Utente 307XXX
Salve dopo un controllo di prevenzione l'urologo mi ha comunicato che ho una sospetta prostatrite, questo è il referto:
Esame obiettivo
Genitali esterni nella norma. Si palpa varicocele sinistro. ER: prostata di dimensioni conservate, parenchimatosa, limiti netti, ruvida in corrispondenza della base.
ECOGRAFIA TRANSRETTALE: Prostata di dimensioni conservate, per un volume di circa 18mL (diametri 42x22x38mm), con piccolo lobo medio. Sono presenti calcificazioni periuretrali. il lobo medio appare ipoecogeno, come in corso di flogosi. perifericamente la ghiandola appare omogenea, senza aree ipocogene sospette e non si osservano soluzioni di continuo della capsula. congestione del plesso periprostatico. Vescichette seminali simmetrice, si osservano grossolane calcificazioni in corrispondenza delle ampolle deferenziali. Mi ha prescritto dosaggio testosterone totale e libero, prolattina, 17 beta estradiolo, vitamina D, B12, folato. Spermicoltura. Faccio presente che non ho sintomi tipo alta frequenza diurna delle minzioni o notturna,necessità di urinare con urgenza, getto debole, intermittente con difficoltà ad iniziare la minzione, sgocciolamento di urina postminzionale. L'unico problema lamento difficoltà a ragiungere l'erezione con minor turgidità. PSA 0,38 ng/ml, lieve aumento del TSH con fT4 nei limiti, esame urine nella norma.
Gentilemente mi spiegate in termini più semplici, la difficolta a raggiungere l'erezione centra qualcosa con la prostatrite, puo essere un tumore...
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

sul tema "Prostatiti e deficit dell’erezione” si legga queste news:

https://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/2552/Erezione-difficile-e-problemi-alla-prostata ,

https://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/2382/Prostata-ed-erezione-quale-legame .

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 307XXX

Dr Beretta La ringrazio per la tempestiva risposta, ma dal referto dell'ecografia non riesce a darmi qualche informazione, io sono andato semplicemente per un controllo di prevenzione non avendo sintomi mi sembra strana la "diagnosi" dell'urologo

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Una ecografia, da sola, non ci permette di fare alcuna diagnosi definitiva senza una attenta valutazione clinica diretta.

Dall’ecografia si può forse sospettare un problema infiammatorio delle vie uro-seminali ma ora bene sentire in diretta il suo andrologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 307XXX

Buonasera scusate se insisto, Vi comunico gli esiti degli esami magari mi potete dare un consiglio su come dovrei muovermi.
PROLATTINA 6.01 ng/ml 3 - 17 immunoenzimatico
ESTRADIOLO 17 beta - E2 74 pg/ml 20 - 47 immunoenzimatico
TESTOSTERONE - P 6.63 ng/ml 2 - 8 chemiluminescenza
** TESTOSTERONE libero 30.6 pg/ml 15.0 - 50.0 chemiluminescenza
VITAMINA B12 264 pg/ml 200 - 800 chemiluminescenza
VITAMINA D 25-OH 16,53

Ho notato che i valori sballati sono 2 l'ESTRADIOLO 17 beta che è 74 e la VITAMINA D 25-OH 16,53 che è carente, potete almeno dirmi a cosa possono portare questi valori non sballati. Comunque ho già prenotato la visita dall'urologo. Vorrei solo confrontarmi con voi specialisti la cura del mio dottore

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono anche questi esami ematochimici non definitivi e da studiare, valutare ed interpretare sempre con il proprio andrologo di fiducia; l’estradiolo alto comunque a volte può essere collegato ad un consumo significativo del testosterone mentre la vitamina D carente può determinare una non perfetta attività sempre del suo testosterone che comunque sembra essere nella norma.

Qui mi fermo ed ora bene sentire in diretta il suo specialista di riferimento.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 307XXX

Salve, la ringrazio per la risposta ho prenotato la visita per il 10 luglio, magari se posso vi aggiorno per un confronto.
Volevo solo chiedere cosa significa (l’estradiolo alto comunque a volte può essere collegato ad un consumo significativo del testosterone ) se i valori del testosterone sono nella norma, non prendo nessun tipo di farmaci. Poi ho letto che i valori alti di estradiolo può essere legato a forme di tumore.
Scusatemi
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non drammatizzi e ci aggiorni dopo aver fatto la visita specialistica con collega reale.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com