Utente 437XXX
Scrivo per un problema che mi poro dietro da 7-8 mesi senza essere riuscito a risolverlo.
Tutto inizia a novembre quando comincio ad avvertire dolore mentre urino, la cosa peggiora pian piano. Noto lo sperma di colore giallo e di consistenza gommosa. Durante le vacanze di Natale su consiglio di mia zia (che per esperienza pensa possa essere cistite) mi consiglia di bere molta acqua e di usare un po' di uvursina sciolta nell'acqua. Nessun miglioramento.
Mi decido allora, su consiglio del medico di base, a fare i vari esami: spermiocoltura, urinocoltura, tampone uretrale, che risultano tutti nella norma. Vado dall'urologo che mi diagnostica una IPERTROFIA PROSTATICA, con prostata dolente e mi dà comunque come cura Bactrin (il medico di base aveva già tentato bassado senza miglioramenti) oltre alle supposte Topster e a due mesi di serenoa repens. Miglioramenti? Niente di che.
L'urologo mi consiglia allora l'uroflussogramma registrato che dá valori perfettamente nella norma, benché il mio getto risulti doloroso e spesso frastagliato e debole e lo sperma a colata e non a schizzo e di colore giallo.
Decido allora, cominciando a non fidarmi del medico di base (che mi liquidò dicendomi lei sta bene e vista l'età non vale la pena fare esami ormonali) di recarmi da un amico di famiglia, anche lui medico di base.
Porto con me la cartellina con tutti gli esami svolti ma lui li getta a terra dicendo che prima vuole vedermi il pene (cosa che mai il mio medico di base ha fatto è che l'urologo evidentemente ha fatto distrattamente) e nota nella parte bassa del pene, in prossimità del solco balano-prepuziale la presenza di quelli che a suo avviso sono dei condilomini.
Mi rassicura dicendo che sicuramente il bruciore e rossore del meato e il pene flaccido con relativa incapacità di eccitarmi sia dovuto a quelli e mi fa così prenotare una visita da un bravo e quotato dermatologo della zona.
Avrò la visita giovedì mattina.
Vi ho scritto questa lunga storia per sapere il vostro parere: sulla base della storia clinica cosa potrei avere? Sinceramente sono scettico sulla possibilità che i condilomi possano determinare un deficit totale di erezione è una totale mancanza di desiderio sessuale (eppure se mi masturbo sia pure col pene flaccido arrivo all'eiaculazione e anche abbastanza abbondante benché con sperma giallo e denso/solido). Non è più probabile che sia un problema legato alle vene/corpo cavernoso o di tipo ormonale/neurologico?
Sono molto preoccupato e avendo 23 anni e una stupenda morosa di 18 sono a terra, vedendo triste lei sono triste per primo.
Vi avverto anche del fatto che un anno e mezzo fa ho tolto un papilloma alla lingua: possibile che i condilomi siano legati alla stessa malattia contratta dalla mia morosa?La cosa è molto strana dato che il ginecologo ha detto che lei sta benissimo e sia io che lei abbiamo avuto solo rapporti tra di noi, stando insieme da oltre 2 anni ed essendo alla prima storia. Grazie mille per ogni risposta.Un cordiale saluto

[#1] dopo  
Vada pure per i papilli è roba varia ma qua mi pare che ci sia un paciugo: ipertrofia prostatica a 24 anni? Lasciamo stare. Senta una altra campana
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Carissimo dottore anche io penso che l'urologo sia molto in confusione. Il medico di base nostro medico di fiducia infatti è rimasto allibito per diagnosi ed esami che mi sono stati fatti fare. Per i sintomi che le ho detto secondo lei di cosa potrebbe trattarsi? Problemi di vene? Ormoni? Come mi consiglia di muovermi? Che tipo di esami posso concordare col medico di base? Grazie per ogni chiarimento.

[#3] dopo  
Come esami del sangue faccia testosterone e prolattina. Poi si faccia consigliare dal medico di base circa urologo diverso dal precedente
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 437XXX

D'accordo, dottore. Terminata la cura col dermatologo nel caso in cui mi confermi i condilomi provvederò alle analisi del sangue. Non c'è nessuna possibilità che la mia situazione sia dovuta ai condilomi? Mi pare strano improvvisamente avere problemi ormonali o neurologici quando non ne ho mai avuti...