Utente 500XXX
Buongiorno,

Vorrei chiedere il vostro consulto riguardo ad un intervento uretrale subito quando avevo 5 anni.
La mia difficoltà è sempre stata quella di non riuscire a svuotare completamente la vescica e,
di conseguenza, dato che l'urina tornava indietro e ciò causava non pochi disagi, si è deciso
per operarmi e impiantarmi un tubicino di plastica nell'uretra.
Ciò che mi preme, a distanza di 22 anni, è sapere se il trascorrere del tempo può corrodere
questo impianto e se debba tornare sotto ai ferri.
Chiedo perché ho notato che, negli ultimi tempi, sono tornata a non urinare del tutto durante la minzione,
e continuo a soffrire di cistiti e infezioni molto ricorrenti.

Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte e per l'aiuto che saprete darmi.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tenga presente che in chirurgia il termine “plastica” corrisponde genericamente ad un intervento di rimodellamento, in questo caso dell’uretra ((uretroplastica). Pertanto non vi è nulla a che vedere con inserti sintetici, che certamente non avrebbero potuto rimanere in sede per un tempo così lungo. Se lei pensa di avere dei problemi nell’urinare, è opportuno che si rivolga direttamente ad un nostro Collega specialista in urologia, cercando di recuperare quanto più documentazione possibile sull’intervento cui è stata sottoposta in età pediatrica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Salve Dr. Piana,

La ringrazio per la risposta data.
A dir la verità mi sento piuttosto imbarazzata per la gaffe fatta; Ammetto che sono cresciuta con questa convinzione, inerente all'impianto, in quanto fin da piccola, in famiglia, mi hanno sempre riferito che si trattava di un inserto di quel tipo, il che ha sempre suscitato dubbi in me, però ripetendomelo assiduamente, alla fine vi avevo creduto.
Seguirò il suo consiglio e vedrò di rivolgermi a uno specialista che possa aiutarmi.

Grazie ancora.