Utente 991XXX
da due mesi a questa parte ho una cefalea persistente ..tutto è cominciato con la pillola anticoncezionale, dopo un mese che la stavo prendendo mi è cominciata la cefalea (dolore soprattutto retroccipitale,nuca, sopra l'occhio sinistro). ho avuto due episodi di pressione alta 100-150, dopo di che addebitando il problema alla piccola mi è stata sospesa, la cefale è continuata e si è aggiunto un intenso dolore alle braccia, disturbi del sonno. Il medico mi ha prescritto una risonanza all'encefalo con contrasto e vari esami del sangua per riscontri reumatologici.
la risonanza ha riscontrato una zona flogistica allo sfenoide sn. E gli esami niente di anormale solo ana 180-con leggera sfumatura positiva.
l'otorino mi ha prescritto antibiotici e cortisonici. ho rifatto la risonanza per controllo post cura lo sfenoide era normotrasparente ma presente una ipertrofia dei turbinati, confermata da tac con leggera deviazione del setto.
in tutto cio' il dolore alle braccia e il dolore alla nuca e i disturbi del sonno sono sempre rimasti ( mi addormento ma mi sveglio dopo qualche ora).Prendo coefferalgan anche tre volte al giorno, sono sempre molto stanca.
potrebbe essere fibromialgia?quali esami devo fare per una corretta diagnosi?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile signora
potrebbe essere tante cose. Ma considerati i suoi disturbi (ostruzione vie aeree superiori, sonnolenza, cefalea...) vale la pena prendere in considerazione una sindrome da apnea notturna e farsi visitare da un fisiopatologo respiratorio in un grande ospedale o policlinico.
Le braccia non rientrano in questo discorso per cui vanno valutate a parte con una ecodoppler dei vasi succlavi con test dinamici e quindi con una visita presso un chirurgo vascolare.
Cordialita'
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante