Utente 315XXX
Buongiorno a tutti,
da tempo io e la cistite siamo diventati compagni indissolubili.
Dal febbraio di quest'anno, con un episodio di cistite acuta (dovuta una nottata alcolica esagerata, lo so non mi fa onore ma se devo chiedere un consulto devo essere sincera), la cistite è diventata una spiacevole ricorrenza.
Quest'estate l'ennesima cistite, in forma leggera, trascurata inizialmente e poi curata con il bactrim perchè il semplice monuril non l'ha eliminata.
Fatto sta che è da febbraio che ormai non mi sento più normale, la sensazione di bruciore arriva a volte inaspettatamente, non è la classica pressione e sensazione di dover fare la pipi, ma qualcosa di diverso, un bruciore che a volte lo potrei collocare all'interno della vagina a destra,parlo sempre di un dolore interno e quindi che non centra con l'organo genitale in sè, ma qualcosa che riguarda sempre le vie urinarie (questo lo dico io in base alla mia sensazione del bruciore, ma ovviamente non sono un medico!). Con l'ennesimo episodio di cistite di quest'estate mi sono state prescritte delle analisi delle urine, ovviamente evidenziavano un infezione, con vari valori sballati, ma il medico non ha trovato nulla di troppo preoccupante. Ricordo solo che guardando il vasetto delle urine, vedevo all'interno moltissimi pezzi bianchi.
Al momento non ho più la cistite, ma dal momento che ho avuto spesso questi episodi abbiamo deciso con il medico di fare l'esame dell'urinocoltura, e l'esame ha dato esito negativo. Però anche in questo caso ho notato che c'erano, anche se in misura molto più ridotta, dei pezzi bianchi, non so se siano quelli che comunemente vengono chiamati sedimenti. Da cosa sono determinati? Ero convinta che fossero dovuti a un infezione, ma se l'urinocoltura è negativa non capisco allora cosa sia.....
Grazie al medico che risponderà!

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
ecografia renale e vescicale e se serve anche cistoscopia per evidenziare eventuali processi infiammatori cronici che possono essersi instaurati e escludere microlitiasi renale
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 315XXX

Buonasera dottore la ringrazio per il consulto, ma un ultima domanda: Questi processi infiammatori cronici non possono essere rilevati dall'esame dell'urine o dall'urinocoltura? Cioè è possibile che i processi infiammatori da lei citati non alterino in nessun modo le urine da non comparire nelle analisi?