Utente 461XXX
Salve, a mio padre 57 anni, vita super controllata no fumo no alcool, a seguito di una ecografia addominale per controllo prostata e di alcune vampate di calore è stata riscontrata una formazione similcistica nel rene dx.
questa la diagnosi
Fegato regolare per volume e struttura, indenne da lesioni focali. Trama vascolare regolare. Colecisti alitiasica. Vie Biliari e VB extraepatica regolari.Vena porta regolare con flusso ortodromico.Pancreas regolare Wirsung sottile. Milza regolare indenne da lesioni focali.Vescica in media replezione con pareti regolari, sbocchi uretrali liberi. Prostata di circonferenza 49mm Calcificazione centrale e lacuna Ipo-anecogena periuretrale con daflogosi focale. Non raccolte nello scavo.
Reni in sede simmetrici con circonferenza max di 11.5 cm bilaterali, spessore parenchimale normale. Non calcoli, non idronefrosi non cisti a sx Piccole cisti parenchimali nel rene dx con diametro massimo di 2-2.4cm. Nel mesorene è evidente una formazione similcistica con una vegetazione in aggetto di difficile interpretazione.
Quello che preoccupa è proprio la formazione nel rene destro. Premetto che ad ora sia l'umore sia di mio padre che di tutti noi è a 0.
Siamo già rassegnati al fatto che sia un tumore, solo che leggendo nei vari siti su cui ho passato le mie notti, ho notato che anche se fosse quello, in fase avanzata dovrebbe essere "uscito" dal rene ed aver invaso per primo la vena porta, cosa che invece ne sul referto ne nelle ecografie è menzionata, e la grandezza di questa formazione è di circa 2 cm. Quello che vorrei sapere è solamente se in base alla vostra esperienza e ai casi che avete avuto, tutto questo fa pensare ad un tumore, un tumore in fase iniziale o il quadro generale dell'ecografia fa pensare anche ad altre patologie. Posso dirvi che a seguito di un infarto 4 anni fa, mio padre assume anticoaugulanti, statine, farmaci per la pressione e che un anno fa per cause che ancora non sappiamo ha avuto uno shock anafilattico con edema della glottide (questo lo dico se magari le cose potessero essere collegate)
Grazie anticipate

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il rene e la vena porta non hanno anatomicamente niente in comune, ci pare che le sue affannose ricerche in rete abbiano solo generato molta confusione ed inutile ansia.
La situazione è ovviamente da chiarire ulteriormente, probabilmente l'indagine più indicata è la risonanza magnetica. Vi sono dei dettagli che lasciano invece pensare alla possibilità di una semplice cisti ad espressione atipica, come ad esempio accade quando si viene a creare un sanguinamento interno (vedi terapia in corso, presenza di altre cisti, ecetera). D'ogni modo il vostro urologo di rferimento vi guiderà nel completamento del percorso diagnostico. Ci faccia sapere, se lo desidera.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 461XXX

La ringrazio per la risposta Dottore, stiamo attendendo di eseguire uro-TAC con contrasto e gli esiti dei marker tumorali. Abbiamo solo gli esiti degli esami del sangue con tutto nella norma, PSA fatto per precauzione e anche quello regolare e esame urine dove non vi sono tracce di ematuria ne di altro. Mi sarebbe piaciuto farvi vedere le ecografie per avere un vostro parere, ma non so come, ne se si possono inviare sul forum.. Grazie comunque ancora..

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per ovvi motivi di sicurezza noi non possiamo ricevere nè valutare allegati idi alcun tipo. Questo trascenderebbe comunque lo spirito di questo nostro servizio di consulenza informativa gratuito.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 461XXX

Salve, abbiamo ricevuto l'esito dell'esame citologico urinario dove: "non risultano cellule neoplasiche, alta presenza di leucociti."
Attendiamo ora la risposta della URO-TC, siamo comunque pià sollevati..

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come abbasanza prevedibile, d'altronde.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 461XXX

Salve, è arrivata anche la risposta della TC



Esame TC eseguito in condizioni normali e dopo la somministrazione di mdc e.v.
Fegato di dimensioni nei limiti a struttura omogenea ed indenne da lesione focali. Non dilatazione delle vie biliari intra/extraepatiche. Coloecisti normodistesa, alitiasica.
Non alterazioni morfodimensionali del pancreas con Wirsung sottile.
Reni in sede, con regolare spessore e struttura degli anelli parenchimali cortico-midollari, con alcune cisti corticali a dx con dimensione massima di 2cm.
Non formazioni espansive renali o calcoli.
Regolare l'escrezione ureterale di urina iodata in vescica.
Non linfoadenomegalie addomino-pelviche.
Vescica modicamente distesa, indenne da ispessimenti parietali.
Non versamento peritoneale.
Prostata con diametro traverso di 49mm e con alcune microcalcificazioni periuretrali.
Non alterazioni focali sospette a livello dei distretti scheletrici in esame.

Direi che possiamo stare tranquilli...

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tutto bene, senz'altro le preoccupazioni iniziali erano fuori luogo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 461XXX

Non è finita qui.
Con risposte citologico urine, e risultati TAC, ritornati da ecografista, lui riprende in mano l'ecografo e insiste che c'e qualcosa difficile da interpretare ma che non è stato visto con la TAC, che non è stato nemmeno menzionato.
Nel dubbio che ci possa essere stato un errore da parte di chi ha letto la TAC, l'abbiamo fatta rivedere a 3 radiologi diversi, e altri dottori che ci hanno confermato che non vi è altro all'infuori di cisti parenchimali, di assenza di noduli e di niente che assorbe contrasto.
Ora il punto è questo, la TC può non vedere qualcosa o l'ecografia mette in rilievo qualcosa che in realtà non c'è, un artefatto?
Per intenderci, quello che si vede dalla ecografia è:
sopra o all'interno (non si capisce bene) di una delle cisti si vede un ombra di colore bianca che ne occupa gran parte, da contorni abbastanza regolari tale da sembrare una ciste anche quella.
Ma sulla TAC tutto questo non c'è..

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come già dicemmo in precedenza, la risonanza magnetica è più precisa nel definire questi dettagli, ci pare francamente un eccesso di scrupolo. ma se fosse utile a placare definitivamente gli animi, non stenteremmo a consigliarla.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 461XXX

Faremo anche quella..per non tralasciare nulla. Dimenticavo, le dimensioni misurate su ecografia di questa "ombra" è di 15mm, secondo lei è possibile che sulla TC non si vede una formazione di quella dimensione ( la coste è 18mm), oppure la risonanza rileva proprio altri dettagli rispetto alla TC? Alcuni ci hanno parlato anche che potrebbe essere una necrosi papillare.. Grazie ancora

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ipotesi se ne possono fare infinite, senza alcuna utilità pratica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing