Utente 462XXX
Gentili Dottori, sono una ragazza di 28 anni, vi scrivo in merito a un fastidio di cui soffro da circa 2 mesi. Ad alternanza o anche contemporaneamente sento i linfonodi delle ascelle ingrossati, li sento al tatto come delle palline di circa 1 cm, sono percettibili alla vista anche solo alzando le braccia. Alcune volte scompaiono e tornano dopo pochi giorni, alcune volte si limitano all'ascella, altre volte anche al seno. Ad esempio in questo momento avverto due "pallini"duri al tatto e un po'dolenti all'ascella destra e due a quella sinistra, un pallino seno destro nella parte superiore (con cute arrossata) e uno al seno sinistro nella parte laterale vicino l'ascella. Sono tutti di dimensione come un pisello, duri al tatto e fissi. Sento un fastidio generale alle ascelle, anche indossando maglie a giromanica, non riesco ad alzare pesi perchè sento dolore anche fino al braccio,nell'interno del gomito.
Non si tratta comunque di dolore forte, è tutto sopportabile ma molto fastidioso. Mi sono recata dal mio medico, alla comparsa dei primi sintomi e poi nuovamente la scorsa settimana. Il medico mi ha spiegato che non è nulla di preoccupante poichè i fastidi sono da entrambi i lati, a volte solo a sinistra, altre solo a destra. Perciò mi ha parlato di linfonodi reattivi "che passeranno da soli", mi ha prescritto di utilizzare gentalin beta, ma non ho miglioramenti.
Da due mesi non utilizzo la lametta e applico un deodorante comprato appositamente in farmacia (cercando di utilizzarlo anche il meno possibile), la comparsa dei gonfiori sembra casuale, nel senso che non ho notato coincidenze con il ciclo o i giorni prima dell'arrivo.

Premetto che non sono molto preoccupata, vorrei solo capire se è il caso di iniziare una terapia antibiotica o altro per risolvere il fastidio. Secondo il parere del mio medico non devo fare nulla, nessuna visita specialistica e nessuna cura, devo solo aspettare che passino da soli.

Vi ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
I linfonodi reattivi hanno scarso significato patologico

Non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
https://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

STIA ASSOLUTAMENTE TRANQUILLA
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com