Utente 480XXX
Ciao è da circa due mesi che ho un problema continuo , bruciore all’interno dell’uretra, strana sensazione dentro l’ano , necessità di urinare spesso e perdite trasparenti dal pene non riesco a risolvere questo problema . Inizialmente il mio urologo mi ha fatto un tampone uretrale con esito strafilococco emolitico curato con levoxicin per 10 giorni da relativo antibiogramma, in seguito poiché i sintomi sono rimasti invariati ho fatto dinuovo questo tampone in più secreto prostatico con esito strafilococco epidermide curato con rifadin per 8 giorni .in seguito a causa dei sintomi rimasti invariati ho rifatto il secreto con esito strafilococco aereo curato con iniezioni di netalmicina per 6 giorni . Ora però i sintomi sono rimasti invariati ho sempre bruciore perdite e necessità di urinare spesso . Mi chiedo come è possibile che mi guarisce in infezione e ne compare un’altra . Ora chiedo a voi per essere più tranquillo senza andare dal mio urologo . Mi dite di fare il tampone o il prelievo adesso ?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La persistenza di sintomi in seguito a terapie antibiotiche mirate, fa pensare che i batteri riscontrati alle colture non siano la reale causa dei suoi disturbi. D'altronde si tratta di battei Gram-positivi, raramente coinvolti nelle infezioni delle vie urinarie e che invece popolano spesso in modo innocuo la pelle dell'area genitale e l'ultimo tratto dell'uretra, andando a contaminare i liquidi organici che vi transitano (urine, sperma, secrezione prostatica, ecc.). Le basse vie urinarie possono dare problemi non solo per causa infettiva, abbastanza spesso per la presenza di infiammazione o semplice congestione, in paricolare nel giovane. Ci chiediamo ad esempio come funzioni il suo intestino. In sintesi, riteniamo che la sua situazione debba essere rivalutata in modo un poco più "elastico" eventualmente approfondendo con altri accertamenti (es. ecografia).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Grazie per la risposta ... a livello di stomaco vado bene non ho molti disturbi a parte un po’ di reflusso gastrofaringeo ...per quanto riguarda l’urologo mi ha eseguito anche una ecografia transrettare con esito tutto regolare ma lieve asimmetria a causa di Piccolo adenoma nella prostata. Gentile dottore adesso cosa mi consiglia , cioè che analisi devo fare per riverificare la presenza di queste infenzioni da questi batteri ... e inoltre se le analisi sono dinuovo positive devo curare dinuovo questi batteri con Antibiotici ? Poiché il dottore mi ha detto di sì che devo ripetere il secreto e curare con antibiotici fini a quando non esce negativo ... ora chiedo aiuto a voi ..

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Purtroppo a distanza non posiamo esprimere che una valutazione generale. Noi non siamo molto favorevoli alle terapie antibiotiche, se non stretta ente indispensabili. Le consiglieremmo di fare molta attenzione allo stile di vita, secondo i principi infinite volte ripetuti nei nostri consulti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 480XXX

Grazie , almeno potreste consigliarmi quale esame sia più idoneo in questo caso ... prelievo secreto prostatico o tampone uretrale ....

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il tampone uretrale ha senso solo in presenza di secrezione attiva. I risultati della coltura sul liquido seminale devono comunque - come già le dicemmo - essere sempre interpretati con molto senso critico, correlandoli alla reale presenza di manifestazioni e sintomi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing