Utente cancellato
mi chiamo anna e ho 60 anni, Ad ottobre sono stata operata per un carcinoma intraduttale alla mammella ds. G3 scarsamente differenziato non ormonale. Quadrantectomia e sto per iniziare chemio, alle quali seguirà un bel poutpourri di cure lunghe. Senza mezzi termni l'oncologo mi ha detto che il tumore è dei peggiori, fa metastasi e recidive e io con questo bel bagaglio affronto le cure. Un linfonodo appena intaccato su 5 niente scavo.
Scrivo perché? Nel lontano 2003 avevo 50 anni in uno di quegli screening promossi dalla regione mi feci fare la mammografia, mi richiamarono dicenfo che la lastra aveva rivelato una chiazza adenosoca altamente sospetta, pertanto avrei dovuto ricoverarmi e dottopormi a mammotom. Non diedi ascolto a nessuno firmai, senza cartella clinica e lastre, perché non le rilasciavano, e andai in un centro specializzato in oncologia della mia città. Fui risottoposta sia a mammo che ecografia. Due radiologi mi dissero che tutto questo allarmismo era immotivato. L'anno successivo la stessa cosa ecc.ecc. sempre mammo-eco ogni luglio di ogni anno. Quest'anno la sorpresa: mammografia che rivelava una neoformazione, ecografia che la confermava e la storia intervento ecc.ecc L'oncologo e il senologo hanno studiato le mie mammografia dal 2003 ad oggi e anche loro insistono nel dire che fino a luglio di qeust'anno non c'era nulla. Io sto impazzendo: Perché non ho dato ascolto a quella dottoressa nel 2003? Ma poi, mi chiedo (non ho nulla in giro, RMN, scintigrafia ossea, lastre ai polmoni e al fegato tutto negativo) ma un tumore così aggressivo impiega 10 anni per venire fuori? Premetto che il carcinoma era nello stesso punto dove avevano visto nel 2003 la massa altamente sospetta. Ma è possibilie? E in 10 anni non sarei dovuta essere piena di metastasi? Qualcuno mi chiarisca le idee per favore .

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Senza mezzi termini l'oncologo mi ha detto che il tumore è dei peggiori, fa metastasi e recidive >>

Lei è un buontempone che vuole prendersi gioco di noi ! (^____^)

Vorrebbe spiegarmi cosa vuol dire SENZA MEZZI TERMINI ?

Poi Le prometto che risponderò nei dettagli alle sue paure sperando di tranquillizzarla del tutto.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
328373

dal 2014
allora, non capisco il suo dubbio: l'istologico non è affatto buono, ho un Herb 3+++.L'oncologo, un tipo anche freddo, non certo un ottimista, mi ha detto molto chiaramente che questo tipo di tumore potrebbe avere un nemico che si chiama Vaccino Trastuzumab, però dura un anno. Quando io stupidamente gli ho chiesto se c'era una possibilità di guarire, mi ha risposto che questo tumore non è un allegrone tranquillo, ma è uno dei più aggressivi che fa metastasi e recidive ma l'arma oltre alle chemio sarà questo vaccino. Ma la domanda mia è quella che le ho fatto: Potrebbe essere che questo tumore, abbia impegato 10 anni per nascere e venire fuori cos' invasivo? A questo punto la mia domanda lecita è: Se ho avuto un carcinoma cisì violento, avrei dovuto essere piena di metastasi. Sinceramente mi sembra di vivere un incubo e non so se avrei dovuto fare quella ricerca 10 e più anni fa

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Proverò a ripetere gli stessi concetti con le mie parole che portano a conclusioni opposte a quelle del suo oncologo ma dovrebbe darmi ulteriori dettagli.

Ad esempio
>>Un linfonodo appena intaccato su 5 niente scavo>>
Che vuol dire ? Trascriva letteralmente TUTTO l'istologico.

Se i pazienti con un carcinoma intraduttale il suo oncologo li vede già spacciati nonostante proponga terapie che certo non si possono considerare poco aggressive, le altre pazienti ad esempio con un triplo negativo e tutti i linfonodi metastatici, come li cura ? CON LA TANICA DI BENZINA ? O propone loro di suicidarsi per non interferire sui costi della collettività ^? (^__^)

La prego intanto vivamente...si legga

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno

e

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/4016/Quando-il-virtuale-si-confronta-con-il-reale
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
328373

dal 2014
mi ha strappato una risata....lo stesso oncologo ad una signora che gli chiedeva se poteva partire per 4 giorni, le ha urlato contro davanti a noi in sala d'attesa" Ma dove crede di andare in quelle condizioni, deve curarsi" credo che molti, ma molti medici si seggano sul giuramento di Ippocrate.
Allora io non ho in mano né cartella e né istologico. Ma mi sono appuntata (con somma sufficienza del medico qualche cosa), ci vorrà un mese per avere il tutto, pur avendo inoltrato domanda. Le scrivo qualcosa a grandi linee:
G3 indifferenziato, cm 1,9. effettuata ampia quadrantectomia, avendo una mammella di grossa taglia (5). Scrivo quello che ho appuntato:
alto indice mitotico e marcato polimorfismo, scarsa formazione nei tubuli, nei margini areolari microfocolai di ka. ESTR E PR NEGATIVI erb +++ 3 40 % k67 50%. non ci ho capito niente, so che il medico ha detto che è aggressivo, ma la mia domanda resta quella; se 10 anni fa avessi fatto quella ricerca col mammotom il tumore sarebbe venuto fuori 10 anni dopo?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Bravissima : ha capito tutto [(in realtà non c'entra il giuramento di Ippocrate , ma il canone ippocratico della beneficità (=per il bene del paziente, ma questo fa il bene per il paziente ???????)].

Lo spiego più diffusamente su
https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/4016/Quando-il-virtuale-si-confronta-con-il-reale#18736

[intervenga in questa discussione perché il suo contributo sul ruolo del medico sarebbe molto importante]

Tornando alle sue domande
1) Credo , ma non me ne fornisce gli elementi per esserne sicuro, che si tratti di un NUOVO tumore.
Pertanto cominci a cancellare questo risentimento non giustificato e starà meglio.

2) Aspetto che mi trascriva tutto l'istologico , soprattutto riguardo allo stato linfonodale per potere approntare una risposta più corretta.

3) Ma anche se ho scarsi elementi , solo con quello che ha scritto Lei se fosse stata una mia paziente, mi sarei aggrappato a tutti gli elementi favorevoli INDISCUTIBILI per poterla tranquillizzare senza per questo dare false speranze perché incontrovertibili.

Le avrei fatto vedere quella parte piena del SUO bicchiere :
>> Cara signora purtroppo diversi parametri che si evincono dal suo istologico sono sfavorevoli e da cui si evince che si tratti di tumore dotato di una discreta aggressività, ma
a) Ce ne sono anche di favorevoli tra i più importanti (come lo stato linfonodale e poi si tratta di un CARCINOMA INTRADUTTALE e non di un CARCINOMA INFILTRANTE e c'è persino chi vorrebbe non chiamare più carcinoma quelli non infiltranti)

b) ma occorre dire che uno dei parametri che consideriamo senz'altro sfavorevole (Her2 score +++) presenta un indubbio vantaggio : quello di potere aggiungere alle terapie un farmaco di relativamente nuova generazione : il TRASTUZUMAB , molto efficace.

E CHI LO DICE CHE IL FARMACO Può ESSERE UTILIZZATO SOLO PER UN ANNO ??????????????

Ci sono pazienti che lo assumono per anni e gli studi ne dimostrano persino una scarsa cardiotossicità tardiva anche dopo anni di somministrazione.>>
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
328373

dal 2014
ho la mia anziana dottoressa della mutua, materna e bonaria che mi dice: -.quello che conta, è che il tumore non c'è più- e qualche volta l'ho letto anche su questo forum, Ma che vuol dire non c'è più? se ci si sottopone a cure forti come radio e chemio, il tumore in circolo c'è o è nascosto da qualche parte. Mi scusi ma sto cercando di aggrapparmi a qualche cosa di positivo, ma da quel che ricordo il mio tumore fu definito invasivo, altro che solo intraduttale. La mia famiglia proviene da quella parte di Italia chiamata magnagrecia. Beh! Io mi aiuterò con le unghie e con i denti ma quello che il fato decide non si cambia. Buon lavoro!

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>>il mio tumore fu definito invasivo, altro che solo intraduttale>>

Mi scusi ma dovreste mettervi d'accordo perché nella richiesta di consulto Lei scrive

>>mi chiamo anna e ho 60 anni, Ad ottobre sono stata operata per un carcinoma intraduttale >>

Intraduttale è un NON invasivo al punto che c'è qualcuno, non in Italia, che vorrebbe abolire il termine di CARCINOMA per i tumori non invasivi per evitare gli equivoci cui sta andando incontro Lei.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
328373

dal 2014
carcinoma intraduttale infiltrante scarsamente differenziato ecco il termine. infiltrante è il termine. Non è lo stesso che invasivo? Buona giornata a lei che ha veramente del medico di famiglia di un tempo.....Se posso le mando un fraterno abbraccio

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ricambio l'abbraccio
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com