Utente 504XXX
Salve sono un ragazzo di 26 anni!
Scrivo questo post in questa sezione perché non so chi se ne occupa realmente di questa piccola problematica!
In pratica dopo aver urinato, o dopo la iaculazione avverto un piccolo bruciore nel meato!
Questo bruciore ogni tanto è presente anche nel corso della giornata!
Ci tengo a sottolineare che è un bruciore veramente minimo!
Guardando bene noto un piccolo arrossamento nei dintorni del meato e poco più sotto una sfumatura di colore più scura che si vede leggermente di più quando il pene non è in erezione!
Cosa può essere?
C’è da dire anche un’altra cosa..
Durante il rapporto con la mia ragazza un giorno ci siamo accorti che mentre praticavamo l’atto, tirandolo fuori sulla punta del mio pene si era attaccata una piccola sostanza biancastra grumosa e inodore!
Questo problema si è ripetuto anche nei giorni successivi e sbirciando su internet ho notato che si potesse trattare di una candida!
Potrebbe essere?
In più quale visita mi consigliate per vedere bene e risolvere questo problema? Perché sinceramente non so se rivolgermi ad un andrologo, dermatologo o ad un urologo!

Se era possibile volevo anche sapere un ultima cosa che però non credo sia collegata con la precedente in quanto questo piccolo disturbo c’è L ho da molto più tempo...
In pratica alcune volte mi capita sotto ai testicoli (per intenderci tra l’ano ed i testicoli)
Un piccolissimo formicolio che dura una frazione di secondo!
L ho sempre associato ad il panico e all’ansia perché sono un soggetto molto ansioso, ma visto che ci stavo volevo togliermi questo dubbio!

Un grazie in anticipo a chiunque dottore risponderà e a chiunque possa indirizzarmi nel posto giusto evitando così un Ping pong tra dottori!
Aspetto una vostra risposta!
Grazie davvero

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Molto spesso questi vaghi disturbi "alla punta" sono espressione di una irritazione della prostata, pertanto il disturbo è irradiato verso l'esterno lungo l'uretra. nel suo caso si dovrebbe trattare comunque di qualcosa di molto lieve. In assenza di altre alterazioni superficiali, è difficile pensare ad un problema dermatologico, come una infesione da candida. In ogni caso, sarebbe opportuna la valutazione diretta di un nostro Collega specialista in urologia, cui comunque ogni maschio adulto si dovrebbe sottoporre almeno una volta ogni 10 anni, anche in assenza di disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing