Utente 381XXX
Salve, a fine marzo, in occasione del mio controllo annuale al seno, in sede ecografica è stata riscontrata una zona di dubbio diagnostico per cui mi è stata prescritta un'agobiopsia ecoguidata che mi è stata fatta a fine aprile. All'inizio di questa settimana ho ricevuto l'esito dell'agobiopsia di cui sopra che è il seguente:"punta dell'ago allogata in corrispondenza della lesione presente in parareolare superiore esterna sx.L'esame istologico del materiale prelevato ha evidenziato frustoli agobioptici di parenchima mammario con focale localizzazione di carcinoma duttale infiltrante, con estensione di 2 mm.Sono presenti artefatti da campionamento.B5.Conclusioni: quanto rilevato è sostenuto da lesione eteroplastica e appare necessaria asportazione chirurgica".Il medico radiologo mi ha gia' fatto l'impegnativa per la visita chirugica, il senologo che mi segue da 20 anni, ma che ora posso consultare solo telefonicamente poichè per motivi di lavoro vivo in un'altra citta', mi ha consigliato, prima di fare l'intervento, una risonanza con mezzo di contrasto per verificare che in altre zone non vi siano lesioni altrettanto piccole le quali, vista la densita' del mio seno, non siano state rilevate con gli altri esami e di far si che prima dell'intervento venga delimitata esattamente la zona in cui operare, vista la sua piccolezza, con repere
In relazione a quanto sopra desidererei conoscere un suo parere/orientamento circa la situazione che le ho appena descritto ossia secondo lei entro quanto tempo sarebbe opportuno fare l'intervento chirurgico (il chirurgo mi ha fissato la visita per il 4 giugno p.v.),ci potrebbero essere altri carcinomi che non sono emersi negli esami fatti, un carcinoma del tipo che mi è stato dignosticato può aver gia' intaccato i linfonodi delle ascelle o addirittura altri organi.Infine secondo lei che tipo di intervento chirurgico è più adatto al mio caso, eventualmente con che tipo di anestesia verrà eseguito
La ringrazio anticipatamente per la sua risposta e mi scuso per le tante domande che le faccio ma il mio stato di tensione è rilevante e fa accavallare nella mia mente tanti quesiti assieme a tante preoccupazioni.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se potessi rispondere alle sue domande non ci sarebbe bisogno di fare la Risonanza Magnetica (^___^).

Purtroppo ci allega pochissimi dati, ma se la Risonanza non riserverà sorprese inattese,riguardo altri focolai, da quanto scrive si evince il suggerimento senz'altro per un cauto OTTIMISMO.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 381XXX

Innanzitutto grazie per la sua sollecita, professionale ed incoraggiante risposta da cui deduco che la risonanza con mezzo di contrasto prima dell'intervento sia d'obbligo.Spero di riuscire a farla perchè sono claustrofobica ed in altre occasioni in cui mi è stata eseguita in altre parti del corpo mi è stata fatta quella aperta ma so che per il seno non esistono macchinari di questo tipo.Riguardo ad altri dati dispongo della descrizione macroscopica"reperto macroscopico (campione pervenuto fissato in formalina) (IRV/VL).Materiale inviato in esame come "agobiopsia su nodo di 7 mm in sede parareolare supero-esterna della mammella sinistra".Cinque frustoli agobioptici delle dimensioni variabili da cm.0.6 a cm.0.1.Il materiale si processa in toto per esame istologico.Informazioni cliniche(come segnalate da richiesta) - BIRADS 4b.
Diagnosi:frustoli agobioptici di parenchima mammario con focale localizzazione di carcinoma duttale infiltrante, con estensione massima 2mm.Sono presenti artefatti da campionamento.
Le colorazioni immunoistochimiche effettuate (p63, e-caderina) supportano la diagnosi.
(categoria diagnostica:B5)
Inoltre posso inviarle l'esito dell'esame senologico che ha preceduto l'agobiopsia"alla visita senologica noduralita' mobile bilaterale in paret sostenuta da numerose formazioni nodulari anecogene di aspetto cistico.
In sede para-areolare supero esterna di sinistra, in piani profondi si isola disomogeneità ecografica in area di circa 7 mm con aspetti distorsivi, non sicuramente riconoscibile alla mammografia in relazione alla densità stessa.
Non altri rilievi significativi nei confronti di precedenti esami eseguiti in altra sede.
CONCLUSIONI:segni di displasia con i caratteri prevalenti della fibroadenosi.Quanto rilevato a sinistra presenta alcuni elementi di dubbio diagnostico classe ACR BIRADS 4b.E' necessario agobiopsia ecoguidata ed esame istologico dei prelievi per maggiore definizione".
Per concludere le chiedo se può dirmi entro quanto tempo sarebbe opportuno eseguire l'asportazione chirugica, il chirurgo con cui ho preso l'appuntamento per la visita me l'ha fissata per il 4 giugno p.v. e non vorrei che fosse troppo tardi.
La ringrazio anticipatamente per la risposta e la saluto cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La Risonanza probabilmente è stata richiesta su un dubbio di multifocalità

(o per escluderla).

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Se la visita prevista è per il 4 giugno....quando intervento ?
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 381XXX


... la data dell'intervento non so quale sarà, il radiologo mi ha detto che la stabilira' il chirurgo in occasione della visita, il mio dubbio al riguardo, in merito al quale vorrei avere qualche delucidazione da lei, concerne i tempi ossia se sia o meno consona al caso particolare la data stabilita per la visita e di conseguenza quella successiva che verrà fissata per l'intervento.
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Con la Risonanza si può rispondere alla sua domanda.

Sin qui non c'è una urgenza assoluta.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com