Utente 315XXX
Gentili dottori,
pochi giorni fa ho eseguito un'ecografia al seno e alle ascelle, come di consueto una volta l'anno. L'esito è stato: esiti di mastoplastica additiva con dispositivi protesici in sede e con margini regolari, mammelle simmetriche ad eco struttura disomogenea con alcune microcisti bilaterali, la maggiore sovrareolare dx di circa 4 mm ed al qse sinistro di circa 8 mm. Assenza di ectasie duttali in atto. Assenza di linfonodi patologici al cavo ascellare bilaterale, con linfonodo reattivo a sinistra di circa 7 mm.

Alcune di queste microcisti erano presenti già un anno fa, ma in minore misura, inoltre non mi era mai stato trovato il linfonodo reattivo (peraltro del tutto asintomatico).

Ho chiesto all'operatore se fosse il caso un approfondimento, e delucidazioni per un eventuale ago aspirato..mi ha praticamente detto che era una follia poiché le microcisti erano del tutto innocue e mi è parso molto sicuro di ciò. Mi tranquillizzo e vado a casa. Qualche sera fa credo fosse proprio il linfonodo ad essersi gonfiato, avevo dolore sotto il braccio quasi da non poterlo muovere. Il mattino seguente tutto passato.
Adesso un po' di paura mi è venuta perché toccando i seni il destro non mi fa male ma il sinistro si, in un punto preciso (se dall'esterno premo verso l'interno). Potrebbe essere la microcisti da 8 mm a causare dolore? Pur avendo piena fiducia dell'ecografista, non essendo uno specialista mi chiedo se la sua sicurezza sulla benignità delle cisti sia attendibile al 100% o se è meglio che effettui ulteriori indagini.

Un'ultima domanda: esistono due tipi di linfonodi quindi, ossia patologici e non?


[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il suo non è un linfonodo patologico.

Le cause del dolore possono essere varie, sicuramente non preoccupanti, ma non occorrono ulteriori approfondimenti, ma soltanto una verifica reale tramite il suo curante.

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/i%20dolori%20al%20seno.htm
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/34/Cura-del-sintomo-dolore
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/dolore%20al%20seno...di%20comp
Talvolta anche la semplice scelta di un reggiseno adeguato può essere utile, per quanto possa sembrare paradossale
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/15/Il-reggiseno-uno

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 315XXX

Grazie per la risposta,
mi sono recata dal medico (di base, per il momento) il quale mi ha prescritto un antinfiammatorio (flaminase) e un'ulteriore ecografia a conferma della precedente.

Volevo chiederle: in donne portatrici di protesi, come me, non ? pi? indicata una risonanza magnetica? Sia per valutare lo stato delle protesi (ho indossato per diversi giorni un reggiseno con ferretto), sia per una migliore visibilit? di eventuali formazioni non visibili con l'ecografia?

Mi consiglia di prendere il flaminase sin da subito o ? meglio fare prima l'ecografia per non falsare il risultato?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
L'antinfiammatorio non "falsa" l'esito dell'ecografia.

La Risonanza magnetica si fa in caso di dubbi

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com