Utente 446XXX
Buonasera, vorrei per cortesia un parere sull'esito di un ecoaddome alla quale mi sono sottoposto pochi giorni fa.Rispetto a quella di un anno fa e' risultato tutto a posto tranne un ingrossamento del volume prostatico passato da 23 ml del 2016 a 34 ml di ora.
Ho eseguito psa e visita urologica risultati nella norma e nel frattempo non ho nessun disturbo.Mi restano dei dubbi che vi sottopongo premesso che mio padre e mio zio (suo fratello) sono stati operati di tumore alla prostata:
1) cosa può aver determinato l'ingrossamento?
2) ho maggiori possibilità di soffrire di IPB precocemente?
3) può tornare a valori normali?

Vi ringrazio anticipatamente della risposta

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tutto considerato pare trattrsi di un tipico ingossamento benigno dell'età matura, che nell'uomo si sviluppa in modo assolutamente variabile sia per entità che per periodo di insorgenza. Se lei non lamenta disturbi, tanto meglio, non ha granché di cui preoccuparsi. L'ingrossamento per sè non necessita di cure particolari, la prevenzione è sempre un discorso molto vago, anche se gli scaffali dei farmacisti sono pieni di integratori nelle più bizzarre combinazioni che vengono utilizzati in queste situazioni. Un controllo urologico periodico sarà sufficiente a gestire la situazione nel modo migliore.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 446XXX

La ringrazio della celere risposta; provo a ripetere per vedere se ho capito.
Non c'è spiegazione al "repentino" ingrossamento perché non c'è una statistica esatta di come si evolve l'ipertrofia.
Invece non ho capito , e me ne scuso, se mi ha dato una risposta alle domande 2) e 3).
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo che l'ingrossamento prostatico sia per lei già una realtà, d'altronde a 53 anni non è cosa che possa stupire più di tanto. Una volta iniziato il processo di ingrossamento, è ben difficile che possa regredire anche se questo risultato possa essere talora ottenuto con la somministrazione di finasteride o dutasteride per lunghi periodi. Questa terapia ha però degli effetti collaterali che talora ne rendono abbastanza discutibile l'adozione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 446XXX

La ringrazio molto..
Ultimo "dubbio ", tra un anno se rifarò eco potrei ritrovare la prostata con le stesse dimensioni oppure aumentata di valori imprevedibili?
Ancora grazie
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non c'è certo da attendersi variazioni sostanziali. L'eventuale progressione dell'ingrossamento si valuta nel corso dei 5-10 anni almeno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing