Utente 150XXX
buonasera. Sono un paziente con IPB. Faccio dei controlli periodici del PSA e annualmente una visita urologica. A settembre 2017 i valori, determinati con il metodo della chemiluminescenza, erano
psa libero 1,21
psa totale 6,57 (valori normali 0-5)
psa lib/tot 0,18. (limite soglia 0,20)

Il controllo più recente, di fine febbraio, è stato eseguito in un laboratorio diverso, che ha usato la tecnica ECLIA; i valori sono risultati i seguenti:
psa libero 0,55
psa tot 3,76 (20)

No riesco a capire se le tecniche applicate sono le stesse o invece differenti.
Prego di volermi cortesemente chiarire se la situazione è migliorata o peggiorata.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione e la cortesia e invio cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ECLIA vuol dire ElettroChemioluminescenza e quindi metodica sovrapponibile alla prima.

I risultati ultimi sembrano migliorati ma si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva clinica terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 150XXX

egregio dottore,
la ringrazio sentitamente per la cortese e sollecita risposta. Condivido perfettamente che, oltre i preziosi suggerimenti forniti su internet, solo una visita specialistica e una attenta valutazione clinica possono dare indicazioni terapeutiche adeguate. Cordiali saluti