
c'è una qualche via di cura e guarigione?
Ringrazio.
Paola

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Buonasera a Lei,
i dati che Lei fornisce sono un pò scarni! Intanto sarebbe utile capire come ha risposto alla terapia in questi 2 anni, eppoi come è iniziato il dolore sacrale e se si manifesta di notte. Peraltro NON necessariamente nel Fibromialgico TUTTI i dolori sono da correlare con tale patologia. NON si deve sottovalutare la possibilità di patologie diverse presenti contestualmente nel medesimo Paziente, correndo il rischio di sottovalutarne i sintomi.
Per la Fibromialgia l'uso degli antiinfiammatori è POCO vantaggioso, mentre è opportuno trattare il dolore con analgesici (di varia potenza).
Si ci sono terapie nuove per la Fibromialgia, così come ci sono vecchi trattamenti RIVISITATI ed ottimizzati.
Riguardo al suo dolore va esaminato perchè la"zona sacrale"come Lei la definisce è piuttosto....ampia.
Cordiali saluti
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -