Utente 457XXX
Il 24/6 il dentista prima di iniziare la pulizia dei denti mi misura la pressione e con mia sorpresa è risultata alta 155 /100 e da quel giorno ho effettuato tutta una serie di analisi con consiglio del medico di famiglia: sangue regolari , elettrocardiogramma regolare, con visita cardiologica mentre l'ecografia al fegato ha segnalato cito testualmente: A carico del III superiore del rene sn si apprezza una immagine lievemente iperecogena con alcune aree cistiche di forma bilobata di mm 84x58 meritevole di esame TAC.
Intanto la pressione misurata due volte al giorno è risultata sempre regolare, da notare che su prescrizione del medico di famiglia dal 27/6 al 03/7 ho preso una cpr di plaunazide al mattino, poi visto il calo eccessivo della pressione sempre su consiglio medico dal 4/7 ho preso mezza cpr sino al 10/7 e infine dall'11/7 alla data odierna non prendo alcun farmaco.
Il 12/07 effettuo una visita specialistica nefrologica, utile anche per poter effettuare la TAC, il referto della visita cita testualmente:
ANAMNESI gozzo nodulare, reflusso gastro-esofageo
QUADRO CLINICO Cuore: toni cardiaci ritmici, normofrequenti. Torace: MV fisiologico; non segni di stasi. Addome: Trattabile, non dolorabile alla palpazione superficiale e profonda. Buon tono-trofismo muscolare. Non edemi declivi. Nessuna terapia in corso. la paziente riferisce da qualche tempo, la comparsa di astenia, sensazione di cardiopalmo. Gli esami ematochimici : HGB 11,9 , Creatinina 0,9 mg/dl , Azotemia 49 mg/dl , Glicemia 107 mg/dl , colesterolo hdl 66 mg/dl , trigliceridi 56 mg/dl , potassio 4,7 mmol/l.
Si prescrive la TAC e altri esami sangue e urine 24 h.
Il 18/7 effettuo l'esame TAC Addome completo con Mdc che riporta il seguente referto:
Lo studio Tac dell'addome è stato eseguito prima, durante e dopo infusione di mdc e completato con fase urografica tardiva.
Nel contesto del terzo medio superiore del rene sx presenza di grossolana lesione espansiva nodulare del diam max di circa 84mmx89mm, estesa in cranio caudale per circa 62mm, a margini polilobati, che presenta disomogeneo enhancement dopo mdc in fase arteriosa e portale con wash out prevalentemente centrale in fase tardiva; concomita presenza di multiple adenopatie satelliti la maggiore del diam max di circa 20mm; utile consulenza urologica ed eventuale completamento diagnostico con esame bioptico.
Non si rilevano alterazioni tomodensitometriche a carico di fegato, milza, pancreas, surreni.
Colecisti distesa; vie biliari non dilatate.
Aortosclerosi calcifica.
Non sicure alterazioni densitometriche riferibili a litiasi di pertinenza urinaria.
Regolare opacizzazione delle cavità calico-pieliche bilateralmente; regolare diametro e percorso degli ureteri bilateralmente;
Utero aumentato di dimensioni; di densità disomogenea con piccole calcificazione nel contesto, in assenza di sicure aree di enhancement patologico, utile correlazione con etg TV.
Minima falda di versamento nel Dowglas
Non altro di significativo.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La situazione deve essere sollecitamente presa in carico da un nostro Collega o da una struttura specialistica urologica. Caratterizzare preventivamente la lesione sarebbe possibile con una biopsia, ma il volume della lesione è probabile che induca comunque alla sua asportazione. Non potendo vedere le immagini, non possiamo qui definire se questo fine comporterà l'asportazione completa o solo parziale del rene interessato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 457XXX

Mi sono rivolta al dott. Frongia Mauro direttore del Dipartimento Patologia Renale S. C. Urologia Trapianto di Rene e Chirurgia Robotica dell'Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari, il dopo avere esaminato tutte le analisi in mio possesso, mi ha fatto un'ecografia all'addome e mi ha detto che essendo grande la lesione non può tentare di salvare il rene sx e che pertanto occorre asportare totalmente il rene sx e mi ha messo in lista d'attesa. Sono in ansia, non sento nessun dolore, che fare?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non potendo valutare direttamente, non possiamo che fare affidamento sul parere del nostro Collega.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 457XXX

Mi è stata effettuata la nefroureterectomia sn e la diagnosi di dimissione è :codice 1890, tumori maligni del rene, eccetto la pelvi, vorrei capire praticamente cosa vuol dire e verrò contattata non appena sarà disponibile il referto istologico.
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In attesa dell'esame istologico definitivo, si tratta solo di un codice burocratico utilizzato per la dimissione, non ha alcun valore sanitario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 457XXX

Mi hanno consegnato i referti che riporto testualmente:
Materiale in esame: 1) Rene sinistro.
Notizie cliniche: Neoplasie renale sinistra.
Descrizione macroscopica: Rene sinistro con capsula adiposa perirenale. Il rene (gr. 340; cm 12x4,5x4) mostra sul taglio in corrispondenza del polo superiore neoformazione solida grigio-giallastra con aree emorragiche (cm 7x5x5) infiltrante la capsula adiposa del rene, e che sul taglio non sembra infiltrare il tessuto adiposo ilare né i vasi ilari. Prelievi: da A a F - neoformazione e capsula adiposa (comprendendo in "D"= nodulo del tessuto adiposo); G - neoformazione e ilo renale; H - neoformazione e parenchima renale contiguo; I - parenchima renale extra-tumorale; J - un prelievo da nodulo in parete posteriore di colorito grigiastro (verosimile adenoma); K/L - ilo renale.
Diagnosi
Carcinoma a cellule renali istotipo a cellule chiare (diametro massimo cm 7) grado nucleare 3 ISUP (grado III di Fuhrman) infiltrante la capsula propria del rene. Non evidenza di infiltrazione del seno renale né dei vasi ilari. Concomita adenoma papillare (diametro massimo mm 5). pT3a-G3
Materiale in esame: Linfonodi loco-regionali lateroaortici
Notizie cliniche: Nefrocarcinoma sinistra
Descrizione macroscopica: Due frammenti di tessuto fibroadiposo (complessivamente cm 4,5x3,5x0,7) da cui si isolano sei verosimili linfonodi, i maggiori dei quali divisi a metà e inclusi e campionati in A/B/C i rimanenti in D/E.
Diagnosi: Sei linfonodi con istiocistosi dei seni, esenti da neoplasia.
Mi hanno prescritto una visita oncologica e un programma di follow up suggerito al medico curante per neoplasia.
Vorrei un suo parere sui referti, un suo consiglio e che prospettive ho.
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si tratta di un tumore tipico del rene (varcinoma "a,cellule chiare" di discrete dimensioni, asportato radicalmente e con linfonodi regionali negativi. Giusto sentire il parere dell'oncologo, ma è probabile che non siano necessarie terapie aggiuntive, ma solo un programma di assidui controlli per alcuni anni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 457XXX

Vorrei sapere cosa devo fare per avere un consulto di un oncologo del Vs. interessante e utile sito.
Grazie.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prima di tutto è necessaria la consuleza di uno specialista "vero", poi se avesse qualche ulteriore dubbio da chiarire potrà inoltrare un consulto nella nostra sezione "Oncologia". Nel suo interesse le raccomandiamo di non fare il contrario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing