Utente 196XXX
Gentili dottori mi rivolgo a voi dato che non riesco a risolvere il mio problema pur consultando più dottori.
In pratica mi accorsi che il mio glande risultava un po umido ed emanava una puzza di pesce.
Credo che io abbia delle perdite dovute a qualche infezione.
Cosi vado da un dottore e dopo un primo consulto mi fa applicare delle pomate e mi prescrive degli antibiotici che non mi fanno alcun effetto.
Decido di andare da un urologo che mi consiglia un tampone balano prepuziale.
Lo faccio, e risulta un microorganismo lo STAPHYLOCOCCUS HAEMOLYTICUS.
Cosi chiamo il dottore e lui mi prescrive AUGUMENTIN 1 G per sei giorni.
Faccio la terapia la puzza ed il fastidio passa,ma oggi dopo un mese mi ritrovo al punto di partenza.
Ora chiedo a voi medici,a cosa puo essere dovuta questa puzza? e come mai si è ripresentata dopo un mese?
Da premettere che curo perfettamente l'igiene intima e che non sono circonciso.
Molti mi dicono che può essere anche quello che causa ciò
Aspetto con ansia vostre risposte...Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
infatti ... probabilmente è proprio nel tipo di igiene locale che si possono trovare le cause del problema. Si instaura infatti un circolo vizioso che spinge a lavarsi molto di frequente utilizzando probabilmente detergenti incompatibili con la sua pelle e la presenza di una flora batterica che è normale ritrovare in tutta l'area genitale. L'esperienza ci insegna che, in assenza di lesioni evidenti, la terapia antibiotica non ha alcuna indicazione, oltre che efficacia. Purtroppo non vi è una "cura", ma solo la ricerca di un equilibrio, che può non essere immediato. In prima ipotesi le consiglieremmo di evitare tutti i detergenti intimi, anche medicati, a base di sapone e derivati. Provi ad utilizzare solo acqua semplice o con una punta di bicarbonato e veda come va entro qualche giorno. Meno prodotti si adoperano, meno intrugli si applicano e meglio è, perlopiù.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 196XXX

Gentile dottore, quindi lei mi consiglia il lavaggio solo con acqua corrente?
Secondo lei l'antibiotico in questo caso non serve a nulla?
Notando bene la cosa,sulla punta del pene ogni volta che tiro su il prepuzio noto del liquido trasparente e questa puzza intorno al glande che si sente parecchio.
E come se si accumulasse questa sostanza nel glande per poi essere rilasciata durante la giornata...non so se ho reso l'idea
Perciò penso che il dottore mi abbia prescritto l'antibiotico.
Lei cosa mi consiglia di fare oltre a lavarmi con l'acqua corrente?
La ringrazio ancora per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come già le abbiamo scritto: "l'esperienza ci insegna che, in assenza di lesioni evidenti, la terapia antibiotica non ha alcuna indicazione, oltre che efficacia". davvero lei le consiglieremmo di lavare solo con acqua corrente almeno per 4-5 giorni e percepire se e quali differenze si manifestano. Non è detto che sia la soluzione definitiva, ma certamente servirà a fare un po' di chiarezza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 196XXX

Dottore non posso fare altro che ringraziarla,è stato veramente gentile e disponibile