Utente 218XXX
salve,ho 34 anni e svolgo, da una quindicina di anni, regolare attività fisica (atletica) dapprima a livello amatoriale per poi passare a livello agonistico.nel 2005 ho avuto la prima diagnosi di epididimite al testicolo Sx con presenza anche di varicocele.ho fatto una molteplicità di analisi ed operatomi al varicocele il dolore persisteva ed è passato solo dopo una cura di circa 4 mesi tra antibiotici e antinfiammatori.La mia domanda è la seguente:escludendo in via primaria l'infezione da rapporti sessuali noto che i dolori compaiono sempre nei periodi di maggior allenamento ed in particolare negli sforzi brevi e intensi.Cosa posso fare e quale potrebbe essere il miglior antinfiammatorio del caso?Ringrazio.

[#1]  
Prof. Giovanni Maria Colpi

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
VIGGIU' (VA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

la riferita presenza di dolori testicolari-o presunti tali- dopo attività fisica può far pensare ad una origine del dolore anche extra-genitale cioè di tipo muscolo-tendineo...tuttavia resta perentorio nel suo caso, come in ogni caso clinico, valutare con la visita del paziente, il percorso diagnostico migliore e quindi terapeutico, magari andrologico visto il pregresso di varicocele ed epididimite.

cordialità
Prof. Giovanni Maria  Colpi

[#2] dopo  
Utente 218XXX

La ringrazio per la risposta, anche se il dolore si localizza proprio sull'epididimo con delle punte sull'inguine, ritengo personalmente anch io che il problema muscolo-tendineo sia la tesi più adatta, considerato anche che la comparsa avviene nei periodi di maggior intensità fisica.A tal proposito saprebbe consigliarmi degli antiinfiammatori specifici?

[#3]  
Prof. Giovanni Maria Colpi

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
VIGGIU' (VA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore, purtroppo senza una visita clinica qualsiasi terapia farmacologica è priva di senso logico, per il semplice motivo che manca la diagnosi!!!!

le consiglio di fare almeno una valutazione dal suo medico di famiglia.

cordialità
Prof. Giovanni Maria  Colpi