Utente 544XXX
Salve,

Il dottore mi ha prescritto per la cistite 3 dosi di Monuril.
Ho preso l'ultima dose ieri sera prima di andare a letto, solo che nei due giorni precedenti (cioè sabato e domenica), quando non avevo ancora finito la cura il bruciore si era leggermente attenuato e non c'era praticamente più nessuna perdita di pus.
Oggi invece il dolore alla minizione é sparito ma sono tornate le fuoriuscite di pus (anche se meno abbondanti di prima della cura).
Volevo sapere se é il Monuril che sta facendo effetto e quindi le fuoriuscite sono dovute all'eliminazione di tutti gli "scarti" rimanenti oppure può essere altro?
Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In linea di massima non si dovrebbero mai assumere antibiotici in modo empirico, ovvero prima di aver eseguito gli opportuni accertamnenti di laboratorio. Questo quantomeno in assenza di febbre od evidenti complicazioni. D'ogni modo, se come pare si sta cercando di curare una uretrite, è possibile che persista una secrezione anche dopo la decapitazione dell'infezione da parte dell'antibiotico. Questo è dovuto alla persistenza di una certa infiammazione, che va a stabilizzarsi gradualmente nel tempo. Se la secrezione od i disturbi dovessero persistere, a partire da 7-10 giorni dopo l'assunzione dell'ultimo antibitico si potrà eseguire la coltura su tampone uretrale e liquido seminale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing