Utente 108XXX
Salve, sono stato operato per fimosi serrata con intervento di circoncisione totale. Fino a ieri è andato tutto bene ed ha sangunato solo i primi due giorni. Oggi è l'undicesimo giorno e ormai non vedevo più sangue dall'inizio. Stamattina invece dopo forte erezione notturna mi sono svegliato sporco di sangue che fuoriesce da dove c'era il frenulo, quindi da sotto al glande. Pensavo la ferita si stesse rimarginando come detto alla prima visita di controllo... Per ora sto usando sui punti la crema Aureocort. Ho la seconda visita di controllo tra 6 giorni. Mi consigliate di anticiparla? Altrimenti cosa altro posso fare?
Grazie in anticipo per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non trattandosi di infezione, non vi è alcun motivo di applicare una crema antibiotica, che nulla può influire sulla cicatrizzazione. Questa segue il suo decorso ed è possibile che dopo 7-10 giorni inizino a staccarsi le crosticine che si sono formate subito dopo l'intervento. Le diremmo di non preoccuparsi più di tanto e sottoporsi alla visita di controllo nei tempi previsti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Grazie della risposta dottore, intanto ancora adesso continua a sanguinare sempre nella zona dove c'era il frenulo. Ma in queste condizioni domani potrò fare la doccia o l'acqua potrebbe peggiorare la situazione?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È abbastanza comune che la parte ventrale della ferita sia l'ultima a cicatrizzare. Stia sereno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 108XXX

Dottore ho notato che il sanguinamento inizia appena appoggio la garza sulla ferita. Lo avevo lasciato due ore all'aria aperta disteso sul letto senza nessun sanguinamento, poi appena letteralmente appoggiata la garza senza nemmeno bendare è fissare è iniziata la sanguinazione al solo contatto. Come mai?
La ringrazio.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Può applicare un po' di ghiaccio, non direttamente certo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 108XXX

Dottore ho un problema serio: la rimozione della Fitostimoline è letteralmente una vera e propria tortura medievale. Ieri sera ci ho messo ben 40 minuti a toglierla! Sempre nello stesso punto del glande di forma un grumo di sangue che avidamente non vuol proprio lasciare la presa con la garza. Resiste anche alla forza di gravità. Ho provato anche a bagnare la garza con acqua tiepida, ma non cambia niente. È una sofferenza atroce. Sono proprio giù di morale perché mettendo e togliendo ogni volta la medicazione quando devo urinare, questo grumo di sangue di riforma sempre e quindi non rimarginerà mai...

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
"Mai" ci pare un po' pessimistico ...
In genere l'acqua ossigenata è più efficace per staccare quel che resta attaccato. D'ogni modo, se la cosa non tende a risolversi, è opportuno che si faccia rivalutare da chi l'ha operata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 108XXX

Buonasera dottore sono stato circonciso ormai 25 giorni fa, non sto più usando nessuna garza, e mi sto sforzando di tenere il pene libero nella mutanda nonostante molta ipersensibilità, però già da qualche giorno noto che sul glande sono comparse delle macchie bianche, come fossero delle vesciche. Fa parte del decorso post-operatorio o no?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si tratta molto probabilmente della normale desquamazione della sottile pelle del glande che verrà ricoperta gradualmente da uno strato sempre più spesso e simile a quello del resto del pene.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 108XXX

Grazie mille per le risposte dottore. Effettivamente alcune di queste croste/macchie al contatto danno proprio l'aspetto di pelle più dura che si sta cheratinizzando. Altre due invece hanno colore diverso e sembrerebbero contenere pus al loro interno. Posso ignorare questo pus solido e rappreso o dovrei rimuoverlo? Tenga conto che la rimozione sarebbe di croste/bolle solidificate...

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Molto probabilmente si tratta di fibrina e non pus. Diremmo di non tormentare troppo e attendere la graduale risoluzione spontanea.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 108XXX

Buongiorno dottore, mi sorge un dubbio. Lavare il glande con acqua o altra sostanza liquida potrebbe rallentare il processo di cheratinizzazione o cicatrizzazione? Glielo chiedo in quanto si forma molto spesso una sostanza appiccicosa che fa aderire il pene alla mutanda, che ovviamente dopo quasi un mese dall'intervento non ha più garze.

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lavare con acqua, anche senza detergenti od applicazione di prodotti vari, in questa fase sia il provvedimento più naturale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing