Utente 351XXX
salve, soffro da diversi anni di afte orali, febbri che durano 3 giorni senza altri sintomi, linfoadenomegalia laterocervicale (fissa), gastrite cronica e reflusso, difficoltà a digerire qualsiasi cosa, dagli esami è sempre risultata un ipergammaglobulinemia policlonale, IgE tot molto alte 2900 (limite massimo 200), IgM a 256 (limite 230) , leggera alterazione della VES.Mi sono rivolta ad un'allergologa ed è stata rilevata allergia a grano,mela arachidi ed LTP. Mi sono state prescritte anche analisi immunologiche per via dei linfonodi/febbri/afte/stanchezza/gastrite che non diminuiscono nonostante una dieta priva degli alimenti a cui sono allergica. risulta sempre una ipergammaglobulinemia policlonale, igE tot a 2900 e leggermente alte le IgM (256, val di riferimento massimo 230) sono risultati la VES 14 (riferimento 10), gli ANA positivi pattern nucleolare 1:160, gli Ena (SSA/SSB/Sm/scl-70/jo-1/RNP) negativi tutti a 0.1 tranne RNP 2,7 (ma sempre negativo perchè il riferimento è 10). Tre settimane dopo ho ripetuto Ves è scesa a 11(limite 10), Ana debolmente positivo 1:160 pattern nucleolare ed Ena negativi (tutti a 0.1 , RNP a 0.7). questi risultati richiedono un consulto da un reumatologo e ulteriori accertamenti, o vista la negatività degli Ena non è necessario? I valori degli Ana e dell'Ena Rnp possono cambiare in nemmeno tre settimane?Grazie

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
le consiglio IN PRIMA ISTANZA una visita da specialista In Allergologia e immunologia Clinica e/o Reumatologia per una corretta diagnosi e per trovare la causa alla base del forte aumento dei livelli sierici di IgE. Non è possibile fornire una valutazione accurata senza una visita medica scrupolosa associata ad un'attenta raccolta della sua storia clinica.
cordiali saluti