Utente 274XXX
Gentili dottori Vi descrivo la situazione di mia moglie (anni 44).
Da circa un anno soffre di dolori molto forti alle articolazioni, in maniera bilaterale e alternata, delle mani (si era inizialmente pensato al tunnel carpale ma i due esami specifici fatti a distanza di tempo l’uno dall’altro sono risultati negativi), delle spalle e dei gomiti. Queste ultime con minore frequenza.
Da qualche tempo, i dolori interessano la parte alta della pianta dei piedi, soprattutto al risveglio. In un’occasione il tendine di Achille e in questi giorni il ginocchio all’altezza della rotula.
Durante la fase acuta le parti si gonfiano e sono molto dolenti, in alcuni casi rendono impossibile il riposo notturno e la costringono ad alzarsi. Ci sono poi periodi (anche due mesi) di relativa quiete in cui c'è solo qualche piccolo fastidio.
Non c’è mai stata perdita di sensibilità o formicolii, ma solo fastidi o dolori .
Viviamo da un bel po’ un periodo di stress emotivo molto molto forte.
Mia moglie è intollerante al lattosio ma non è mai stata attenta. Con le tipiche conseguenze di stanchezza, gonfiore, diarrea…
Abbiamo da poco fatto gli esami specifici:
- Capillaroscopia: Visibilità discreta. Densità capillare nei limiti della norma.anse capillari lievemente disformiche,maggiormente a dx. Assenza di micro emorragie e megacapillari.moderato disordine architettonico a dx. conclusioni: quadro capillaroscopico compatibile con acro sindrome border-line. Utile screening immunologico;
- Fattore reumatoide 24 UI/ml validatore <=20;
- Waaler rose negativo;
- Igm 677 valore di riferimento 40-230;
- Iga nella norma;
- Igg nella norma;
- C3 nella norma;
- C4 nella norma;
- Ab anti nucleo negativo;
- VES (1* ora) 33 valori di riferimento 1- 15;
- Emocromo e formula leucocitaria nella norma;
- Radiografia ed ecografia alle mani nella norma;
- Anticorpi anticitrullina oltre 250.

Siamo di fronte all’Artrite Reumatoide o potrebbe esserci qualcos’altro (tipo infezioni virali).
Grazie per la disponibilità e per il tempo che vorrete dedicarci.

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Buongiorno, non indica se i valori di laboratorio sono relativi ad un periodo in cui assumeva farmaci e se si, quali E LA LORO DATA O IL RAPPORTO CON UNA FASE DI ACUZIE.
Vorrei sapere da quanto tempo il gonfiore si è aggiunto ai dolori ed il gonfiore quanto tempo dura.
Gli anticorpi anti citrullina sono abbastanza specifici ma da soli non "fanno diagnosi" di A reumatoide, pertanto è opportuno eseguire ulteriore valutazione clinica.
La sig.ra ha mai sofferto di malattie della pelle? C'è psoriasi in famiglia? I problemi intestinali sono sicuramkente correlati al lattosio oppure ha comunque spesso episodi di diarrea? Mai avuto problemi agli occhi?
Mi faccia avere le informazioni richieste e cercheremo di restringere il campo della possibile diagnosi
Saluti
PFL
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#2] dopo  
Utente 274XXX

...buongiorno dottor Leucci. Innanzitutto grazie per la tempestiva risposta.
Vengo subito alle sue domande.
Gli esami di laboratorio sono stati fatti verso il 10 settembre, un paio di giorni dopo avere assunto Seractil per il dolore ad una mano. Ricordo che dopo un periodo di circa due mesi di assoluto silenzio, i dolori son tornati verso la metà di agosto ed in maniera altalenante e alternata si sono ripetuti fino a settembre (data delle analisi). Mia mogli non prende altri farmaci.
Per quanto riguarda il dolore ed il gonfiore durano all'incirca un paio di giorni e sono quasi sempre comparsi insieme.
Malattie della pelle, nessuna. Ogni estate però le compaiono dei funghi sul tronco che non riusciamo a curare definitivamente..
Non ci sono casi di psoriasi in famiglia. La madre di mia moglie ha in maniera evidente le mani deformate ma non ha mai avuto dolori. Secondo la sua idea la deformazione è dovuta all'uso "casalingo" delle mani.
I problemi intestinali non siamo certi che siano legati esclusivamente al lattosio. Ha spesso episodi di diarrea.
Agli occhi, da diversi anni, le è stata dignosticata secchezza oculare e quindi fa uso di lacrime artificiali. Ogni tanto le riappare il cd "callo del marinaio" più all'occhio destro che al sinistro.
Da un pò, ed in maniera quasi costante, dopo essere stata ferma per un pò quando si rialza ha la sensazione di avere come un cuscinetto e dolore nella parte alta della pianta del piede sinistro e dolore nella fascia laterale del piede destro. I piedi non sono particolarmente gonfi e dopo un pò il dolore diminuisce ma non sparisce del tutto.
Ora da una ventina di giorni non avverte importanti dolori alle mani, ma capita spesso che avverte fitte alla mano sinistra anche nel fare movimenti molto semplici.
Spero di aver dato qualche elemento in più in maniera chiara.
La ringrazio ancora e La saluto cordialmente.
Federico

[#3] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
I dati che mi ha fornito, sono ancora molto aspecifici. La "deformità" delle mani della madre potrebbe far pensare ad una Artrosi Primaria delle mani che è ereditaria, pertanto il periodo di stress potrebbe giustificare per i fenomeni contratturali muscolari, il dolore delle mani come un esordio della malattia materna. Però non sono giustificati alcuni dati come anti citrullina. Il mio consiglio è di eseguire una vista Reumatologica per discriminare clinicamente tra le varie patologie possibili. Intanto può affrontare gli episodi acuti con il Seractil già utilizzato efficacemente. Ma non tardi nella visita perchè l'intervento precoce nelle patologie infiammatorie articolari è fondamentale nell'ottenimento di un buon risultato nel tempo.
Saluti
PFL
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#4] dopo  
Utente 274XXX

...grazie ancora dott. Leucci.
Inizieremo da subito ad attivarci in questo senso.
Cordialmente La saluto
Federico