Utente 212XXX
Chiedo un consulto per onto di mia moglie.
A seguito di un esame mammografico richiesto per una introflessione del capezzolo
sono state riscontrate delle calcificazioni distrofiche. Inizialmente il quadro sembrava non preoccupante se non che a seguito di una visita senologica sia emerso il fatto che queste calcificazioni possano essere il primo segnale di allarme di una formazione neoplastica. Hanno pertanto richiesto una mammografia a 6 mesi per valutare le modificazioni. Cosa si può fare nel contempo, sono molto preoccupato.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se sono state classificate "distrofiche" non coccorre fare nulla se non un monitoraggio delle stesse.
In una mammografia "trasparente" le calcificazioni essendo sostenute da deposito di sali di calcio (fosfati, carbonati, ossalati ecc) sono di facile rilievo soprattutto con la strumentazione moderna.

Esse tuttavia sono talvolta difficili da interpretare (il cosiddetto valore predittivo positivo in alcune casistiche è di appena il 10 %)
e la difficoltà di interpretazione aumenta in rapporto alla evoluzione tecnologica che permette di vederne sempre di più e sempre più piccole.

Sembra quindi più opportuno parlare di calcificazioni, definendole di volta in volta "benigne", "dubbie" e di "tipo maligno" .

Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli e quelle maligne devono essere sottoposte a intervento chirurgico.

Quelle dubbio-sospette vanno meglio definite tramite un approfondimento diagnostico cioè con un esame istologico, che può essere ottenuto con un intervento bioptico a cielo aperto o con uno strumento chiamato Mammotome, che si basa sull'aspirazione meccanica eseguita da un apposito strumento connesso con una agocannula.

E quindi sin qui la procedura seguita è da considerare corretta.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 212XXX

Ringrazio il dr. Catania per la pronta risposta.
Pertanto queste calcificazioni potrebbero realmente essere il primo sintomo di un tumore oppure il termine distrofico pone verso la benignità ?
La mammografia riportava anche che al momento non esisteva nulla di patologico e non esistevano microcalcificazioni sospette. Il "campanello d'allarme" è quindi preoccupante ?
Qualora evolevesse in un tumore siamo in una condizioni di prevenzione ?
Scusi per le domande a volte puerili ma sono realmente preoccupato.
Noi siamo di Como , chi nella nostra zona si occupa di queste problematiche con successo ?
Un'ultima domanda l'intervento bioptico avviene in regime di ricovero o ambulatorialmente ?

Grazie ancora per la disponibilità!

Saluti,

SC

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Distrofiche vuol dire benigne ed è probabile che tali restino

Il monitoraggio è necessario perchè di recente insorgenza.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 212XXX

Scusi se sono incisivo, come si intuisce che sono di recente insorgenza ? Non abbiamo documenti precedenti, sono state riscontrate in seguito al manifesto problema di introflessione del capezzolo con, dimenticavo delle secrezioni biancastre a scaglie.
Questo problema "meccanico" puo' essere legato alle calcificazioni ?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le ho già scritto che
>>Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli >> e quindi pensavo che non fossero presenti nelle precedenti radiografie.

Se invece si parla della prima mammografia, si tratta solo di un provvedimento precauzionale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 212XXX

Buonasera Dr. Catania,

mi scusi se mi sono permesso di chiederle nuovamente un consiglio ripetendomi.

La ringrazio in ogni caso per la grande disponibilità.

Saluti

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Repetita iuvant (^_^)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 212XXX

Scusi se torno sull' argomento.
Qualora queste calcificazioni diventassero sospette o maligne significa che si è sviluppato un tumore ?
Se, si : una volta tolte chirurgicamente devo seguire altri trattamenti tipo chemio o radioterapia.
Grazie

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il problema è molto più complesso : le microcalcificzioni
sospette non sono IL TUMORE , ma la spia che possa essere presente in quella sede un tumore.

Le terapie dipendono dalle cartteristiche ed estensione del tumore.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente 212XXX

Quindi il tumore potrebbe essere anche esteso oppure siamo in ogni caso in una situazione in germe ?
Ora ci è stato consigliato di ripetere la mammografia a settembre, nn è pericoloso attendere o meglio non si può alimentare qualcosa di pericoloso in questo periodo di latenza.

[#11] dopo  
Utente 212XXX

Ma in sintesi si puo' stare sereni oppure ci si deve aspettare qualcosa di brutto ....

GRazie per la disponibilità

[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scusi ma è la terza volta che le scrivo che
>>
>>Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli >>

E se qui li hanno richiesti precauzionalmente è perchè si tratta di un primo riscontro.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#13] dopo  
Utente 212XXX

Mi scuso ma ho il terrore che accada qualcosa di irreversibile ... ho esperienze negative in passato
e questo mi genera ansia.
La ringrazio per la dispobibilità e mi scuso per il continuo ripetermi.
Grazie ancora