Utente 327XXX
Buongiorno, chiedo un consulto in merito alla mia diagnosi.
Ho 45 anni, due gravidanze, allattato soltanto la seconda figlia, un seno piccolo (taglia 1), familiarità k mammella zia materna.
Un mese fà mi sono scoperta un nodulo alla mammella sinistra, palpabile, duro al tatto e lo percepivo immobile.
Risultati eco+mammo:
Esame eseguito con tecnica digitale ed integrato con proiezione di dettaglio in compressione mirata a sinistra.
Mammelle a prevalente componente ghiandolare disomogeneamente distribuita.
A sinistra in corrispondenza dei quadranti superiori, meglio evidente nella proiezione LL si documenta la presenza di radiopacità ovalare a limiti sfumati che si conferma all'esame mirato.
Non microcalcificazioni sospette bilateralmente.
La complementare indagine ecografica ha documentato a sinistra al passaggio dei quadranti superiori la presenza di formazione disomogeneamente ipoecogena con dimensioni massime di circa 10 mm, a margini irregolari, non caratterizzata da significativa vascolarizzazione alla successiva valutazione con modulo color-doppler. Sparse sub e pericentimetriche formazione anecogene di riferimento cistico bilateralmente . Non significative linfoadenomegalie in sede ascellare bilaterale.
Risultato agoaspirato:
Materiale amorfo, cellule epiteliali singole ed in aggregati monomorfe e con lievi atipie, rari aggregati di cellule epiteliali con atipia citologica marcata, di sospetta natura neoplastica. Sono presenti occasionali microcalcificazioni
C4
Ho eseguito una settimana fà agobiopsia e sto attendendo il risultato. Avrei dovuto fare anche la risonanza magnetica con contrasto ma non sono riuscita a farla perchè soffro di claustrofobia.
Poichè non ho avuto un'esaustiva spiegazione da parte del team in ospedale, potete spiegarmi meglio di che nodulo si tratta - ho letto che possono essere liquidi o solidi - e se sono interessate le ghiandole mammarie o i dotti lattiferi?
Con questo referto, l'esito della biopsia potrebbe essere benigno?
E' normale che senta dolore alla mammella, altezza del nodulo, dopo aver effettuato agobiopsia?
Grazie per la gentile risposta.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' normale che senta dolore dopo l'agobiopsia. Per fortuna il nodulo e' relativamente piccolo e C4 e' un referto citologico di sospetto e quindi dobbiamo aspettare l'esito dell'istologico per una conferma.

Se desidera imparare a gestire la paura dell'attesa Le consiglierei di ripostare sul mio forum Ragazze Fuori di Seno
CON IL COPIA-INCOLLA questa richiesta di consulto.

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-1562.html

Si presenti con un nome (nick anche fasullo di comodo) e scriva pure che l'ho invitata io e non la asceremo sola, qualsiasi sia la l'esito dell'istologico

L'aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 327XXX

Salve Dott. Catania e grazie per la risposta.
Ieri ho avuto l'esito:
Carcinoma infiltrante NST sec. WHO 2012 (duttale NOS) G1 sec. Nottingham (score 5: tubuli 1+pleomorfismo 2+mitosi 2) con occasionali microcalcificazioni.

Operazione fissata tra tre giorni.
Mi hanno parlato di una quadrantectomia.
Certo su un seno già piccolo (1 misura) è qualcosa di significativo...
Qual'è il collegamento per il suo forum?
Grazie.