Utente 383XXX
Buon giorno dottori,
Vi chiedo aiuto non so più come uscirne..
Il 21 maggio mi sono recato in pronto soccorso per perdita di gogge di urina dal pene dopo minzione,sentivo anche fastidio all'uretra.
Mi e stata diagnosticata dopo esplorazione rettale una sospetta prostatite,per sicurezza il giorno dopo mi hanno mandato in un altro ospedale dove era presente il reparto "Urologia",dove hanno confermato essa,avevo la prostata ingrossata con varie calcificazioni,la terapia e stata per 20 giorni Topster,Neuduplamox per 6 mattino e sera e Difaprost per 2 mesi una pastiglia al mattino..
Arrivo al punto,finito la cura di topster sentivo di non stare ancora bene,perchè avevo un continuo stimolo a urinare,sopratutto quando andavo di corpo sentivo che nn riuscivo a svuotare completamente la vescica,dopodichè mi rimaneva come un infiammazione nel tratto urinario e avevo un po di sollievo quando tornavo in bagno per urinare..
Mi sono recato a pagamento il chè dopo visita la prostata era guarita il che mi ha dato Urorec,la cosa e peggiorata il che dopo 2 settimane e mezzo sono andato in pronto soccorso perche avevo un forte bruciore quando urinavo e avevo anche un frequente stimolo,ho fatto un esame veloce delle urine in qui hanno trovato dei nitriti,ho ricevuto di nuovo la cura con neuduplamox,niente da fare,anzi ora la notte dovevo alzarmi spesso per andare in bagno,sentivo come se l'urina spingesse per uscire,fortunatamente avevo appuntamento con un altro urologo in ospedale,li dopo avergli spiegato tutto visitandomi trova la prostata a posto e la vescica aposto..Mi dà esami da fare Urinocultura e Spermio con Abg,intanto chiedo al mio medico se puo darmi qualcosa mentre aspetto gli esami,Ciproxin per 6 giorniu,nessun beneficio,arrivati gli esami tutti ok nessun germe..
Ora il medico mi ha prescritto Flogeril Forte e sembra che stia facendo effetto..Però parlando con un urologo al telefono mi ha detto che potrei avere la vescica che nn svuota bene e fare un Uroflussometria,L'ultimo urologo però mi ha detto che si svuotava bene e dall'ecografia non sembrava esserci nulla..
La notte non dormo devo alzaemi continuamente per andare in bagno però non ho bruciore..
Può essere un infiammazione?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La mancata efficacia degli antibiotici è significativa per il fatto che il suo problema non abbia assai probabilemente una causa infettiva. Anzi, le terapie antibiotiche protratte potrebbero dimostrarsi controproducenti, alterando la flora batterica intestinale, inducendo pericolose resistenze, innescando un circolo vizioso ben noto agli specialsiti. Riterremmo saggio pertanto interrompere qualsiasi trattamento antibiotico, quantomeno fiano all'esecuzione degli esami batteriologici. I risultati di questi esami andranno poi comunque interpretati con molto senso critico, poiché assai spesso la spermiocoltura è inficiata da fenomeni di contaminazione del campione. Nulla toglie comunque che lei abbia dei disturbi, e su questi sia efficace una terapia anti-infiammatoria ed anti-édema, come quella che lei sta seguendo più recentemente. Non deve stupire che i riscontri ecografici non siano così significativi, questa è la storia comune a quasi tutte le prostatiti croniche dell'adulto. Come leiavrà già percepito, non esistono cure specifiche per queste condizioni. In genere, più che i farmaci, sono efficaci le attenzioni dirette allo stile di vita, con particolare riguardo ad alimentazione, idratazione, funzione intestinale, attività fisica ed attività sessuale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 383XXX

Grazie dottore,
quindi lei dice che potrebbe essere un riscontro di tutti questi anti-biotici che ho preso?
Cioè stavo curando un infezione che non avevo?
Lei mi consiglia comunque di fare una Uroflussometria?
Come ho scritto sopra sembra che questo Flogeril Forte mi stia dando un poco di sollievo,ho inizato Martedì sera,il dottore mi ha detto che ci vuole un pò prima di avere un beneficio totale..
Secondo lei posso guarire usando questa terapia?
Dimenticato di dire prima che durante le cure per due volte ha distanza di due settimane ho avuto una leggera perdita di urina mentre ero seduto,2-3 gocce poi più niente..Era dovuto sempre alla prostatite?
Scusi tutte queste domande,ma essendo che ho visitato la prostata poco tempo fà e che risultava a posto con vescica che si svuotava normalmente come diceva il medico,come mai ho questo bisogno frequente di urinare di notte?Mi consiglia un altra visita lei?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La prostatite acuta è certamente di origine infettiva e si manifesta con febbre anche molto elevata. Non ci pare queto il suo caso. Solo in queste situazioni è necessario instaurare immediatamente una terapia antibiotica. In quasi tutti gli altri casi, la prescrizione empirica non è corretta, è sempre opportuno basarsi sul riscontro oggettivo di un esame batteriologico. Anche se questo deve essere interpretato in modo molto critico, come già le dicemmo. Dalla prostatite, come si sa, non si guarisce mai per sempre, ma vi possono essere dei periodi di benessere anche molto lunghi (anni). La sconsigliamo dall'intraprendere inutili pellegrinaggi tra vari specialistici. Si fermi dal nostro Collega con il quale riesca ad intrattenere un buon rapporto di comunicazione e fiducia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 383XXX

Dottore,
se ho capito bene devo continuare a prendere Flogeril Forte come mi ha prescritto il dottore di famiglia fino a completa guarigione senza consultarmi più da un urologo?Se ho capito bene questo continuo stimolo a urinare e una semplice infiammazione?Essendo che dagli ultimi esami non è risultato nulla di negativo?Scusi tutte queste domande ma è davvero fastidioso dovere continuare a urinare,sopratutto di notte..
Una domanda ignorante,essendo che non si guarisce mai si può trasformare mai in tumore la prostata?
Grazie per la disponibilità e ancora e mi scusi ancora se la tempesto di domande..

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente lei deve seguire le cure che le sono state prescritte, noi a distanza possiamo fare solo un discorso generale, altra cosa è avere con lei un rapporto diretto, che sarà sempre e comunque più completo. La prostatite, per fastidiosa che possa essere, non evolve mai in un tumore, stia sereno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 383XXX

Grazie dottore,
vorrei chiederle ancora una cosa,cosa intende che dalla prostatite non si guarisce mai?
Nel senso come dice lei tra qualche anno può ricapitarmi quello che ho avuto a Maggio?
Ultima cosa,quanto tempo ci vuole prima che l'antinfiammatorio che sto prendendo (Flogeril Forte),dia il suo beneficio totale?Sento che il bisogno e minore di prima ma non sono ancora guarito del tutto..

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Alla prostatite si è sostanzialmente predisposti, la statistica ci dice che in buona parte dei casi si manifestano delle ricadute nel corso della vita, spesso in corrispondenza di fasi di stress di vario tipo (fisico, alimentare, ecc.). Con questo non è certo nostra volontà spaventarla, ma solo avvicinarla alla realtà, che comunque nella maggior parte dei casi si manifesta con periodi di remissione anche di molti anni.
Quanto ci impieghi la sua cura a fare effetto, ovviamente non lo può sapere nessuno, ogni caso è profondamente diverso dall'altro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 383XXX

Grazie dottore per il suo consulto,ascolterò il suo consiglio,cioe quello di non girare specialisti diversi e seguire con pazienza le cure date dal mio medico di famiglia,purtroppo io sono un tipo che alla minima cosa mi spavento..
Effetivamente la cura che sto facendo piano piano mi sta dando sollievo,devo solo avere pazienza..
Un ultima osservazione,non voglio dare colpa a nessuno,però secondo lei se mi avessero detto già alla seconda visita "a pagamento",di fare un esame urine invece che darmi già terapia con "Urorec",forse avrebbero visto che nn si trattava di una forma infettiva ed evitavo di ingurgitare tutti questi antibiotici che non sono serviti a nulla,magari a quest'ora sarei già stato meglio..
Sono un poco arrabbiato...

[#9] dopo  
Utente 383XXX

Buona sera dottore,
io come menzionato qualche settimana fà ho questo continuo stimolo a urinare sopratutto quando sono sdraiato,ho finito da una settimana la cura con "Flogeril Forte",che mi ha dato un poco di sollievo,le ultime visite dagli specialisti come le dicevo sono andate bene,nel senso che non mi hanno trovato nulla..
Ora il medico di famiglia mi ha detto di non prendere più nulla,perche la cura anti-infiammatoria che ho fatto dovrebbe avere gia fatto effetto..Mi ha consigliato di non andare da specialisti per ora..Mi diceva che potrebbe esssere il muscolo della vescica indebolito dovuto alla prostatite..Io continuo ad avere lo stesso problema,però a volte sembra che sparisca,però ha volte ho la senzazione di essermi bagnato,guardando però non mi sembra che esso sia accaduto..Anzi se passo la carta per asciugarmi sembra quasi che ci sia della roba vischiosa in quantita minima..
Cosa può essere dottore?Devo avere pazienza?

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La pazienza è sempre e comunque un ingrediente indispensabile.
In situazioni di congestione od infiammazione cronica la prostata (che sostanzialmente è una ghiandola) può aumentare la quantità della sua secrezione. Questa è costituita di fatto dal liquido pre-seminale, con le sue note caratteristiche simili alla saliva. Come le abbiamo detto, tutti i problemi prostatici del giovane risentono più che delle terapia dellascrupolosa attenzione allo stile di vita, articolato in alimentazione, idratazione, funzione intestinale, attività fisica ed attività sessuale. Tutte queste dovranno essere improntate ad una ragionevole ottimizzazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 383XXX

Buona sera dottore,
Avrei bisogno di un altro suo consulto..
Ultimamente ho fatto controlli su liquido seminale e urine,nessuno di esse risulta infetto,io però continuo ad avere la sensazione di dovere urinare,anche dopo essere andato in bagno,noto anche che ha volte ho come un uscita involontaria di urina,qualche goccia..
Io come le avevo già menzionato sopra ho consultato vari specialisti..Dal mio ultimo messaggio non sono più andato da nessuno è mi è stata data una cura di 2 mesi con "Proxi"..
Nell'ultima visita non avevo prostata infiammata,mi è stato detto che non avevo niente..Io pazienza ne ho ma sono preoccupato..Lei dice di farmi di nuovo vedere??

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come lei avrà già ben compreso, anche tramite le migliaia di richieste di consulto cui rispondiamo per motivi simili, i disturbi prostatici del giovane adulto hanno una tendenza cronica e ben raramente si risolvono del tutto e definitivamente. Ciò non toglie che possano intercorrere dei periodi di benessere anche molto lunghi (anni), ma quando si è predisposti a questi problemi con qualche fastidietto bisogna anche imparare a convivere. Putroppo non sono quasi mai gli integratori alimentari a fare la difefrenza e se non si notano significativi vantaggi entro tempi accettabili non è il caso di spendere altri soldi inutilmente. Diremmo che se lei è già stato ripetutamente controllato e non vi sono attualmente riscontri oggettivi tali da impensierire, vedi negatività dell colture, le diremmo che non vi sia necessità di molto di più.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 383XXX

Buon giorno Dottore,
volevo porle un problema che sto notando ultimamnte negli ultimi mesi:noto che dopo avere defecato stando seduto sul gabinetto alla fine ho uno stimolo ad urinare e sforzandomi faccio qualche goccetta ad intervalli di alcuni secondi,pensando di avere finito mi alzo con ancora lo stimolo di urinare e passato qualche minuto torno in bagno 2-3 volte ad intervalli di 30.40 minuti..Il problema e che ho la senzazione di doverci andare sempre..L'altro si rivela a volte che dopo avere urinato mi sembra di avere finito,e dopo qualche secondo mi esce qualche goccia negli slip,questo accade anche a volte quando sono seduto al computer..Le ultime visite le ho fatte nel 2015 quando mi era stata diagnosticata una prostatite,a fine cure ho avuto gli stessi problemi che gli ho elencato ora e dopo almeno 4 visite da specialisti e vari esami fatti non risultava nulla di anomalo tutto bene a parte calcificazioni alla prostata dovute alla prostatite..Cioè i problemi sono stati sempre gli stessi e mai aumentati dopo essere andati da specialisti rispondendomi che era tutto ok..Può essere un fattore nervoso,oppure sono le conseguenze di quello che ho avuto??

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Potrebbe non essere urina ma secrezione prostatica, alla sua età è veramente molto difficile che si manifesti una incontinenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing