Utente 146XXX
Buonasera Dott. Catania.
Le scrivo dopo quasi due anni dall'intervento di quadrantectomia T1a g3 N0 M0 ER100% PGR45% MIB 1 35% Her2 -.
Il nodulo era di 9 mm di cui il 40% in situ. Ho fatto radioterapia e sto assumendo ARIMIDEX.
Oggi ho effettuato la mammografia e l'eco di controllo annuale. La mammografia e' negativa per quanto riguarda l'eco le copio il referto:
Al controllo attuale il quadro appare invariato nei confronti del precedente esame del 15.12.2015, meglio evidente al QSE della mammella destra (quella operata) una tenue e sfumata area di maggior opacita' con al centro un'area rx-trasparente, di circa 16x5mm di maggior diametro, con l'aspetto dell'area di necrosi lipoidea.
All'ecografia in tale sede si apprezza una tenue e sfumata areola ipoecogena, di 7x8mm, simile al precedente esame ecografico del 27.6.2016 tuttavia con discreta vascolarizzazione al color doppler (U4a)
Il quadro e' verosimilmente compatibile con esiti di QUART ma, a scopo prudenziale, si consiglia completamento diagnostico con agobiopsia ecoguidata.
Non lesioni sospette sul restante ambito e alla mammella controlaterale.
L'ecografo mi ha tranquillizzata ma la parola areola ipoecogena e vascolarizzazione mi riportano alla diagnosi di due anni fa. Inoltre la sigla U4a significa sospetta e naturalente sono ripiombata nel panico.
Anche se sono consapevole che solo la bipsia togliera' il dubbio vorrei conoscere la sua sincera opinione . Ancora una volta grazie dott. Catania

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto allega è molto probabile che il quadro sia riferibile ad esiti della quadrantectomia + radioterapia.

Le suggerisco, indipendentemente dall'esito della microbiopsia, un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro !

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO e Le prometto che non la lasceremo sola.

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-537.html


Tanti saluti
Salvo Catania

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 146XXX

Lei ha ragione ma non riesco a non aver paura. Mi creda e' piu' forte di me. Seguiro' il suo consiglio la ringrazio tanto!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La paura è una reazione fisiologica adattiva, non una malattia.

La condivisione aiuta a gestirla . Non può vivere il resto della vita in allerta continua.

Si fidi : l'aspettiamo nel blog . Racconti brevemente la sua storia e soprattutto ci parli delle sue paure.

Non se ne pentirà ...glielo prometto.
Scriva che l'ho invitata io così può saltare tutti i preliminari della presentazione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com