Utente 147XXX
Gentili Dottori, sono una ragazza di 32 anni e avrei bisogno cortesemente di un vostro parere. A marzo ho avuto un aborto alla ventunesima settimana per rottura prematura delle membrane. Dopo l'aborto ho assunto il dostinex per bloccare la montata lattea. Da allora il seno è cambiato molto in particolare la mammella sinistra che è stata sempre più grande rispetto alla destra ( ho fatto molto progesterone in gravidanza). A giugno ho fatto visita senologica con ecografia ed il senologo mi ha detto che non evidenziava alcuna anomalia ma che era evitdente che c'era stata la montata lattea. Ora da circa una quindicina di giorni avverto fitte alla mammella sinistra e all'autopalpazione non avverto noduli ma una 'massa' dura quando contraggo i muscoli pettorali. Stamani ho effettuato un'ecografia ed il referto è il seguente: a sinistra il tessuto ghiandolare appare molto rappresentato e rusulta disomogeneo in corrispondenza del QSE ove si apprezza un'area di sfumata ipocogeneicità (circa 25x17mm) con margini irregolari ed attenuazione del fascio ultrasonoro nei piani profondi. La formazione al doppler non mostra segni di anomala vascolarizzazione ma alla luce del quadro amnesico ( mia madre ha avuto K mammario per mutazione BRCA2 che io non ho e fortunatamente ora sta bene) e della non univocità del reperto è meritevole di approfondimento diagnostico con RMN mammaria. Diciamo che la dott.ssa ad una prima visione ha detto che non riscontrava nulla di anomalo, poi ha visto quest'area e mi
ha detto che non riesce a definire in modo preciso le dimensioni perchè non è 'sicura' di quello che vede.
Grazie mille per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Corretto l'approfondimento su un rilievo DUBBIO in considerazione anche della mutazione e familiarita'

Anzi io approfondirei comunque con una agobiopsia ecoguidata. Occorre essere sempre pessimisti sulla diagnosi e ottimisti sulla prognosi.

Occorre un volume e forse non basterebbe per correggere alcuni suoi pregiudizi su questa malattia derivati probabilmente da una esplorazione senza guida di informazioni sulla rete, ma soprattutto dallo stress che ha dovuto vivere con le sua esperienza familiare

Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro ! So

Di questo ci occupiamo da anni nel mio blog RAGAZZE FUORI di SENO, cui partecipano anche molte figlie di madri ammalate .
https://www.medicitalia.it/news/senologia/6986-blogterapia-ragazze-fuoridiseno-rfs-bilancio-anniversario.html

in cui e' possibile correggere molti dei suoi pregiudizi su ereditarieta', prevenzione, e soprattutto PAURE e DARE SEMPRE SPERANZA

https://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-speranza-fattori-predittivi-mera-informazione-condanna.html

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io, cosi' puo' saltare tutti i preamboli ed entri nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO e Le prometto che non la lasceremo sola..nel corso di questi approfondimenti (e anche dopo ovviamente)
RIASSUMA LA SUA STORIA E PARLI DELLE SUE PAURE E DUBBI senza remore

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-936.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 147XXX

Grazie dottore per la risposta. È vero sono abbastanza preoccupata. Il caso di mia madre non è stato l'unico in famiglia ed ecco perché abbiamo fatto tutti l'esame genetico. Io sono risultata negativa per cui a differenza di alcune cugine positive che fanno risonanza ogni sei mesi, io faccio solo l'ecografia. Siamo seguite a Roma e non essendo di Roma ho fatto l'ecografia in un centro vicino casa. Ora contattando il radiologo di Roma mi ha detto di voler fare lui l'ecografia la settimana prossima. So bene che è fondamentale la diagnosi precoce per cui le chiedo : in caso di diagnosi negativa potrebbe essere qualcosa in fase iniziale visto i controlli ravvicinati ?