Utente 463XXX
Buongiorno,

a seguito di alcuni problemi urinari (minzione frequente di urine per lo più trasparenti) mi sono recato dall'urologo il quale mi ha prescritto tutta una serie di esami onde escludere eventuali patologie. Ecografia addome negativa,tutto a posto salvo una prostata lievemente ingrossata sui 40cc e un residuo post minzionale di 35. Citologico urine negativo e test di stamey anch'esso negativo salvo la presenza di klebsiella pneumoniae nel mitto intermedio con carica batterica però inferiore a 1000.Ora vorrei chiedervi,secondi voi una carica così bassa è davvero indice di prostatite batterica?Sto facendo una cura con ciproxin (dopo 3 mesi di saba) e fra 40 giorni ripeterò l'urinocoltura. Da premettere che ormai è quasi un mese che non ho più disturbi di alcun tipo,urino 4-5 volte al giorno e la notte mai. Inoltre una prostata così grande può essere dovuta all'infiammazione o è l'inizio di IPB?Perchè così fosse,visto la giovane età l'urologo mi ha detto che in futuro mi potrebbe causare non pochi problemi e la cosa mi ha fatto preoccupare abbastanza.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Caro utente,
un residuo di 35 cc e una prostata di 40 cc già definiscono un ipb.
L'IPB, inoltre, viene curata in base ai disturbi urinari che eventualmente causa, infatti non è detto che i sintomi siano necessariamente legati all'IPB o ad altre patologie, cosi come non è detto che l'IPB causi disturbi urinari (difficile, ma possibile).
Per quanto riguarda la carica batterica, lo specialista ha ritenuto necessaria la somministrazione di antibiotici; la scelta va condivisa, considerato che non abbiamo la possibilità di visitarla dal web. L'infiammazione può causare un lieve aumento delle dimensioni della ghiandola.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com