Utente 384XXX
Salve dottore mia madre nata nel 1949 mai avuto in famiglia situazioni del genere....a Giugno 2015 in un controllo mammario con rx mammografia bilaterale,ecografia mammaria sinistra,biopsia eco guidata della mammella con tru-cut dove risultava mammela sn ad ore 11 si apprezza formazione solida di 5 mm (R3 U4).
prelevati 2 frustoli che si inviano ad esame istologico.
ustologia B2. Discrepanza tra istologia ed immafini diagnotiche.si invia comunque a consulenza chirurgica per exresi.
e a novembre 2015 fù operata al seno levando il nodulo senza post terapie dopo intervento su descrizione del medico ospedaliero in Viareggio in day hospital.....tutto nella norma con controlli semestrali.....

oggi 15-03-2016 dopo 4 mesi dall'intervento precedente si è trovata a fare un controllo di routine con un ecografia mammaria,e a sorpresa è stato trovato "nel solito punto",MAMMELLA SX Microciste semplice retrocicatriziale e al QCS,in sede peri-RA presenza di formazione nodulare bilobata con margini definiti,di 6,4x2,8 mm.
si consiglia controllo Senologico.


quindi adesso stà per riniziare la solita prassi prima di levarsi il vecchio nodulo che a detta di loro era benigno....

da un vostro parere è normale che rivenga fuori un nuovo nodulo in poco tempo "mi sembra di capire nel solito posto",cioè il nuovo nodulo è l'intervento precedente non levato del tutto e ricresciuto oppure da cosa è frutto?
sono cose ricorrenti oppure cè da preoccuparsi?
levato a novembre in 4 mesi come è possibile il secondo nel solito punto,cioè è il solito ricresciuto oppure da cosa proviene?
cioè non capisco bene,ma il secondo trovato adesso è più o meno grave del primo nodulo l"evato"...possono rimanere radici se l'intervento non è perfetto?
ho molti dubbi e ansie e purtroppo il dottore operante non è reperibile prima di una settimana...e quindi mi piacerebbe sapere qualcosa più preciso in merito che in rx non danno!

posso stare tranquillo per mia madre seppur debba approfondire da capo il secondo nodulo come descritto.....come gli conviene muoversi sarebbe opportuno sentire il Professore che ha operato 4 mesi fà prima di rifare tutta la trafila come in passato impiegando quasi 6 mesi tra analisi ed intervento?

in attesa ringrazio!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrebbe allegare l'esame istologico del nodulo asportato.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 384XXX

Gentile Dottore l'esame istologico del nodulo asportato e l'esame autoptico gli fù detto a voce dal dottore operante che era negativo e che non doveva fare nemmeno la chemioterapia o altro dopo l'asportazione!

Dottore dice lei che conviene chiederlo all'ospedale il quale forse lo detiene oppure ricontattare il professore che la operò a giugno il quale purtroppo è in ferie e rientra tra pochi giorni?

perchè come è possibile che sia rinato al solito posto in pochi mesi,quando il precedente poi fù scoperto per caso tramite l'usl che mandava le lettere a casa per controllo prevenzione "che adesso quà hanno eliminato"!

grazie!