Utente 428XXX
Salve, chiedo un consulto in quanto a mia madre 54enne, le è stato diagnosticato un carcinoma infiltrante g2 di circa 1 cm attarverso biopsia. Sei mesi prima non era stato diagnosticato in quanto essendo piccolo si credva fosse massa densa della
Mammella perciò dopo 6 mesi ad ottobre scorso dopo una nuova mammografia è stato richiesta una biopsia con questo risultato. Oggi abbiamo avuto il consulto con il senologo che ci ha detto che eseguirà un intervento incidendo una mezza luna verificheranno il linfonodo e ci ha detto che qualora fosse positivo anziché fare lo svuotamento ascellare avendo poi problemi in seguito, c'è una nuova tecnica che prevede di lasciarli e fare una terapia più intensa. Noi ora non sappiamo cosa fare consigli? Il dottore ha optati per la nuova tecnica. Comunque il dottore ci ha anche rassicurati dicendoci che la situazione non è grave perché è stato preso in tempo e che possiamo stare sereni essendoci una microlesione. Posso davvero stare tranquilla? Quale opzione dobbiamo eseguire se il linfonodo dovesse essere positivo?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi dispiace ma non mi sento di influenzarla a distanza (tra l'altro vietato ) nelle decisioni in assenza di molti dati, tra cui la "nuova" tecnica che intende adottare il chirurgo.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Dottore,non ne sarei influenzata,volevo solo farmi un'idea. Il dottore ci ha consigliato di optare per la nuova tecnica ossia non fare lo svuotamento dunque, lasciare i linfonodi intaccati e agire con una terapia più intensa come dire meno leggera per curare i linfonodi,tutti questo solo se risulteranno positivi. Non sappiamo che fare, aiutateci. Un'altra domanda , secondo voi davvero la situazione non è grave in quanto si tratta di mirco lesione e perciò è stato preso in tempo?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi dispiace ma da quanto descrive non ho ben compreso cosa intende fare il chirurgo...
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 428XXX

Dottore allora mi spiego meglio. Il chirurgo ci ha detto che ci sono due possibilità se i linfonodi risultano positivi, ovvero :
1 toglierli facendo lo svuotamento ascellare portando con se i soliti problemi al braccio per tutta la vita ( vecchio metodo)
2 lasciarli e demolire le cellule maligne con una terapia più forte meno leggera in maniera tale da poter recuperare i linfonodi (nuovo metodo sperimentale. ) lui ci ha consigliato quest'ultimo. Lei come la pensa a riguardo? Questa è la mia richiesta.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ora ho compreso, ma credo che Lei abbia bisogno di maggiori dettagli con il consenso informato (per questo è vietato interferire a distanza) perché >> Il chirurgo ci ha detto che ci sono due possibilità se i linfonodi risultano positivi>>

Positivi che vuol dire ? Con micrometastasi, e micrmetastasi di quali dimensioni , interessamento massivo, interessamento di uno o più linfonodi sentinella ?

Come vede è problema è un po' più complesso per poterlo dirimere a distanza.

Ad esempio con micrometastasi GIA' non si procede allo svuotamento ascellare
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 428XXX

Si dottore,con metastasi.