Utente 372XXX
buongiorno. nel 2012 mia madre all'epoca 61enne ha subito un'ampia quadrantectomia per un tumore di 1cm , 7, G3 infiltrante scarsamente differenziato e non sensibile agli ormoni. Per motivi che non mi va di dire, non è stato possibile lo svuotamento ascellare sebbene su 4 linfonodi totlti 2 erano brutti, Mia madre si è subito rincuorata quando l'oncologo operandola le ha detto che il 90% era fatto (???). Si è fatta 8 chemioterapie, 30 giorni di radioterapia, 18 infusioni di vaccino biologico. Faccio presente che il k67 di mia madre era 50%. Tutto brutto, tutto negativo. Ma cosa è successo? Che mia madre appena smessa la chemio, ha continuato radio e vaccino, tornando a lavorare (è a capo dell'azienda di famiglia), mai sentita autocommiserarsi, anzi! lei e mio padre se ne sono andati in Tahilandia, insomma ha ripreso a fare la vita normale.... Fa le analisi e gli esami e tutto va bene.. Io però non sto tranquilla.. Mia madre non tolse i linfonodi, tra l'altro è cardiopatica...sono passati 3 anni, chi ci diche che questi linfonodi erano malati e potrebbero uscire fuori all'improvviso? Io ci penso in continuazione, a mia madre non ne parlo, perché lei non ci pensa proprio. ma un cancro con una diagnosi così brutta, secondo voi oncologi, potrebbe fuggire e non dar più notizie di sé? accio presente che mia madre è vegetariana e voleva partecipare alla maratona di New york, ma non l'hanno presa. Voglio dire. Mamma sembra voler dimenticare quello che ha avuto

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci vorrebbe un volume per rispondere punto per punto ai suoi dubbi.
Mi è molto simpatica la sua mamma che io avrei incoraggiato in tante cose (Maratona di .Y.) e sono certo che rientrerebbe nella mia definizione di RAGAZZA FUORI DI SENO. (^___^), che mi suggerisce un cauto OTTIMISMO.
Non stia a pensare ai fattori prognostici ( se vuole approfondire tra i controlli inserirei una PET sulla situazione linfonodale ascellare)

Legga ( e se vuole faccia leggere alla mamma)

http://www.senosalvo.com/ragazzefuoridiseno/menu_ragazzefuoridiseno.htm

http://www.senosalvo.com/mai_perdere_la_speranza.htm

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/4700/Dare-sempre-speranza-i-fattori-predittivi-sono-una-mera-informazione-non-una-condanna

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 372XXX

finalmente un medico professionale nel contempo, leggero, carino, gentile! Allora dottor Catania senza rompere gli stivali a mia madre se invece della PET, le facessimo fare un esame mirato ai linfonodi, meno invasivo? Esiste? Io sono per -aiutati che Dio ti aiuta-, mia madre è fatalista, è convinta che nessuno sfugge alproprio Karma. Dopo queste chiacchiere aspetto un suo consiglio

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ma no il suggerimento della PET serve proprio ad avere il massimo delle informazioni sui dubbi che Lei ha sollevato...senza " rompere gli stivali alla mamma" (^___^).

Lei ha catalogato l'esame come invasivo preoccupata dall'acronimo Tomografia a emissione Positronica, poiché impiega traccianti marcati con radioisotopi a emissione positronica, che vengono captati dalle cellule tumorali, ma si tratta di zuccheri semplici, precursori metabolici, aminoacidi....


Somministrando questi farmaci ad un paziente con tumore ed utilizzando una apparecchiatura di rilevazione (PET) si può studiare una regione corporea (Pet distrettuale) o di tutto il corpo (Pet whole-body), ottenendo delle immagini che sono l’espressione delle differenze metaboliche tra i tessuti neoplastici e quelli normali.

Le applicazioni sono quindi molteplici mirate

-Alla diagnosi

* Diagnosi della lesione primitiva

* Caratterizzazione biologica del tumore

* Stadiazione della malattia

- Nel follow-up

*Diagnosi precoce delle recidive

* Ristadiazione in caso di ripresa dalla malattia

* monitoraggio del trattamento

L’esame whole-body è in grado di fornire un quadro globale dello stato clinico della paziente e di sostituire diversi accertamenti diagnostici nell’esame dei vari distretti.

Come vede servirebbe a fare un punto accurato della situazione e tranquillizzarvi senza "rompere gli stivali alla mamma", se glielo spiegate nei dettagli......

Saluti


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com