Utente 405XXX
Salve a tutti...
SOno gia 3 mesi che sento dolore lungo il pene, in particolare appena sotto al glande.
In alcuni casi, sopratutto quando mi fa piu male sento fatica a urinare, come se il flusso dell'urina fosse ostruito dentro. ( perchè in altri giorni il dolore si attenuae non si sente piu di tanto fino a quando non ho un erezione. Con l'erezione ricomincia a fare male )


Ho fatto la visita dall'urologo. Mentre mi visitava ha detto di aver sentito a mano una cicatrice all'interno del pene sempre appunto appena sotto al glande, e ha anche detto che sembrava che si stesse risolvendo..Credo sia una lesione che s'è formata durante un brusco atto sessuale. Mi ha anche chiesto se il pene si piegava durante l'erezione.. Durante l'erezione non si piega, però dopo questa sento la sensazione di bruciore dentro al pene appena sotto al glande, proprio dove dice di aver sentito la cicatrice..E poi il dolore si estende per tutto il tronco del pene. Per ora m'ha prescritto un ecografia al pene e una spermiocoltura e dovrò tornarci tra un mese... Nel frattempo volevo chiedere a voi medici, ho letto su internet che l'unico modo per risolvere il problema di una cicatrice che si è formata è l' intervento chirurgico.. è vero ? oppure si puo risolvere in altri modi se non è grave ? Come funziona ?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non potendola visitare direttamente, non possiamo esprimere alcun giudizio prima che sia disponibile il risultato dell'ecografia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 405XXX

Salve Dottore..

Allora facendo l'ecografia Peniena il dottore è riuscito a scoprire proprio sotto al glande 2 piccole palline che crede siano calcificazioni.
Almeno cosi le ha definite, calcificazioni periuretrali che si sono formate su una cicatrice, crede, fuori dall'uretra, probabilmente durante il processo di cicatrizzazione di un trauma creatosi durante il rapporto sessuale. Ha detto che se erano calcoli sarebbero gia usciti visto le dimensioni ridotte delle 2.. Quindi non solo calcoli.. Ora sono quasi 5 mesi che avverto dolore. A tratti. A volte molto dolore a volte meno. Ma appena cerco di avere un rapporto comincia a fare male. Volevo chiedere. Queste calcificazioni c'è modo di eliminarle ? Tramite iniezioni di qualcosa, esistono medicinali ? Eventuali macchinari laser che possono sgretolare la calcificazione ? operazioni chirurgiche ? Tenga conto che glielo chiedo solo a scopo informativo .. Non ho assolutamente intenzione di andare in farmacia e comprare medicinali dopo il suo consulto.. Ma giusto per conoscere varie opzioni.
Ho l'appuntamento dall'urologo tra 10 giorni.. Quindi sara lui a prescrivermi una cura se esiste.. ma prima volevo solo sapere se si potevano risolvere in qualche modo queste calcificazioni..
Perchè Dal dolore che avverto non mi è piu possibile avere rapporti sessuali.. E da quello che ho letto, una calcificazione è veramente difficile eliminarle.
Valerio

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Nonostante tutto, la descrizione di quanto rilevato non è del tutto sufficiente a definire la situazione. A questo punto la valutazione diretta diventa essenziale. Nel frattempo non vi sono terapie ragionevolmente consigliabili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 405XXX

Non si possono operare queste calcificazioni ? tirarle via in qualche modo, ripeto sono molto piccole.. Le è mai capitato un paziente con questo problema o è una cosa abbastanza rara ? Grazie
Valerio

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Onestamente non disponiamo a distanza di elementi sufficienti per giudicare. Eventuali calcificazioni esterne all'uretra non possono ovviamente essere rimosse.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 405XXX

Se cosi fosse per le calcificazioni, eventualmente che lei sappia, il dolore col tempo puo passare secondo lei ? Il pene puo adattarsi a questi minuscoli sassolini senza sentire piu dolore ? potrò tornare a fare sesso tranquillamente ? E' questo il dilemma. Non è grave come malattia ma nello stesso tempo lo diventa perche mi riescie impossibile avere rapporti sessuali .. per 2 piccole calcificazioni... cmq la ringrazio per la disponibilità

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per quel che ne sappiamo a distanza, non è neanche detto che queste calcificazioni possano essere la vera causa del disturbo. La valutazione diretta è imprescindibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 405XXX

Grazie dottore per il tempo che mi sta dedicando.. Ultimo quesito poi valuterò la questione direttamente con l'urologo.. Per valutazione diretta, qualche esame specifico sarebbe opportuno eseguire ? Perchè io avrei gia fatto appunto l'ecografia, risultati appunto questi 2 corpi esterni che il medico afferma non con certezza che potrebbero trattarsi di calcificazioni. ma per essere sicuri che valutazioni bisogna fare secondo la sua esperienza. Cosa potrebbero essere questi corpi estranei che si sono fomati in prossimita di una ciccatrice fuori dall'uretra ? Per ora ho fatto la spermiocoltura e i tamponi uretrali.. mi arriveranno i risultati tra qualche giorno.. Quali esami possono stabilire con certezza cosa possono essere?
Grazie
Valerio

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Abbia pazienza, è inutile che insista. La valutazione diretta è talmente importante che qualsiasi ipotesi formulata in questo momento non avrebbe alcun ragionevole valore.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 405XXX

Capito.. le do ragione.. E' che li bisogno di risolvere questa situazione è diventata la cosa piu importante... Mi sta cambiando la vita in peggio.. comunque Porterò pazienza e attenderò la visita urologica.. Grazie per la pazienza Dottore, eventualmente la aggiorno dopo della visita urologica de devo fare tra 2 settimane..
Buona giornata
Valerio

[#11] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore.. La aggiorno sul risultato delle analisi che sono andato a ritirare.. il tampone uretrale è risultato tutto negativo.. la spermiocoltura nella carica batterica è segnata la voce "discreto numero di colonie" Cosa starebbe a significare questa voce secondo lei ?
Grazie
Valerio

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se il batterio non è identificato, si tartta molto probabilmente di contaminazione. D'altronde questo è comunissimo nella spermiocoltura.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore mi sono dimenticato il resto.. Ho notato nella scheda altre informazioni come esito positivo di ENTEROCOCCUS FAECALIS.

Le invio tutte le informazioni della mia spermiocoltura. Giusto per sapere che tipo di problema possa essere...


Esito positivo :
ENTEROCOCCUS FAECALIS

Ampicillina MIC: <=2 RSI: S
Ampicillina/Sulbactam MIC: <=2 RSI: S
Cerfuroxime MIC: >=64 RSI: R
Cerfuroxime/Axetil MIC: >=64 RSI: R
Clindamicina MIC: >=8 RSI: R
Eritromicina MIC: >=8 RSI: R
Gentamicina alto dosaggio MIC: SYN-R RSI: R
Imipenem MIC: <=1 RSI: S
Linezolid MIC: 2 RSI: S
Quinupristin/dalfopristin MIC: 4 RSI: R
Streptomicina alto dosaggio MIC: SYN-R RSI: R
Teicoplanin MIC: <=0,5 RSI: S
Tigeciclina MIC: <=0,12 RSI: S
Trimetroprim/Sulfamet. MIC: 80 RSI: R
Vancomicina MIC: 1 RSI: S


RSI: R= Reistente S=Sensibile I= Intermedio

Cosa sta a significare tutto questo se non è troppo chiederle ...
Grazie

[#14] dopo  
Utente 405XXX

questo ENTEROCOCCUS FAECALIS trovato appunto nella speriocoltura puo provocare bruciore anche il bruciore al glande e lungo tutto il pene ? è contagioso ? Se per esempio bacio la mia ragazza posso passargli questo ENTEROCOCCUS FAECALIS?

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ci sono elevate possibilità che si possa trattare di semplice contaminazione, visto che questo batterio si trova molto frequentemente sulla pelle dell'area genitale. D'ogni modo, solo la valutazione diretta può fare chiareza. Non vi sono reali possibilità di infezione, tantomeno per via extra-genitale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente 405XXX

BuonGiorno dottore..
Niente l'antibiotico non è contato a risolvere. Non è l'eterococcus faecalis a creare il problema.. Il dolore che sento al glande, in particolare sotto al prepuzio, continua a sentirsi.. Navigando su internet, visto che anche facendo 2 visite dirette da 2 urologi esperti sono servite solo ad escludere certe patologie ma non a risolvere, ho trovato questa che credo possa essere .. I sintomi che ho letto che provoca li ho tutti.. credo di avere una nevralgia del pudendo .. Ovviamente lo renderò presente alla prossima visita medica durante una terza visita diretta. Poi vedremo cosa mi dice.. ogni modo le volevo chiedere, per questa patologia mi consiglia di andare da un andrologo, sempre da un urologo o altro ?
Grazie

[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lo specialista di riferimento è comunque l'urologo. Le competenze dell'andrologia sono piuttosto sfumate, in linea di massimo si occupa delle malattie dell'apparato genitale maschile per le quali non sia proponibile una soluzione chirugica od operativa in genere. Pertanto l'andrologia dovrebbe limitarsi alla terapia medica dell'impotenza, ai problemi di infertilità e pochi altri dettagli. Talora si parla invece di "andrologia chirurgica" ed allora si tratta perlopiù di Colleghi specialisti in urologia che si occupano in particolare dei problemi genitali. In pratica, non conta molto l'etichetta, ma le reali competenze e l'esperienza dello specialista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente 405XXX

Ho capito.. Allora proverò a rivolgermi da un altro urologo..
Con tutti gli esami fatti fin ora che escludono certe malattie speriamo di riuscire ad arrivare a una conclusione.. Grazie come sempre per la disponibilità..
Valerio

[#19] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore..
Il dolore al pene è sparito potrei dire di un buon 90 per cento.. Sembra vada verso la guarigione.. Dopo 6 mesi.. Rimane sempre un fastidio che ogni tanto a star seduto prende dl glande verso l'ano... Ma non dolore come prima.. Quindi sono andato da un altro urologo e m'ha detto che probabilmente oltre a una forma lieve di malattia di Peyronie formatosi da un trauma ho anche una serie di nervi all'interno da sistemare (detto a modo mio non ricordo i termini tecnici)..
Cosi m'ha dato il Gabapentin, primo giorno 1 pastiglia, secondo giorno 2 pastiglie, terzo giorno 3 pastiglie e per 20 giorni 2 pastiglie al giorno. E un altra medicina, il peironimev plus una pastiglia al giorno per un mese.. Ora sono 6 giorni che ho cominciato la cura.. Col gabapentine sento sonnolenza come effetto collaterale ma riesco comunque a fare tutte le cose che devo fare durante la giornata.. Domanda.. Un po di fastidio al pene rimane sempre.. volevo chiederle, visto che avverto ancora un po di fastidio e stò prendendo ancora le medicine, potrei fare attività fisica o mi consiglia di non farla ? pensavo di andare a nuoto in piscina..
Grazie

[#20] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Faccia quel che si sente, non ravvediamo alcuna controindicazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore .. Ho fatto uno spermiogramma per valutare il varicocele..
COme conclusioni c'è scritto Normozoospermia. Presenza di rare cellule della spermatogenesi.
Cosa puo voler dire ? quali possono essere queste rare cellule ?
Grazie

[#22] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il reperto è normale, non deve stupire di trovare con gli spermatozoi in normale quantità anch qualche cellula non ancora completamente sviluppata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente 405XXX

A vabene.. Dottore un ultima cosa.. le giro brevemente i risultati dello spermiogramma.. tra un paio di settimane ho l'appuntamento da un urologo ma prima volevo sentire un suo parere.. Ecco tutti i risultati :


Viscosita: Fluido

Volume 1,5

ph 8,0

Filanza 0,0

Numero spermatozoi / ml 102,0 mil/ml

Numero spermatozoi totale 153,00 milioni

motilita progressiva 53,0 %

Motilità totale 56,0 %

Forme Normali 6 %

Ab.Anti-spermatozoi (MAR-test) Assenti

Vitalità 56 %


Cosa ne dice dottore ??
Grazie

[#24] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Che può teoricamente generare una squadra di calcio. Con le riserve.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#25] dopo  
Utente 405XXX

aa ok hahahah.... Molto Bene.. la ringrazio per la consulenza dottore..
le auguro una buona giornata..

[#26] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore..
A distanza di ormai 9 mesi avverto ancora quel fastidio all' interno del pene appena sotto al glande nel tronco.. Ora ..
Volevo fare una Risonanza magnetica peniena ai corpi cavernosi. Questo m'ha detto di fare il mio urologo.. il problema è dove... Non me l'ha saputo dire. Se ne è a conoscenza mi può consigliare una struttura dove si puo fare ? Possibilmente non da privato che in una struttura che ho trovato mi hanno sparato 600 euro per farla.. Come fa una persona a fare questo tipo di risonanza senza dover spendere un patrimonio? e dove poterla fare anche ? GRazie

[#27] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tutte le radiologie dei grandi ospedali hanno la risonanza magnetica. E' solo questione di informarsi ed avere un po' di pazienza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#28] dopo  
Utente 405XXX

Salve dottore.. Dopo un anno e 5 mesi ancora di fastidi e ogni tanto qualche dolore ho fatto una risonanza magnetica.
Mi hanno trovato un diverticolo dell' uretra.
Ecco parte di quello che c'è scritto sul foglio:
"Da segnalare formazione a conteunto liquido sul decorso dell'uretra membranosa di 15mm, con altra millimetrica contigua, compatibile con diverticolo dell'uretra."

Ora sono andato dal mio urologo.. Mi ha detto che volendo possiamo operarlo (2 ore di intervento). Credo che abbia detto di rimuovere il diverticolo e procedere con una ricostruzione nella parte rimossa. Mi ha anche detto che non è obbligatorio operarsi, che non è grave. Che se riesco a conviverci posso anche tenerlo con me che non peggiora... M'ha dato degli antibiotici da prendere solo in caso mi faccia infezione..

Ora sto valutando se operarmi o meno. Probabilemnte si..Non sopporto piu questi dolori che ogni tanto saltano fuori. Volevo farle una domanda.
Crede sia normale che questo diverticolo lungo il decorso dell uretra membranosa causi dolore in tutto il tronco del pene fino al glande ?? Perchè da quello che m'ha detto l' urologo il diverticolo da 15mm è dentro appena sotto la prostata. Mi chiedevo com'era possibile che mi facesse male lungo tutto il pene fino al glande. Grazie per l'attenzione

[#29] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Abbiamo molti dubbi che possa essere realmente la causa dei suoi disturbi, d'ogni modo non potendio valutare le immagini è impossibile essere più precisi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#30] dopo  
Utente 405XXX

Dottore E' possibile inviarle le immagini ? le ho tutte in formato digitale. Perchè non so piu cosa fare. Il mio urologo dice che è questo il motivo. Ma anche a me sembrava strano per questo ho contattato lei.. Se fosse possibile per le immagini bene altrimenti non fa niente. la ringrazio in ogni caso.

[#31] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per ovvi motivi di sicurezza, noi non possiamo ricevere immagini od altri documenti in formato digitale. Ricordi comunque che Medicitalia è un servizio informativo gratuito e non una consulenza personalizzata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#32] dopo  
Utente 405XXX

Certo. immaginavo.. Cosa mi consiglia di fare allora dottore. Le dico La risonanza magnetica l'ho fatta senza liquido di contrasto.. Siamo sicuri che sia un diverticolo a questo punto ? c'è la possibilità che si siano sbagliati ? che sia qualcos'altro ?.. A questo punto mi domando cosa fare. Se i dottori che m'hanno fatto la risonanza e il mio urologo chirurgo primario dice che dipende da quello... mentre io per immaginazione e lei per esperienza pensiamo l'opposto Cosa potrei fare a questo punto secondo lei? Grazie per l'attenzione

[#33] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo detto, un conto è fare dell'informazione gratuita, altro è rendere una consulenza personale, cosa he necessita di dettagli di cui non sarà mai possibile disporre a distanza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#34] dopo  
Utente 405XXX

scusi Dottore una domanda.. curiosità personale..

Sento che il problema è nel glande in particolare in mezzo alla corona.. ho letto su internet che possono essere molteplici le cause del dolore: trombosi dorsale del pene, fibrosi, nervo dorsale, flebiti, tromboflebiti o flebotrombosi delle vene superficiali del pene ecc.. Deve essere li il problema. E' una zona troppo sensibile al tatto rispetto a prima e fa male a toccarlo. Fa periodi a non fare male poi torna a fare male. Quando lavo il glande con acqua tiepida o in particolare fredda comincia a fare male. Sempre. ho gia fatto di ogni. Ecografia, risonanza, visita da 4 urologi diversi. Niente diagnosticato. E comunque In particolare durante l'erezione, si nota nella parte centrale della corona del glande un rigonfiamento violaceo. Come si fa a diagnosticare se c'è una vena o il nervonel glande che non va ? che esami fare ? GRazie 1000

[#35] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Al momento non esistono esami così dettagliati della struttura del pene. Abbiamo più volte rilevato che questa cosa che tanto la accòra non abbia un riscontro oggettivo meritevole di ulteriori approfondimenti, posto che la situazione sia stata valutata direttamente da addirittura quattro Colleghi diversi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#36] dopo  
Utente 405XXX

Grazie infinite dottore per la disponibilità .. Immagino che dovrò conviverci con questo dolore fino a quando non troveranno forse un sistema per analizzare il pene piu nel dettaglio. Tendo a precisare comunque che Il male che avverto non viene dalla mia testa. il male c'è. occasionale ma quando si sente si fa sentire molto bene. Mi rende i rapporti e le giornate molto difficili da vivere. E visto che è già 1 anno e mezzo che va avanti è sicuramente qualcosa da non trascurare.. Non sapere cosa sia è veramente frustrante.Ho avuto a che fare con 4 urologi molto bravi ma ancora non ce ne sono saltato fuori. o che è la schiena che influisce sul nervo del glande visto che sto seduto dalla mattina alla sera per lavoro.. ci sono state molte ipotesi.. ma sempre e comunque ipotesi.. Tranne che per quel diverticolo dell' uretra in zona membranosa scoperto nella risonanza che dicevano era quella la causa del dolore lungo l'uretra e nel glande. Ma poi mi è stato detto il contrario.. non so piu.. Speriamo si risolva in un modo o nell' altro.. Grazie ancora e Buona serata.