Utente 403XXX
Buongiorno.

Ho rapporti sessuali regolari con un solo partner. Ora siamo lontani perché abitiamo in città diverse e non ho rapporti.
Dopo la masturbazione, talvolta, mi capita negli ultimi giorni, di percepire un leggero formicolio a livello del meato uretrale esterno e che questo si arrossì leggermente. Tutto questo è iniziato circa 8 giorni fa quando, dopo essermi masturbato, l’ho trovato leggermente “screpolato”. Ho atteso che passasse stando a riposo. Oggi, dopo essermi masturbato, è comparso un puntino rosso che poi è scomparso. Sento, come già accennato, un leggero formicolio. Non ho nessun altro tipo di sintomo.

Vorrei sapere, per favore, come devo comportarmi? Posso ignorare questi sintomi? Non masturbarmi per un po’ e vedere se cambia qualcosa?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Sono questi segni di una verosimilmente lievissima irritazione o congestione della prostata. Limitando le eiaculazioni ad una buona d+media di 2-3 la settimana si dovrebbe scongiurare la congestione da attività eccessiva, anche se potrebbe non essere quest la causa. Se i disturbi persisistono sarà il caso che si faccia valutare direttamente da un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 403XXX

Buongiorno. Il problema è iniziato circa il 26 luglio e, ad oggi, persiste. Il medico di base mi ha consigliato una pomata, biogreen, e la farmacista mi ha dato calenduline perché non aveva l’altra e mi ha detto che sono uguali.

Vista la sua risposta posso anche smettere di utilizzarlo.

Vorrei sapere se, visto che siamo ad un totale di 16 giorni di sintomatologia, sia già il caso di rivolgersi ad un urologo o di aspettare altri 15 giorni. Lo chiedo perché ho continuato a masturbarmi con una frequenza più elevata di quella da lei consigliata

Grazie mille per la risposta

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si dia una salutare calmata (senza cadere nell'astineza però ...) e valuti l'evoluzione delle cose nelle prossime settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 403XXX

Va bene e grazie mille per l’aiuto

[#5] dopo  
Utente 403XXX

Dottore avrei bisogno solo di hn’ultima cosa. La ragione per cui scrivo è perché io studio in una regione diversa da quella in cui mi trovo ora e lì ho il domicilio sanitario (studio medicina quindi so benissimo il limite di questi consulti), ma la ragione è proprio legata al fatto che voglio capire se aspettare altri 15 giorni è un problema o meno

Il primo settembre torno su. Recentemente sento un po’ di bruciore interno, tipo una sensazione di calore, da un paio di giorni. Ho avuto un rapporto mentre la mia ragazza aveva il ciclo.

Detto questo, le indicazioni restano invariate?

Grazie per la pazienza

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Caro Collega,
l'avrai capito da solo che c'è in ballo una lieve irritazione prostatica, non necesariamente infettiva, prendi qualche anti-infiammatorio, non strapazzare l'apparato ... e vedi un po' come va.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 403XXX

Grazie ancora

[#8] dopo  
Utente 403XXX

Buongiorno dottore.

A distanza di giorni avrei bisogno di un suo perere, essendo stato utilissimo l’altra volta.

Ho fatto ciò che ha detto e poi sono andato dall’urologo il quale ha confermato ciò che ha detto, cioè una infiammazione della prostata.

Ha eliminato la possibilità di infezioni attraverso i vari esami delle urine e dello sperma. Il bruciore è sparito. Sto prendendo flogeril e froprost.

Detto questo, il problema del formicolio post masturbazione e dell’arrossamento e fastidio del meato uretrale esterno persiste in seguito all’atto. È quasi un mese.

È normale che persisti ancora?

[#9] dopo  
Utente 403XXX

Aggiungo che durante l’atto la zona diventa particolarmente rossa.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente mettendo sotto tensione l'apparato, qualcosa si può ancora manifestare. Sul significato e l'efficacia degli integratori alimentari non ci soffermiamo ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 403XXX

Grazie ancora!

[#12] dopo  
Utente 403XXX

Salve Dottore.
I sintomi precedenti sono tutti completamente andati via come da lei ipotizzato.

È comparso un nuovo sintomo, l’unico: sento pressione a livello perineale. Aumenta ed è insistente quando sono seduto (particamente quasi tutto il giorno) e arrivo a sentire il bisogno di stare in piedi. È un fastidio sempre legato alla prostatite e che una volta passata completamente dovrebbe andar via?

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Può essere, la situazione deve essere rivalutata tra alcune settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 403XXX

Grazie mille per la grande pazienza

[#15] dopo  
Utente 403XXX

Salve dottore, non passando i sintomi, ho rivisto un urologo (un altro nella città in cui studio) e mi ha confermato la prostatite e prescritto un antibiotico, il levoxacin.

Ho dimenticato di fargli una domanda e non ho modo di contattarlo. Spero possa rispondermi.

Ho rapporti non protetti con la mia ragazza. Questo può essere un problem per me o per lei? Può in qualche modo far si che non passi il problema oppure è, visti gli esiti negativi di urinocultura e spermiocultura, un’infezione che non ha nulla a che fare con le vie sessuali?

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La trasmissione per via sessuale di infezoni genito-urinarie da germi comuni (Gram negativi, intestinali) è ben poco bverosimile dal maschio alla femmina. Più facilmente può avvenire invece il contrario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#17] dopo  
Utente 403XXX

Grazie mille dottore

[#18] dopo  
Utente 403XXX

Salve dottore, tutta la sintomatologia è scomparsa e il problema effettivamente era quello che lei aveva intuito.

Oggi è comparso un sintomo particolare: ho il glande e l’amore parte interna del prepuzio arrossato con qualche sorta di brufoletto. Ieri ho avuto un rapporto sessuale. Non ho prurito o dolori.

È il caso che vada subito dal medico o in questi casi si aspetta qualche giorno, stando a riposo?

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Aspetti qualche giorno
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 403XXX

Grazie mille come sempre

[#21] dopo  
Utente 403XXX

Salve dottore. Dopo varie visite ed ecografie, la diagnosi è di prostatite cronica. Recentemente mi compare un sintomo nuovo: mi capita ogni tanto (circa 10 giorni tra un episodio e l’altro) che sul glande e/o sul meato uretrale esterno si formi una sorta di pellicina bianca che poi viene via, il tutto accompagnato da leggero rossore. Non ho altri sintomi.

Può essere un sintomo legato alla prostatite o devo fare un’altra visita? Il caso ha voluto che accadesse dopo l’ultima visita e quindi non ho potuto riferirlo al mio urologo.