Utente 313XXX
Buongiorno dottore ho effettuato un'esame urodinamico da cui è emersa sensibilità propriocettiva lievemente ridotta, cosa vuol dire ?
Io al momento sto assumendo mittoval ma non vedo grossi miglioramenti inoltre ma questo è un mio parere sospetto una prostatite

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le notizie che ci fornisce sono troppo scarne per esprimere un giudizio, tantopiù a distanza. Dovrebbe quantomeno dettagliarci maggiormente su quali siano i suoi sintomi ed attraverso quale percorso diagnostico si sia arrivati all'indagine urodinamica, che comunque è un accertamento di secondo-terzo livello e viene prescritto solo in situazioni ben precise.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 313XXX

Ha ragione dottore ho eseguito l'esame urodinamico in quanto non avverto lo stimolo ad urinare, le riassumo la mia storia

Ad ottobre 2016 ho iniziato la cura per ipertensione con lobivon mezza compressa, dopo circa due settimane ho sospeso il farmaco in quanto secondo il mio cardiologo mi aveva bloccato lo stimolo urinario, ho incominciato ad assumere combisartan da 80 mezza pillola, ma da quel momento sono iniziati i miei problemi, durante la minzione getto ridotto, e spasmi urinari.
Ho effettuato una ecografia prostatica transrettale da cui è emersa solo una rigidità del collo vescicale, il mio urologo mi ha consigliato di prendere il mittoval ma non ho avuto grossi miglioramenti
Ieri ho effettuato un'ecografia addome inferiore da cui è emerso prostata di dimensioni normali e vescica che svuota bene.
La mia domanda è questa de tutto funziona perfettamente perché continuo ad avere questi sintomi?
Avevo pensato anche ad una prostatite ma il mio urologo per poco nn mi cacciava....psa 0,56 fatto a febbraio

Grazie dottore e spero lei mi possa aiutare

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se i disturbi sono inequivocabilemente comparsi con l'inizio della terapia anti-ipertensiva è logico pensare prima di tutto ad un effetto collaterale, anche se non propriamente così comune. L'indagine urodinamica parrebbe indicare solo un a modesta alterazione della sensibilità vescicale, ed in particolare non un'ostruzione che poteva invece essere sospettata (vedi "rigidità del collo vescicale"). Tutte le infiammazioni e le infezioni dell'apparato urogenitale si manifestano in genere con disturbi irritativi, quindi contrari a quelli che lei riferisce, pertanto è inverosimile pensare ad una prostatite. In sintesi, pensiamo che dal punto di vista urologico la situazione sia ormai sufficientemente inquadrata, il prossimo provvedimento sarà probabilmenete quello di modificare nuovamente la terapia anti-ipertensiva prima di prendere qualsiasi altro provvedimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 313XXX

Grazie dottore