Utente 471XXX
Buongiorno, scrivo per la mia compagna. Ha 39 anni, mamma da poco piu' di 5 mesi. Sua cugina di lato materno ha avuto la diagnosi di cancro al seno alla mia eta'. Per questo motivo e per la struttura fibromatosa del suo seno ha sempre effettuato negli ultimi anni controllo ecografico e talvolta anche mammografico.Per la rilevazione di un nodulo sospetto post gravidanza, si e' sottoposta a mammografia ed ecografia due mesi dopo la nascita di nostra figlia, periodo in cui ancora un po' allattava.
Di seguito il referto ecografico (traduzione, fatta all'estero): " tessuto mammario predominante in situazione mediana ed esterna di ogni seno. La sua ecostruttua è globalmente iper-ecogena eterogenea con numerosi piccoli focolai fusiformi ipo-ecogeni, gli uni di involuzione lipomatosa debuttante, gli altri di aspetto distrofico fibro-microcistico.
Carattere distrofico micro e macrocistico bilaterale. Ritroviamo le cisti piu' voluminose a contenuto transonico liquido di 20 mm di diametro al livello retro-areolare interno destro e di 54 mm di grande asse per 27 mm di spessore nel quadrante superiore esterno sinistro. Assenza di ectasia galattoforica retro-areolare.
La ricerca di processo tumorale con o senza cono d'ombra acustico sotto-giacente e' stata negativa."

Ora a distanza tre mesi dall'ecografia, pochi giorni fa, in coincidenza della sua fase ovulatoria, ha avvertito improvvisamente dolore e tensione in corrispondenza della cisti di 5 cm rilevata in ecografia. Inoltre la sua impressione e' che sia aumentata notevolmente di volume . Al tatto dice addirittura che potrebbe essere quasi raddoppiata. Ha un po' di sollievo applicando voltaren forte.
Le chiedo: c'e' da preoccuparsi? Dolore e aumento importante di volume possono essere coerenti con il quadro rilevato nell'ecografia di 3 mesi fa? Cosa consiglierebbe di fare?
Grazie.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
I tumori sono solidi e non a contenuto liquido come una cisti.
Solitamente per cisti di queste dimensioni si suole procedere ad uno svuotamento tramite agoaspirazione.
Una cisti di 5 cm giustifica la sintomatologia che descrive.
Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 471XXX

Grazie per la risposta. Sulla base di quanto descritto ritiene che ci sia un'urgenza particolare per una nuova ecografia di controllo o si puo' tranquillamente effettuarla a novembre nella visita di controllo post allattamento gia' prevista? Se di per se' il fastidio sia comunque tollerabile, l'agoaspirazione e' in ogni caso necessaria o potrei evitarla? Se necessaria, va prevista con urgenza?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ravvedo urgenze in quanto descrive
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com