Utente 370XXX
Salve, sono qui a chiedere un vostro consulto sui problemi che mi sono capitati nei mesi passati. A seguito di un forte dolore lombare sono andato dal mio dottore, il quale mi ha prescritto di fare delle analisi e un R.M. Risultato valore PSA 6,5mg/ml, RM un po' di problemi ma niente di preoccupante. Dopo una settimana di cura antibiotica con Keraflox 600 ho ripetuto le analisi più o meno come la prima. Immediatamente visita dall'urologo, vista la mia età e considerando i precedenti ereditari, eseguita ecografia e visita rettale. Esito:prostata aumentata di volume a margini netti non dolente alla palpazione di consistenza elastica, solco mediano conservato, er rettale negativa. Considerato il valore PSA e l'età del paziente eseguiremo biopsia prostatica random ecoguidata. Nell'attesa della biopsia mi spuntavano delle macchie rosse sul glande. Eseguita la biopsia, risultato su 18 campioni 3 positivi, punteggio gleason 6, stadi tumorali (AJCC Version 7,2010)=T1c, percentuale biopsia positiva 16,67%.Consigliatomi di eseguire prostatactomia radicale robotica. Mi trovo in difficoltà e confuso e vorrei un vostro parere. Concludo con una domanda, ma il dolore basso lombare e le macchie rosse sul glande sono correlate con tutto ciò??....In attesa di una Vs/ cordiale risposta porgo i miei saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
considerata la sua età e l'esito della biopsia, diremmo che la maggior mparte di noi specialisti porrebbe le stesse indicazioni di chi la sta seguendo. Vi sono certamente delle alternative, anche quella di non fare nulla ... (vigile attesa), ma la bilancia pende senz'altro dalla parte di un intervento radicale ed assai probabilmente curativo. Non troveremmo alcuna correlazione invece con la comparsa di questa manifestazione dermatologica, che ipotizzeremmo legata alla terapia antibiotica assunta in corrispondenza delle biopsie (?).

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 370XXX

Salve Dott. Paolo Piana il tempo é passato e dopo piú di tre anni sono ancora alle prese con questa benedetta prostata anche se non c'é piú. Dopo la prostotecmia, fatta nel maggio 2015 ,alla visita oncologica mi sono presentato con un PSA di 0,02, mi é stato prospettato di fare radioterapia, io ho preferito il controllo ogni 3 mesi del PSA. Ultima visita di controllo psa 0,22, consigliato nuovamente di fare radioterapia. Sono andato a consultarli con un'altro oncologo che mi ha fatto fare una risonanza a contrasto con esito negativo. Nonostante ció anche lui mi consigliava di fare radioterapia e addirittura ormonoterapia. Vorrei cortesemente il suo parere, considerando gli effetti collaterali della ormonoterapia. Ringraziandola anticipatamente distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per un giudizio più appropiato dovremmo conoscere l'esito dell'esame istologico eseguito sulla prostata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 370XXX

Mi sembra giusto, appena arrivo a casa comunico l'esame istologico.

[#5] dopo  
Utente 370XXX

Intervento di prostotecmia + vescicolari radicale in data 07/05/2015 EI:ADK prostatico, Gleason 7(3+4),pT2c Nx Mx, R+(interessamento multifocale del lobo dx e sin e margine anteriore apice prostatico)
Diagnosi esame istologico:
Adenocarcinoma prostatico
convenzionale nos, bilaterale.
GLEASON SCORE 7 3+4.
30% della massa prostatica.
pT2c-neoplasia confinata all'organo con malattia bilaterale.
pnx-linfonodi non inviati.
pmx-non valutabile.
Interes. neoplastico multifocale del lobo dx e sx e del margine ant. Apice prost. Base indenne.
Estens.extrapr. ASSENTE
Invas. delle vescicole Sem. Assente
Invas. perineurale presente focalm.
Invas. Linfatica presente focalm.
Invas. Venosa indeterminata.
Pin di alto grado, diffuse espressioni

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Crediamo che in questa fase la maggioranza dei nostri Colleghi proporrebbe la radioterapia, che essendo comunque gestita da un altro soecialista, necessita ovviamente del suo avvallo. Non riteniamo invece necessaria la terapia ormonale, che viene associata alla radioterapia quando questa è utilizzata come terapia unica radicale al posto della chirurgia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 370XXX

Grazie per la celere risposta avró un incontro con il Gom il 6 febbraio affronteró anche questa, poi mi toccherà operarmi di nuovo al laparocele (per la terza volta)

[#8] dopo  
Utente 370XXX

Un ultima domanda, ancora ho delle macchie rosse al glande che mi porto dietro da prima dell'operazione non ho dolori, ma non potrebbe essere una infiammazione che causa il leggero aumento del PSA?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo proprio di no. Codeste macchie rosse sarebbero ovviamente da valutare direttamente da un dermatologo, ma in assenza di sintomi è facile pensare ad una dermatite cronica (es. di Zoon).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing