Utente 495XXX
Salve da circa 2 mesi avverto un dolore testicolare che è mutato nelle sue forme nel tempo, fino ad arrivare ad essere un indolenzimento/bruciore/pizzicore interno persistente tra la parte bassa del testicolo e l’ano, che si intensifica quando sono seduto(praticamente sempre) su superfici morbide, meglio invece su superfici rigide. Se sono in piedi o cammino lo avverto di meno.( il weekend diminuisce perché mi muovo di più).Fatto visita urologica, tutto nella norma, sia testicoli(dimensioni e posizione) che prostata (a seguito di ecografia trans rettale). Ecocolordoppler testicolare ok. Da ecocolordoppler vasi spermatici risulta recidiva(operato 17 anni fa con taglio) di varicocele 2-3 grado bilaterale con evidenza di reflusso. Spermiocoltura due volte negativa, spermiogramma assolutamente normale. Non lamento bruciori particolari durante la minzione. Il dottore esclude problemi urologici e mi ha suggerito RMN pelvi. Nel tempo mi ha prescritto ed ho fatto: 1 ciclo antibiotico (levofloxacina), antinfiammatori (brufen 5gg) e ananase e similari(30gg), ma io continuo ad avere dolore. Leggerissimo miglioramento con assunzione di venoruton. Lui esclude categoricamente che questi dolori siano legati al varicocele, volevo sentire altri pareri perché non riesco a risolvere. Il radiologo interventista invece dice che dipende dal varicocele e che è consigliato operarmi. Completo il quadro con visita proctologica negativa.

Grazie mille, attendo pareri per capire come indirizzare questo problema che mi tormenta.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve
chiaramente ogni medico parla secondo le proprie esperienze e propensione. Personalmente, ma è un parere strettamente personale, non ne metterei in stretta correlazione i suoi dolori al varicocele, mentre sarei orientato su problematiche di natura ortopedica pelviche o del rachide
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Intanto grazie, quindi anche lei concorda sull’utilita Di una RMN pelvi per evidenziare...ecco questo non l’ho chiesto al dottore. Cosa si può evidenziare con questo esame?

[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
qualche intrappolamento di fibre nervose che vengano quindi iperstimolate , a livello del rachide le classiche discopatie
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#4] dopo  
Utente 495XXX

Buonasera, in attesa di farla valutare all’urologo, riporto il referto della RMN pelvi con MDC:
L’esame è stato eseguito con apparecchiatura ad alto campo magnetico, immagini alta risoluzione.

Prostata presenta volume ai limiti superiori della norma, con diametro trasverso massimo di 42 mm. In corrispondenza del lobo medio non sono presenti alterazioni dì rilievo patologico.
Minima disomogeneità del segnale dei lobi periferici della prostata, aspetto compatibile con quadro su base postflogistica.
Non evidenza di alterazioni della vescica. Le pareti sono di spessore regolare. Non sono presenti linfoadenopatie delle stazioni otturatorie, iliache interne ed inguinali. Assenza di alterazioni ossee con caratteri focali nei segmenti valutati.
Normale asoetto del retto e dei piano adiposi peri rettali. Regolare morfologia delle vescicole seminali. Non sono presenti significative alterazioni post contrastografiche. Normale aspetto delle articolazioni coxofemorali e delle beabche ilio ed ischio pubica. Normale aspetto dei testicoli. Regolare morfologia dell’epididimo bilateralmente. Non evidenzia ernie inguinali.

Aspetto qualche notizia, intanto dolore persiste e non se ne esce.

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Salve
l’esame evidenzia una modesta condizione infiammatoria prostatica
come sta lei nel frattempo? Ci sono dei miglioramenti?
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.