Utente 105XXX
Buongiorno
Da 10 anni soffro di prostatite. Sono positivo a enterococco, pseudomonas e corynebacterium glucoronoliticum.
Quest'ultimo germe resistente ai trattamenti in quanto preso durante una cistografia.
Da nove mesi prendo omnic. La flussometria va bene (flusso massimo 28). Mi è rimasto però uno sgocciolamento finale e soprattutto alla fine la minzione si interrompe e devo dare una spinta per far uscire l'ultimo getto.
Volevo sapere questo sintomo da cosa è dovuto, e se ci possono essere soluzioni. Non riesco più a prendere antibiotici perché soffro anche di reflusso dopo tutte le cure antibiotiche. Ci sono delle sostanze che possono migliorare questo fastidioso sintomo oppure devo andare avanti fino a un eventuale intervento? Cioè la prostatite provoca ipertrofia e una volta fatto un intervento non è che il problema si può con il tempo ripresentare?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La prostatite e l'ingrossamento prostatico benigno hanno storie ed evoluzioni diverse, solo in taluni casi possono sovrapporsi, ma comunque ad un'età ben superiore alla sua. Diremmo che il siìntomo di cui ci riferisce sia di poco conto, considerato il buon flusso e l'assenza di sintomi irriativi importanti o dolore pelvico, che sono invece molto comuni nella prostatite cronica. Non vi sono altre opzioni terapeutiche di efficacia certa, come sempre andiamo ripetendo, in queste situazioni sono aassai più importanti le attenzioni rivolte allo stile di vita.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 105XXX

Buon pomeriggio dott. Piana e grazie per l'interessamento.
L'urologo che mi segue non ha trovato alla palpazione la prostata messa malissimo però mi ha prescritto delle supposte di Riflog per un mese per cercare di sfiammare.
Il dolore pelvico nel mio caso c'è (ormai da 10 anni) ed è un dolore importante, visto che lo tengo sotto controllo con mutabon che agisce bene su questo tipo di dolore.
So che da lontano è difficile dirlo ma secondo lei l'unica strada percorribile nel mio caso è quella di sfiammare ?
Inoltre ho notato che con il topster ottengo comunque sempre un miglioramento dei sintomi, mentre il medico è contraio. Queste supposte naturali sono efficaci secondo lei?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ogni specialista ha le sue abitudini ... Personalmente non facciamo molto affidamento su supposte di qualsiasi tipo, ma se qualcosa le dà vantaggio non vi è motivo per rinunciarvi, considerato anche che si tratta di prodotti a bassissimo impatto e pressoché privi di controindicazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing